Pubblicità

Il panico: la forma estrema della paura

panico e pauraImmaginate solo per un attimo di trovarvi in un locale con degli amici con i quali avete pensato di trascorrere una piacevole serata. Improvvisamente cominciate a sentirvi ‘soffocare’ dalle persone presenti: il cuore comincia a battere forte, il respiro inizia a farsi affannoso, le gambe tremano, la testa gira e vi assale una forte e sconvolgente paura di svenire, addirittura di morire.

Vi avvicinate a fatica all’uscita del locale, avete bisogno di aria; oppure chiedete immediatamente aiuto a qualcuno che vi accompagni fuori, se non direttamente al pronto soccorso, tanta è la paura che possa succedervi qualcosa e che il vostro cuore non resista.

Oppure immaginate per un attimo di attraversare una piazza e di essere colti da una pensiero che vi spaventa: quello di poter commettere un gesto violento contro sé o contro gli altri. E’ talmente terribile per voi quest’idea che vi sentite assalire dalla paura di impazzire, di perdere il controllo: iniziate a tremare e a sudare, vi sembra di avere la testa ‘vuota’, e l’unica cosa che vi resta da fare è correre il più velocemente possibile a casa per essere sicuri che non vi succeda niente.

Se avete provato, anche solo una volta, un’esperienza simile a queste, allora avete vissuto sulla vostra pelle un vero e proprio ‘attacco di panico’: avete provato la forma estrema della paura.

La paura, quale emozione fondamentale di ogni essere vivente, non è di per sé patologica; al contrario, entro un certo limite, è essenziale per la sopravvivenza, sia nell’uomo che nell’animale, dal momento che permette di adattarsi all’ambiente circostante e di mettersi in allerta di fronte ad eventuali pericoli. Ma se la paura, di per sé ‘sana’, supera un certo livello, come avviene negli attacchi di panico, allora diventa una vera e propria ‘malattia’: quando ciò avviene la paura non ci aiuta più a gestire la nostra realtà, ma ci blocca e ci fa vivere in una condizione estremamente difficile. Come diceva Buddha: ‘Viviamo nella paura ed è così che non viviamo’.

Oggi, il termine ‘panico’ è ormai diventato popolare tra la gente, che sempre più lo utilizza per riferirsi a generici momenti di crisi: quante volte ad esempio vi sarà capitato di utilizzare l’espressione ‘sono nel panico!’ per riferirvi ad una situazione in cui eravate in difficoltà. Ma essere nel panico, soffrire di attacchi di panico, è ben altra cosa, o lo sa bene chi vive da anni intrappolato in questa gabbia infernale, dalla quale non riesce ad uscire. Inoltre, dal momento che l’attacco di panico si manifesta con tutta una serie di reazioni fisiche (tachicardia, respirazione affannosa, sudorazione, tremore, vertigini…) è sempre più spesso interpretato come una malattia del corpo, che dunque non può essere curata se non attraverso i farmaci.

La ricerca svolta al Centro di Terapia Strategica di Arezzo evidenzia invece uno scenario diverso, mostrando come l’attacco di panico sia il frutto complesso dell’interazione di più fattori: di ciò che la persona percepisce, cioè del motivo della sua paura; delle sue reazioni fisiche; dei suoi pensieri; ma soprattutto delle sue azioni, dei suoi tentativi di soluzione, cioè di quello che cerca di fare per fronteggiare la sua stessa paura. In effetti, dal punto di vista strategico, quasi tutti i problemi psicologici, quindi anche il disturbo di attacchi di panico, nascono, si sviluppano e si mantengono proprio a partire dai tentativi che la persona mette in atto per uscire dal problema stesso, soluzioni che anziché migliorare la situazione finiscono per aggravarla. Ecco allora il motivo per cui l’intervento strategico non solo blocca i tentativi fallimentari messi in atto dalla persona e che alimentano il problema, ma mira a far sì che li sostituisca con altre soluzioni che invece funzionano.

Scendiamo un po’ più nel dettaglio e cerchiamo di capire come nasce un episodio di attacco di panico e come da questo singolo episodio si strutturi un disturbo di attacchi di panico, cioè una patologia persistente che può manifestarsi anche con più attacchi al giorno.

