Pubblicità

Il mito del benessere

felicità2Decisamente l’essere umano non è fatto per essere felice. Basta aprire un giornale o accendere la TV per rendersene conto, oppure anche semplicemente scorrere le pagine Facebook dove, specialmente in questo periodo, spopolano le ricette per la felicità, tra meditazione, rilassamento, autocoscienza, oppure, più spicciativamente, sentenze, precetti, belle uscite poetiche e aneddoti i più diversi che ci indicano le vie per sfuggire al pantano delle nostre paure e della nostra umana povertà.

Sarebbe bello, se fosse vero. Peccato che una bella frase, o una felice intuizione, seppur in grado di colpirci per un attimo, e magari avviare anche un processo di pensiero, restino poi lettera morta nei sargassi delle buone intenzioni.

Molti illustri pensatori, volando alto sulla piccolezza delle loro stesse umane esistenze, ci hanno fornito straordinarie sintesi delle vie che loro stessi avrebbero potuto percorrere …. se solo ci fossero riusciti. Freud per primo (e tutti coloro che frequentano questa pagina avranno capito da un pezzo quanta stima e quanta considerazione io nutra per questo straordinario eppure così quotidiano personaggio) parla apertamente dell’insopportabile peso dell’esistenza e del suo essersi riconosciuto francamente isterico e bisognoso di cure, dopodiché, non essendovi all’epoca altri psicoanalisti oltre a lui, dovette contentarsi di curarsi da solo, con esiti certamente incerti e parziali. Fece della sua piccolezza una teoria ed una prassi che hanno cambiato il mondo, e probabilmente il suo merito più grande fu proprio quello di non essersi lasciato schiacciare dal suo male.

Jung, un altro gigante nella storia della psicologia, ci confessa candidamente di essere andato in giro con una pistola per spararsi quando fosse stato assalito da un ulteriore attacco di depressione, e in “Ricordi, sogni e riflessioni” ci descrive situazioni oniriche al limite della psicosi, il che non gli impedì di proporsi ai suoi seguaci come una specie di guru, sicché la storia della sua vita ci giunge come una sorta di agiografia tutta da decodificare e purificare per intravederne la verità.

Cose analoghe potremmo dire di altre figure capitali della psicologia, come ad esempio Melania Klein e della sua vita tormentata da pessimi rapporti con l’allattamento, con la morte, con le figlie e via discorrendo. E mi accorgo di star parlando solo di protagonisti nel mio campo: ma che dire di altri personaggi più o meno attuali, dai tormenti di Leopardi alleviati solo da una poesia sublime, alla testa spiccata dal busto di Golia in cui il Caravaggio ritrae se stesso, agli attacchi di panico del Manzoni - che lui stesso ci descrive con straordinaria lucidità, pur non sapendo bene di cosa si trattasse - ed al suo rifugiarsi nella fede e nella Divina Provvidenza? O nell’ulcera cancerosa che uccise Napoleone, chiarissima somatizzazione di una grandezza decaduta? O ancora dello stesso Dante, la cui opera straordinaria muove in fondo dalla rabbia dell’esilio, come lui stesso ci fa capire attraverso la struttura stessa del sommo Poema?

Decisamente, la felicità non è di questo mondo. Anzi, sembra che le cose più significative ed alte, quelle che realmente ci definiscono come esseri umani, nascano e siano nate dal dolore e dai bisogni più urgenti. Dunque, sembra proprio che una certa dose di sofferenza e di dolore siano parte integrante e necessaria della vita, ed anzi che costituisca in qualche modo il carburante necessario all’evoluzione, alla crescita ed alla creazione. Viene dunque spontaneo chiedersi se la terra promessa del “benessere” - un termine figlio del marketing, che personalmente trovo assolutamente idiota - non sia altro che una colossale bufala.

E’ vero, ci possiamo “distrarre” dai nostri problemi, ed anzi direi che in una certa misura sia assolutamente giusto e necessario. Ma dobbiamo stare attenti a che, di distrazione in distrazione, non si scivoli nel vuoto e nella mancanza di senso, che fatalmente ci portano nella depressione più nera e talvolta nella follia, come mi pare che dimostri l’andamento attuale della nostra civiltà così ricca di fatue tentazioni. 

Alquanto diverso è invece il discorso dei sintomi, che non fanno assolutamente parte dell’equilibrio di chiaroscuri necessario dell’esistenza, ma che invece rappresentano il segnale d’allarme che da qualche parte, nell’intimo, c’è qualcosa che non va e che non dovrebbe esserci. Allora, e solo allora, si giustifica l’intervento dello psicologo, l’unica figura in possesso degli strumenti e della tecnica che gli consentono di addentrarsi senza rischi nei meandri della mente. Ma con un’avvertenza: se chi promette il benessere e la pienezza della mente è un pericoloso venditore di fumo, lo psicologo (quello vero) non promette in alcun modo la felicità, ma più modestamente tenta di restituire alle persone la capacità di farcela da soli nell’affrontare le inevitabili avversità della vita.

 

Dottor Claudio Nudi - Psicologo, Psicoterapeuta

 

 

  |   Letto: 3038 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Psicoterapia psicoanalitica

La scuola psicoanalitica nasce grazie alle teorie elaborate da Freud. La psicoanalisi si propone come obiettivo non tanto l’interpretazione degli aspetti cognitivi e fisiologici del comportamento umano, bensì lo studio e l’analisi di tutte le manifestazioni motivazionali e dinamiche, che sono meno e...

La gruppoanalisi

Siegfrier Heinrich Foulkes e la nascita della gruppoanalisi: diversamente da Freud che attribuiva primaria importanza al mondo pulsionale, Foulkes asserisce che i processi interni non sono altro che interiorizzazioni delle forze che operano nel gruppo al quale egli appartiene. La gruppoanalisi è un pa...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.