Pubblicità

Il linguaggio dei sogni

I ricercatori del presente studio hanno tentato di comprendere se il linguaggio usato dalle persone per descrivere i propri sogni differisce dal linguaggio che usano per descrivere le loro esperienze di veglia.

il linguaggio dei sogniCapita spesso di svegliarsi e ricordare le immagini principali dei sogni fatti durante la notte, ma non si riesce a ricordare nient'altro.

Molte persone, tengono un taccuino ed una matita vicino al letto così da poter cogliere l'essenza di un sogno prima che, riaddormentandosi, lasci completamente la sua coscienza.

Al contrario, potrebbero anche esserci dei sogni che non si riescono a dimenticare, nonostante si possa desiderare di rimuoverli.

In questi casi, forse il sogno comporta il rivivere un grave incidente o una rottura dopo il fallimento di una relazione a lungo termine.

Mentre il giorno si consuma, il ricordo del sogno inizia a trasformarsi con la memoria dell'evento reale, ma spesso si desidera di poter tornare al sogno reale nel tentativo di ottenere una visione del modo in cui l'evento della mente si è ripetuto.

La ricerca sui sogni soffre dell'ovvio problema di ottenere rapporti attendibili dai partecipanti delle loro esperienze.

Non esiste una realtà ”oggettiva” dalla quale i ricordi possono essere confrontati, e anche se i partecipanti sono costretti a svegliarsi dopo aver superato il sonno REM, questo non assicura che possano trovare le parole giuste per descrivere le loro esperienze.

Sviluppare un lessico per i sogni, quindi, sembrerebbe fornire una possibile soluzione al problema consentendo così ai ricercatori di costruire un database di termini simili per classificare ciò che i partecipanti agli studi sui sogni sono in grado di dire sui loro viaggi notturni attraverso lo stato inconscio.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330

Kelly Bulkeley, del Sleep and Dream Database di Portland, Oregon, ha collaborato con Mark Graves, del Fuller Theological Seminary per adattare un programma computerizzato alla codifica del linguaggio naturale attraverso l'uso di gruppi di categorie predeterminate.

Il database è stato lanciato da Bulkeley nel 2009 come un archivio digitale destinato ad ampliare il già esistente “Dreambank”, un deposito online di materiale onirico.

Bulkeley ha aggiunto diverse funzionalità al suo database, sperando di migliorare il modo in cui i dati dei sogni possono essere analizzati per produrre “i modelli di contenuto più forti e significativi”.

Il rapporto Bulkeley e Graves descrive l'adattamento ai sogni del sistema Linguistic Inventory e Word Count (LIWC) sviluppato dallo psicologo dell'Università del Texas, James Pennebaker e colleghi negli anni '90.

Il sistema LIWC include 100 diverse categorie analitiche da applicare alla scrittura espressiva. Dato che le persone non sempre in grado di spiegare i loro sogni in parole, qualsiasi analisi testuale presenta una sfida significativa.

Inoltre, non è chiaro se l'uso di un sistema di analisi del conteggio delle parole standard consentirebbe la distinzione tra diversi tipi di sogni.

Tenendo presente queste precauzioni, Bulkeley e Graves hanno analizzato una raccolta di sogni nel loro database per un totale di 5208 segnalazioni separate di sogni della notte precedente o di due notti precedenti da parte dei partecipanti.

Una seconda raccolta ha coinvolto 625 segnalazioni dei cosiddetti “peggiori incubi”, e 388 in più sono state tratte da resoconti di lucida autocoscienza in cui le persone sapevano in modo consapevole di stare sognando.

Il set di paragone di materiale verbale comprendeva scritti ottenuti da blog personali, scritti espressivi di romanzi universitari, romanzi inglesi scritti tra il XVII° secolo ed il XXI° secolo, discorsi naturali registrati durante le esperienze quotidiane delle persone, articoli del New York Times scritti tra il 2010 ed il 2014 e post su Twitter.

Pubblicità

Questo gruppo eclettico di scritti avrebbe potuto fornire, secondo gli autori, un'ampia gamma di materiali di confronto.

La principale questione di interesse in questo studio completo ed innovativo era se il linguaggio usato dalla persone per descrivere i propri sogni differisce dal linguaggio che usano per descrivere le loro esperienze di veglia.

Le categorie utilizzate per il confronto includono “processi linguistici” (tono, parole/frase, parole del dizionario, pronomi personali, verbi comuni), “processi psicologici” (emozioni positive e negative, riferimenti femminili e maschili, sessualità, alimentazione), “orientamento temporale” (passato, presente, futuro), “preoccupazioni personali” (lavoro, tempo libero, casa, denaro, religione, morte) e “punteggiatura”.

Attraverso i confronti tra i report di base e quelli onirici, Bulkeley e Graves hanno osservato che ci sono forti differenze nel modo in cui le persone descrivono i loro sogni rispetto alle altre ampie categorie di linguaggio esaminate.

Le categorie più elevate nei sogni rispetto alla base comprendevano un focus sul passato, l'uso di affermazioni inizianti per “Io”, l'uso di pronomi, il riferimento al movimento, lo spazio, la casa e l'uso delle parole del dizionario.

È importante sottolineare che i sogni erano anche permeati dal cosiddetto “linguaggio autentico”, definito come “il grado in cui una persona filtra attivamente ciò che lui o lei sta dicendo per un pubblico”.

L'insolita percentuale alta di tale lingua autentica, spiegano gli autori,“sembra essere un riflesso delle origini inconsce del sogno e della sua libera espressione di pensieri, sentimenti, desideri e paure non censurati”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748
Dottor Luigi Pignatelli
via Romagna, 20 - TARANTO
Cell.: 331 1087853

Il fatto che le persone nei resoconti dei sogni parlassero di parole relative alla casa supporta la tendenza delle persone a fare riferimento ad aspetti familiari del loro ambiente nei loro sogni.

Il linguaggio dei sogni sembra, concludono gli autori, più romanzato e meno naturale, suggerendo che i sogni hanno lo stesso scopo della narrazione narrativa.

Avendo stabilito la differenza tra i sogni e la parola in altri contesti, i ricercatori hanno poi continuato a determinare se potevano operare distinzioni tra i diversi tipi di sogni.

Gli incubi, come già evidenziato dalla letteratura, avevano il maggior numero di riferimenti all'ansia, rabbia, tristezza, morte e familiari.

Il coinvolgimento dei membri della famiglia, sottolineano gli autori, si riferisce al “motivo dell'incubo comune di un'invasione dello spazio personale intimo, che spesso coinvolge i membri della famiglia come aggressori o vittime”.

Il sogno lucido, al contrario, comportava un maggior uso di riferimenti cognitivi nel linguaggio e poche parole sulla percezione visiva.

Come concludono gli autori, “l'attenzione del sognatore sulla propria consapevolezza può subentrare a scapito dell'attenzione all'apprensione visiva dell'ambiente”.

Dati i differenti modi in cui le persone sperimentano e riportano i loro sogni, è impressionante che gli autori siano riusciti a distillare i tre tipi di stati legati ai sogni in queste categorie predominanti.

La ricchezza e la complessità di questo stato di coscienza alterato è quindi portatore di un fascino infinito e, con sempre nuovi strumenti, si avrà la possibilità di approfondire anche la propria storia personale.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 289 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.