Un singolo episodio nasce nel momento in cui si viene a creare una vera e propria lotta tra emozione e ragione. Ognuno di noi è dotato di due menti: una arcaica, dove ci sono i centri deputati alle nostre più profonde emozioni, e una moderna, la sede dei nostri pensieri, della nostra ragione. Quando percepiamo un pericolo, abbiamo una reazione ‘sana e naturale’ di paura dovuta all’attivazione della nostra mente arcaica, reazione che avviene fuori dal nostro controllo cosciente. Tuttavia se la mente evoluta, razionale interpreta in maniera sbagliata questa naturale reazione e pretende di volerla controllare e tenere a freno, ecco che si viene a creare una situazione per cui più cerca di controllare le reazioni fisiologiche più paradossalmente queste vanno fuori controllo e aumentano: la mente non può controllare sé stessa mentre sta funzionando. Se questa lotta tra mente arcaica e mente evoluta non si blocca finiamo per andare letteralmente in ‘tilt’ ed essere sopraffatti dall’attacco di panico. Siamo caduti nella trappola paradossale del controllo che fa perdere il controllo.

Se poi, a partire da questo suo primo episodio, la persona, per non provare di nuovo una simile e atroce esperienza, inizia ad evitare le situazioni ritenute pericolose oppure a chiedere costantemente aiuto per affrontare le difficoltà, la situazione rischia di peggiorare: infatti, più evita, più si sentirà insicura dopo una momentanea rassicurazione, così come più chiede aiuto, più si sentirà incapace di fronte alle difficoltà dopo un iniziale sollievo. Alla lunga il risultato è che la paura aumenta. E di fronte alla paura la persona tenderà a reiterare i suoi tentativi di soluzione, evitare e chiedere aiuto, e quindi a ricadere nel panico. Ecco che si è venuto a creare un vero e proprio disturbo di panico. Ormai ciò che era l’effetto della paura – scappo o chiedo aiuto perché ho paura – diviene la causa della paura stessa – ho sempre più paura perché evito tutto e chiedo sempre aiuto –. Come scriveva Cioran ‘Il pauroso edifica i suoi timori e poi vi ci si istalla dentro’.

Ma allora come è possibile aiutare la persona ad uscire da questa trappola infernale?

La rottura di questo circolo vizioso di soluzioni fallimentari che alimentano il problema anziché risolverlo – il controllo delle proprie reazioni, l’evitare situazioni pericolose o il chiedere costantemente aiuto –, avviene grazie all’uso di stratagemmi terapeutici che, aggirando la resistenza del paziente, lo portano a fare una concreta esperienza di superamento della propria paura senza che gli venga richiesto direttamente di vincere la paura.

L’accorgersi, poi, di aver fatto proprio quello che pensava di non essere in grado di fare, cioè superare la paura, diventa per lui una scoperta illuminante, qualcosa che tocca le sue più profonde emozioni e a partire dalla quale inizia a cambiare la percezione di sé e della realtà circostante, e, di conseguenza, anche i suoi comportamenti e le sue idee.

Del resto già gli antichi Sumeri sapevano che ‘La paura guardata in faccia si trasforma in coraggio, la paura evitata diventa timor panico’.

 

Articolo a cura della Dottoressa Ilaria Artusi

 

 

 

  |   Letto: 6276 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La paura di cambiare in psicoterapia

Quando e perchè il cliente può avere paura di cambiare? Perchè, a volte,non vuole migliorare? Lo psicoterapeuta cosa può fare? Quando un cliente si rivolge alla psicoterapia è perchè ricerca un sollievo dai propri sintomi, depressione, ansia e altre emozioni dolorose...

Le carezze che (non) ti ho dato

La teoria delle carezze in Analisi Transazionale Se non sai che fare delle tue mani, trasformale in carezzeJacques Salomé In quest’epoca così grama, parlare di carezze può facilmente sembrare ingenuo e sdolcinato: ci sono cose più importanti, più pressanti in ogni nostra giornata perché noi (special...

Il volto della depressione

Il termine depressione, derivante dalla psichiatria e dalla psicologia, è ormai diventato di uso comune. E’ senza dubbio il più ‘abusato’ degli ultimi vent’anni, dal momento che attraverso di esso si indica tutta una serie di differenti stati d’umore. Laddove, infatti, non si riesce a diagnostic...

‘Spegnere’ il cervello per cancellare i ricordi paurosi.

Indebolire la comunicazione tra due parti del cervello dei topi riduce la loro paura. Cancellare i ricordi indesiderati sarebbe bellissimo... Ma è ancora roba da fantascienza!! Gli scienziati del Weizmann Institute, però, sono riusciti ad eliminare una parte dei ricordi nei cervelli dei topi. ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.