Pubblicità

Il nuovo punto della situazione sulla progressione della Malattia d’Alzheimer.

Uno studio ribalta le concezioni finora acquisite sullo sviluppo di questa patologia.


alzheimerLa Malattia d’Alzheimer è un disturbo neurodegenerativo, per il quale, nonostante anni ed anni di ricerca, non ci sono trattamenti o cure efficaci.

Tuttavia, le recenti scoperte nel campo della genetica molecolare hanno mostrato che il disturbo potrebbe diffondersi, come un’infezione, tra aree del cervello strettamente connesse.

Questi risultati sottolineano la necessità che la ricerca si concentri nel delineare la diffusione di questa patologia sin dalle origini, così che possano essere sviluppate terapie che vadano ad agire sulle aree coinvolte.

Una collaborazione internazionale tra il Dott. Nathan Spreng, assistente professore di Human Development della Cornell University e the Rebecca Q. and James C. Morgan Sesquicentennial Faculty Fellow in the College of Human Ecology, e la Dott. essa Taylor Schmitz, del Cognitive Brain Sciences Unit dell’University of Cambridge, mette in evidenza la regione del proencefalo basale, dove la degenerazione del tessuto neuronale, causata dalla Malattia di Alzheimer, appare ben prima che emergano i sintomi cognitivi e comportamentali del disturbo.

Il proencefalo basale, infatti, contiene un ampio numero di neuroni ad alta intensità, connessi tra di loro, i quali sono particolarmente vulnerabili al disturbo.
La Dott. essa Schmitz ed il Dott. Spreng affermano che, man mano che l’Alzheimer progredisce, la degenerazione del proencefalo basale predice la successiva degenerazione nelle regioni cerebrali del lobo temporale, coinvolte nella memoria.

È vero che, come dimostrano altre ricerche correlate, la Malattia, in realtà, impiega del tempo a diffondersi tra le regioni cerebrali, ma questo studio è importante perché contesta una credenza, ampiamente sostenuta, per la quale esso origina nel lobo temporale.
Speriamo che questo lavoro porti gli studiosi a riorganizzare il campo di ricerca, per riconsiderare da dove origina il disturbo”, ha spiegato il Dott. Spreng. “Ciò potrebbe aprire nuove strade d’intervento; sicuramente nella fase di rilevazione”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950

Lo studio ed i risultati.

Quanto riferito dagli studiosi è il prodotto di uno studio, durato due anni, su un ampio campione di anziani, raggruppati per età.

All’interno di questo insieme, un gruppo aveva un livello cognitivo nella norma, secondo quanto emergeva dai test standard, mentre gli altri erano caratterizzati da diversi livelli di compromissione cognitiva:

•    Individui con Deterioramento Cognitivo Lieve (MCI), che non sviluppavano la Malattia di Alzheimer;


•    Individui con MCI, che svilupparono la Malattia di Alzheimer dopo un anno; e


•    Individui che avevano già la Malattia.

Attraverso l’analisi delle immagini anatomiche ad alta risoluzione dei volumi cerebrali, effettuata per tre volte durante i due anni dello studio, i ricercatori riuscirono a determinare che gli individui con MCI o Malattia di Alzheimer avevano delle perdite più consistenti nel volume della materia grigia, sia nel proencefalo basale, che nel lobo temporale, rispetto ai controlli con livello cognitivo nella norma.

Inoltre, essi hanno mostrato che, in questo periodo, la degenerazione del tessuto neuronale nel proencefalo basale prediceva la successiva degenerazione tissutale nel lobo temporale, ma non viceversa.


Qual è il ruolo della Beta-amiloide nel nuovo modello?

Il Dott. Spreng ha spiegato che un campionamento del fluido spinale, proveniente da adulti sani, può rilevare un livello anormale della proteina beta amiloide, segnale rivelatore della Malattia di Alzheimer.

I risultati del test mostrarono che i lobi temporali apparivano uguali, indipendentemente dal livello della amiloide, ma il proencefalo basale mostrava una degenerazione notevole tra quegli adulti apparentemente sani, ma con livelli anormali di questa proteina.


Considerazioni.

Il Dott. Spreng ammette che essere capaci di predire chi svilupperà tale patologia non significa molto senza un protocollo per trattare e curare, in definitiva, il disturbo.

Il lavoro futuro della genetica molecolare rappresenta una grande promessa per le strategie terapeutiche in via di sviluppo, volte a prevenire la diffusione della patologia, a partire da stadi della Malattia che precedono il declino cognitivo”, ha concluso la Dott. essa Schmitz. “L’aver indicato un punto più precoce, in cui origina la diffusione dell’Alzheimer, è, quindi, di massima importanza per fornire una guida nel combattere questo disturbo devastante”.    
    
    

 

 

Fonte: CornellUniversity.edu (www.news.cornell.edu)        

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2505 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Col tempo… Si cambia!

Una ricerca ha dimostrato che, invecchiando, la nostra personalità cambia. È opinione comune che la vita, con le sue gioie ed i suoi dolori, ci porti a cambiare! Che sia in meglio, o in peggio, negli anni non resteremo mai la stessa persona! ...

iPhone o Android? Una scelta che ricalca la vostra personalità!

Il vostro cellulare può rivelare chi siete! Dimmi che cellulare usi… E ti dirò chi sei! In un’era, in cui il digitale la fa da padrone, non c’è frase più appropriata di questa! ...

Il fascino della barba: mito o realtà?

La barba rende davvero più attraenti gli uomini? Cosa ne pensano le donne?     La nuova moda del momento, per gli uomini, è avere la barba! Più lunga, più corta… Più folta, più rada… Più o meno curata… Insomma, gli uomini tengono sempre di più al loro aspetto fisico e vi i...

I trucchi per tornare a lavoro dopo le vacanze!

Alcuni suggerimenti per affrontare al meglio il ritorno a lavoro. Ci siamo… Ormai, più o meno tutti abbiamo avuto l’opportunità di partire per le tanto agognate vacanze estive! Ma, come tutte le cose belle, esse sono già passate… Ed è ora di tornare a lavoro nel nostro ufficio! ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.