Pubblicità

Il mito di Era, la dea del matrimonio

L'archetipo di Era si ritrova nelle donne che desiderano tanto sposarsi da sentirsi incomplete senza un partner. Il suo dolore per essere celibe è profondo e doloroso come il 'lutto' delle donne che provano molte volte ad avere un figlio e non sono in grado di farlo.

il mito di era la dea del matrimonioCarl Jung ha coniato il termine archetipo e lo ha definito come simbolo universale nella mente che può essere osservato nei sogni e nei miti.

Gli archetipi rappresentano quel nostro potenziale che giace dormiente nella mente inconscia.

Dal punto di vista mitologico, la regale e bella Era era consorte di Zeus, il Dio supremo dell'Olimpo che regnava su tutta la terra.

Il suo nome significa “Grande Signora” o “Eroina” e rappresenta la forma femminile della parola greca “eroe”.

Quando descritta, veniva definita dagli “occhi bovini”, per i suoi occhi adorabili e vigili. Il pavone era un altro simbolo che le veniva affiancato, in quanto la piuma della sua coda iridescente aveva un “occhio”, altro simbolo della sua vigilanza.

Si credeva che la Via Lattea fosse formata dal latte materno che irrorava dal seno di Era. Qualunque goccia che cadeva a terra diventava giglio, simbolo del potere autofecondante del corpo femminile.

I simboli di Era mostrano che era una potente dea venerata molto prima di Zeus; nella mitologia greca, Era veniva solennemente riverita nei rituali come potente dea del matrimonio.

La bellezza di Era attrasse molto Zeus, ed Era voleva così tanto sposarsi che questo era il suo unico obiettivo nella vita.

Zeus aveva avuto altre consorti prima di Era, e sebbene fosse rimasto fedele a lei per 300 anni, ritornò ai suoi ex modi promiscui, facendo infuriare Era e facendola divenire estremamente gelosa delle altre donne nella sua vita.

A causa della continua infedeltà, Era, invece di essere arrabbiata con Zeus, scaricava la sua ira e la sua vendetta sulle altre donne e la loro prole. Il matrimonio per Era era sacro, e questa forma di disonore la faceva estremamente arrabbiare.

Ma la sua rabbia era molto distruttiva. Ad esempio, Era scatenò un drago per distruggere l'intera città di Aegina, consorte di Zeus. Quando nacque Dioniso, fece impazzire i suoi genitori adottivi.

Quando Zeus tradì Era con Callisto, Era mutò Callisto in un orso per cercare di ingannare il figlio e farla così uccidere.

Ma Zeus decise di porre la madre ed il figlio nel cielo dando loro il nome delle attuali costellazioni di Orsa Maggiore ed Orsa Minore.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112

Era, nuovamente insultata quando Zeus fece nascere Atena da sé stesso - si narra infatti che Atena nacque già adulta e armata dalla testa del padre dopo che lui aveva mangiato la madre Meti -, decise di dare alla luce un figlio senza di lui.

Concepì Efesto, Dio del fuoco, ma essendo nato con un piede storto non era perfetto come Atena. Zeus non aveva nemmeno bisogno di una moglie per avere un figlio.

L'archetipo di Era è visto nelle donne che desiderano tanto sposarsi da sentirsi incomplete senza un partner.

Il suo dolore per essere celibe è profondo e doloroso come il lutto delle donne che provano molte volte ad avere un figlio e non sono in grado di farlo.

Quando una donna “Era” diventa parte di una relazione impegnata, è felice, ma solo se conduce al matrimonio.

Ha bisogno del rispetto, del prestigio e dell'onore che il matrimonio le promette e vuole essere la signora di qualcuno.

Questa non è una donna che vivrà con un uomo e basta. Vuole un anello al dito, una data di matrimonio, l'altare nuziale e una bella luna di miele.

Vuole il grande, stravagante matrimonio in chiesa, non una cerimonia veloce a Las Vegas o alle Bahamas.

Questa è una donna che si sente come una dea nel giorno del suo matrimonio che spesso definisce come il miglior giorno della sua vita.

Per questo motivo Era è anche definita come la Dea Greca del matrimonio.

Una donna simile ad Era non è molto brava ad inquadrare le persone. Potrebbe infatti ritrovarsi sposata con un uomo emotivamente immaturo per la sua fretta di sposarsi.

Pubblicità

Quando scopre che la sta tradendo, invece di arrabbiarsi, eviterà di discutere i loro problemi, quindi è spesso sposata con un donnaiolo.

La sua rabbia sarà diretta verso “l'altra donna” invece che verso suo marito. Soffre di dolori psicologici ed esiste un forte divario tra le sue aspettative su cosa dovrebbe essere il matrimonio e cosa sia realmente il suo matrimonio.

Cercherà di compensare questo praticando diverse attività sociali, nel tentativo di dare l'immagine della coppia perfetta.

E' inoltre la persona che, meno probabilmente, chiederà mai il divorzio.

Anche se suo marito vuole lasciarla, lei manterrà il suo nome e probabilmente troverà ragioni per continuare a chiamarlo per questioni banali, anche se si è risposato.

Una donna “Era” di solito ha figli perchè questo fa parte del ruolo di essere una moglie.

Tuttavia, non avrà molto istinto materno, a meno che non abbia in sé una parte della Dea Demetra.

Neanche lei ama troppo il sesso, si aspetta che l'uomo prenda sempre l'iniziativa, ma proverà a fare questo passo come parte della “descrizione del lavoro” e, auspicabilmente, avrà in lei anche una piccola parte della dea Afrodite.

Rispetto alla Dea Afrodite, qualora si desiderasse approfondire il suo mito è possibile consultare il seguente articolo: Il mito e la ferita di Afrodite.

Era sacrificherà ciò che è nell'interesse superiore dei suoi figli se contrasta con quelli del marito.

Molte donne hanno avuto padri critici o difficili che non avevano mai avuto tempo per loro.

Quando trovano il coraggio di discuterne quando sono più grandi, le loro madri spesso le rimproverano di “disturbare” i loro padri.

Quindi, una donna Era ha spesso avuto una mamma Era. I suoi anni di mezzo sono felici se è in un matrimonio stabile con un uomo che raggiunge una certa misura di successo.

Una Era non sposata, divorziata o vedova si percepisce come miserabile. La mezza età è un periodo in cui molti matrimoni vengono messi sotto stress, perchè se un'altra donna entra nel quadro, Era renderà tutti infelici con la sua possessività, la gelosia e la riluttanza a lasciarsi andare.

Riconoscere l'esistenza di alcuni tratti riconducibili alla Dea Era è già un primo passo. È meglio non saltare troppo presto al matrimonio e prendere tempo per conoscere bene il partner.

Una donna Era è troppo dipendente dal marito e deve imparare a sviluppare le proprie capacità di problem solving.

Per lasciare andare le sue tendenze, “Era” deve lasciar andare il suo “Zeus”. Deve imparare che un'altra persona non è mai responsabile della propria felicità. Lei deve trovarla dentro di sé.

È una 'sua colpa' se è rimasta fedele ad un uomo senza fede e ha ignorato tutti nella sua vita per dargli tutto il suo tempo e la sua attenzione.

Ha bisogno di provare nuove esperienze, di crescere e di cambiare, di essere la donna venerata e forte che era una volta, ossia la Dea del matrimonio e della vigilanza.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 1089 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.