Pubblicità

Il mito di Cenerentola

Articolo a cura della Dottoressa Tamara Marchetti

cenerentolaLe sconfitte e gli insuccessi più forti della vita, sono causati dalla morte di persone care e dalla carenza di affetto ricevuti nella prima infanzia. E' un bisogno fisiologico istintivo, colmare il vuoto prodotto, senza però cadere nella sindrome dettata dalla ricerca di un risarcimento senza limiti.

A tutti noi è nota la favola di Cenerentola, la bambina che rimane con la matrigna e le sorellastre dalle quali riceve ingiustizie e maltrattamenti.
L'insegnamento che questa favola ci fornisce è che, ciò che inizia male, può essere un presagio per un miglioramento effettivo e sostanziale nel futuro.

Quello che viene definito con il termine: mito di Cenerentola è un tratto di personalità che caratterizza come la protagonista della favola, coloro che hanno subito deprivazioni importanti già nell'infanzia, quale appunto la perdita di un genitore oppure una carenza affettiva dettata dalle scarse risorse familiari.

Le persone che sono sottoposte a questo tipo di destino, reagiscono o con l'assoluta fragilità, oppure come appunto accade a Cenerentola non si abbattono, ma affrontano la vita senza entrare in sfida con le avversità, aspettando il momento in cui l'occasione è proprizia per rialzarsi.
Il perseguire buoni risultati nel campo degli studi e della formazione, oppure in campo professionale, sono facilmente riscontrabili in persone che alle spalle hanno subito un evento sfortunato, una difficoltà evidente, ma inevitabile.

Questa voglia di riscatto perseguita andando avanti nella vita in maniera positiva, senza lasciarsi andare al declino delle difficoltà subite, comporta un vero e prorio riscatto che in termini psicologici si chiama risarcimento.Tornando alla favola infatti, ad un certo punto, Cenerentola, si trova ad essere straniera in casa sua, dove il potere decisionale è nelle mani della matrigna, la quale fa favoritismi alle sorellastre di Cenerentola a svantaggio di quest'ultima, ma non ostante questo Cenerentola, rimase gentile e cortese sognando che un bel giorno la felicità sarebbe arrivata.

Pubblicità

La tenacia è una componente importante, non aver paura delle difficoltà della vita, ma saperle affrontare una alla volta senza arroganza e rabbia, ma semplicemente prepararsi, come uno studente che studia per superare gli esami o un calciatore che sia allena per vincere insieme alla propria squadra; sono risultati importanti che tutti possiamo raggiungere se non ci perdiamo d'animo, ma sappiamo aspettare che la fortuna ci sorrida e a quel punto sappiamo non tirarci in dietro.

Tutti noi abbiamo bisogno di ottenere buoni risultati nella vita, a partire dalle cose più semplici, come il rispetto, la soddisfazione per aver trovato un lavoro che ci realizzi, oppure in campo sentimentale, un uomo o una donna con la quale voler stare e starci bene. Non serve essere strapotenti, ma sapere che prima o poi se lo vogliamo siamo tutti capaci di migliorare la nostra condizione di vita.

cenerentola2Riscattare se stessi è sicuramente una prova di forza, ma anche di impegno lento e costante che sottende una buona volontà.Alcune volte, quello che purtroppo accade in molte persone è che, il mito di cenerentola, da risorsa così come abbiamo fin'ora detto, può diventare una vera e propria sindrome, perdendo in questo caso di efficacia e positività.Quando cioè, un vuoto iniziale nella vita, scatena poi nella crescita una morbosa ricerca di succeso, dove è come se il risarcimento non bastasse mai a cicatricizzare la ferita primordiale.

In questi casi, si è molto concentrati su se stessi perdendo di vista tutto il resto e anche nei confronti del proprio sè non si è affatto rispettosi, ma tutta la vita ruota intorno al perseguimento di certi risultati e non si ha più neanche la capacità di ascoltarsi ed iniziare a capire cosa c'è che non va.
In questi casi come è logico che sia è meglio affidarsi all'aiuto di un esperto, per elaborare insieme il proprio vuoto, le proprie carenze e, capire di cosa si ha così tanta paura da ridursi schiavi del materialismo e dell'arrivismo.

 

Dott.ssa Tamara Marchetti
Psicologa clinica e di comunità, Psicoterapeuta familiare

 

  |   Letto: 19165 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La Psicoterapia può “riparare” il DNA?

La psicoterapia è in grado di invertire l’aumento dei livelli endogeni di rottura di DNA nei soggetti con Disturbo post-traumatico da stress, riportandoli ad un livello normale. Precedenti ricerche hanno rivelato un’associazione tra stress traumatico e incremento del rischio per lo sviluppo di numerosi ...

La linea sottile tra solitudine e paranoia

Quanto il “sentirsi soli” partecipa alla formazione e al mantenimento della paranoia!? Il “sentirsi soli” è uno dei principali e maggiori problemi menzionati dai pazienti con psicosi. Diversi studi hanno infatti rivelato che i sintomi psicotici siano strettamente correlati con la solitudine. Schwab...

Psicoterapia, miti e credenze

Esistono dei miti associati alla psicoterapia? Quanto le persone ne sono influenzate? In questo articolo si cercherà di abbattere lo stigma, la paura e la disinformazione che ruota intorno al mito: “Andare in psicoterapia significa che sono debole, instabile o 'pazzo'!”. Le sfide della sal...

Psicologia e dipendenza dai social media

Secondo diverse ricerche, i social media sono strutturati per coinvolgere le persone al suo interno: attirano gli utenti sulla base dei contenuti, offrono uno spazio per presentare il proprio Sè, aumentano i sentimenti di fiducia ed autostima attraverso interazioni poco reali. La psicologia che si occ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.