Pubblicità

Il panico è davvero sconfitto?

Non si può parlare di completa guarigione se restiamo legati alle nostre illusorie “ancore di salvezza” (le gocce di ansiolitico, la bottiglietta d’acqua, il cellulare).

checklistI "safety behaviours", o comportamenti protettivi, sono strategie che la persona con disturbo di panico e agorafobia (ma anche con altri disturbi d'ansia, come disturbo d'ansia generalizzato, disturbo ossessivo-compulsivo, fobia sociale), mette in atto per evitare le conseguenze catastrofiche temute (es. svenire, avere un infarto, perdere il controllo).

Questi comprendono sia l'evitamento di alcune situazioni, che la fuga da esse; esistono poi strategie protettive più "sottili", come per esempio portare sempre con sé una bottiglietta d'acqua, i propri medicinali, o il cellulare.

Se nel breve termine questi comportamenti producono un abbassamento del disagio, nel tempo provocano come effetto secondario il mantenimento (e in alcuni casi l'esacerbazione) della sintomatologia ansiosa, poiché non permettono al soggetto di sperimentare la falsificazione delle proprie cognizioni errate. La persona tenderà ad attribuire il merito dell'assenza di ansia all'oggetto che ha portato con sé.

Mi spiego meglio. Una persona con disturbo di panico sperimenterà un intenso disagio all'idea di trovarsi, per esempio, in coda al supermercato, poiché temerà di trovarsi senza via d'uscita qualora le si presentassero i sintomi dell'attacco di panico (es. tachicardia, sensazione di mancanza d'aria, "nodo alla gola", tremori, sudorazione, ecc.).

Se questa persona decidesse di affrontare la situazione "supermercato" nonostante l'ansia, portando con sé la bottiglietta d'acqua (o le gocce di Xanax, o qualsiasi oggetto la aiuti in quel momento), si potrebbe verificare la seguente situazione: riuscirà ad andare al supermercato, probabilmente l'ansia non arriverà a livelli troppo intensi, e la persona attribuirà il merito di questo successo alla sua bottiglietta di acqua, con pensieri del tipo "se non avessi avuto con me l'acqua non ci sarei mai riuscita" (in realtà spesso la persona non utilizza nemmeno l'oggetto di sicurezza, ma ha bisogno di saperlo comunque a portata di mano).

In questo modo diventerà sempre più dipendente dall'oggetto in questione, diminuirà il proprio senso di autoefficacia ("senza un appoggio non ce la posso fare"), la sua autostima ("come sono diventata? Non posso più uscire senza la bottiglietta d'acqua!"), e probabilmente il suo umore ("la mia vita non mi piace", "sarà sempre così", "le cose non miglioreranno mai").

La terapia cognitivo-comportamentale può aiutare la persona ad abbandonare, progressivamente, questi "comportamenti protettivi", per riprendere in mano la propria vita.

Quando una persona con disturbo di panico e agorafobia inizia una terapia, la prima cosa da fare è quella di dare un senso a ciò che sta vivendo, scoprendo i meccanismi con cui l'ansia si mantiene e si aggrava. Tramite tecniche di respirazione lenta si può apprendere uno strumento utile per gestire l'ansia ai suoi primi segnali. Si lavora poi sul piano comportamentale, affrontando pian piano, in maniera graduale, le situazioni che la persona evita. E, certamente, andranno analizzati i pensieri che le causano ansia, partendo dal presupposto, base della terapia cognitivo-comportamentale, secondo cui non sono le situazioni in loro stesse a creare determinate emozioni, bensì l'interpretazione che di esse ognuno di noi dà.

sconfiggere il panicoI pensieri più disfunzionali possono essere modificati, in modo da causare emozioni meno distruttive e/o intense. Durante la fase di esposizione alle situazioni temute, i comportamenti protettivi possono essere mantenuti, anzi, il loro utilizzo può aiutare la terapia. L'aspetto importante è però, nel corso del trattamento, quello di far abbandonare poco alla volta questi comportamenti di sicurezza al paziente, per evitare che ne diventi dipendente, e che gli esiti clinici rimangano vincolati alla loro messa in atto. Un miglioramento sintomatologico non sarà del tutto soddisfacente, infatti, se la persona continuerà a mettere in atto i suoi safety behaviours. Questi comportamenti andrebbero usati in maniera limitata e solo per un determinato periodo della terapia.

Se nell'immediato questi producono un abbassamento del disagio, infatti, nel tempo provocano come effetto secondario il mantenimento dell'ansia.

Nella pratica clinica capita di vedere pazienti che, una volta diminuita l'ansia nelle situazioni temute (es. supermercato, posta, farmacia, banca, treni, ecc.) preferiscono interrompere la terapia, ritenendosi soddisfatti. Il mio consiglio è sempre quello di lavorare anche per l'eliminazione dei comportamenti protettivi, perché se è vero che riuscire a tornare a salire sui mezzi pubblici o a fare la spesa è un grande traguardo, cosa succede se un giorno dimenticate la bottiglietta d'acqua (o le gocce, oil cellulare, ecc.) a casa? Probabilmente sperimenterete nuovamente l'ansia, mentre quello che a noi interessa è tornare/diventare finalmente liberi. Liberi di scegliere se portare con noi un oggetto o farci accompagnare da una persona, oppure no. Questi comportamenti devono diventare scelte, non più obblighi o bisogni.

Quello che una buona psicoterapia dovrebbe riuscire a dare è la libertà. Libertà dall'ansia, libertà dal disagio, libertà, perché no, anche dalla bottiglietta d'acqua di cui si era diventati schiavi.

 

BIBLIOGRAFIA

  • Milosevic I., Radomsky A.S. (2008). Safety behaviour does not necessarily interfere with exposure therapy. Behaviour Research and Therapy, 46, 1111-1118.
  • Rachman S., Radomsky A.S., Shafran R. (2008). Safety behavior: a reconsideration. Behaviour Research and Therapy, 46, 163-173.
  • Salkovskis P.M., Clark D.M., Hackmann A., Wells A., Gelder M.G. (1999). An experimental investigation of the role of safety-seeking behaviours in the maintenance of panic disorder with agoraphobia. Behaviour Research and Therapy, 37, 559-574.

 


A cura della Dottoressa Roberta Rubboli
Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale - Cervia

 

 

 

  |   Letto: 4872 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La paura di cambiare in psicoterapia

Quando e perchè il cliente può avere paura di cambiare? Perchè, a volte,non vuole migliorare? Lo psicoterapeuta cosa può fare? Quando un cliente si rivolge alla psicoterapia è perchè ricerca un sollievo dai propri sintomi, depressione, ansia e altre emozioni dolorose...

‘Spegnere’ il cervello per cancellare i ricordi paurosi.

Indebolire la comunicazione tra due parti del cervello dei topi riduce la loro paura. Cancellare i ricordi indesiderati sarebbe bellissimo... Ma è ancora roba da fantascienza!! Gli scienziati del Weizmann Institute, però, sono riusciti ad eliminare una parte dei ricordi nei cervelli dei topi. ...

La paura di essere rifiutati

Perché abbiamo paura di essere rifiutati? Questa particolare sensibilità che conseguenze ha nelle relazioni interpersonali? I conflitti rappresentano una parte inevitabile e naturale delle relazioni. ...

Le Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o situazione specifici. Ancora, "è caratterizzata da un'ansia clinicamente significativa provocata dall'esposizione a un oggetto o una situazione tem...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.