Pubblicità

Il piacere e l'attesa

Articolo a cura del Dottor Claudio Nudi

attesaLa professione dello psicoanalista è una questione tutt'altro che semplice, sempre in bilico com'è tra la richiesta di aiuto, la voglia dei nostri pazienti di cambiare ma anche la naturale inerzia della psiche, sicché ogni persona, già diversa di suo da tutte le altre, da un lato vuole guarire dai suoi problemi ma dall'altro vi si oppone, inconsapevolmente, con tutte le forze.

A questa tendenza universale dobbiamo oggi aggiungere un nuovo elemento sfavorevole, vorrei dire un nemico in più, rappresentato da un certo modello di società che ci dà l'illusione che tutto sia possibile, che da qualche parte possa esistere una libertà senza limiti, che il benessere vero non consista nello stare ragionevolmente in pace con se stessi e con gli altri ma in un trattamento estetico o dietetico da acquistare in farmacia, in un corso di Zumba o di Salsa, in un Selfie che fa tanto trendy o in un viaggio a Formentera.

Il pasticcio nasce, a mio parere, da un sistema economico fondato sull'obbligo del consumo, senza di cui tutto si ferma, le fabbriche chiudono, si perdono posti di lavoro e via discorrendo; forse non è il migliore dei mondi possibili, ma questo è quanto siamo stati in grado di costruire fino ad oggi, e non possiamo non farci i conti.

E' però vero anche un altro fatto, e cioè che una cosa è informare il consumatore che esiste il tal prodotto, altra quello di solleticarne le tendenze più regressive illudendolo che la libertà si possa comprare acquistando una macchina, o che viaggiando si faccia colpo su donne meravigliose, o che si diventi belli anche se si è brutti, o ancora, e non da ultimo, che attraverso il gioco d'azzardo si possa davvero diventare ricchi e cambiare in un sol colpo la propria vita.

Ho preso ad esempio il meccanismo pubblicitario perché è quello che più apertamente, spesso sfacciatamente, tenta di sedurci con le sue illusioni; ma a ben guardare, più o meno sottilmente questo messaggio trapela da ogni parte: mezzi di informazione, cinema, programmi televisivi e chi più ne ha più ne metta. Coltivano ed implementano il nostro sognare, ne amplificano a dismisura i già vaghi confini, e non ci vuol molto a rendersi conto, con buona pace di Karl Popper che ce ne avvertì sul letto di morte, che siamo di fronte ad una nuova forma di controllo sociale fondato sull'uso (e spesso l'abuso) della fantasia. E intanto piove sul bagnato, la forbice si allarga ed i ricchi (quelli veri) diventano più ricchi ed i poveri più poveri. 

Non faccio parte della categoria dei complottisti. Già nell'antica Roma avevano capito benissimo che il popolo andava controllato e tenuto buono, ed i giochi nel circo ne sono la conferma più evidente e riconosciuta. Ciò che contesto non è che ci sia, ed anzi debba esserci, una qualche forma di controllo sociale, ma che il tipo di controllo di cui sto discutendo, fondato sull'implementazione del desiderio e sull'abolizione del limite, è particolarmente insidioso e sta avendo ricadute imprevedibili e terribilmente dannose su tutto il sistema. 

E' mia opinione che vi sia una correlazione precisa tra questo stato di cose e certi fatti che negli ultimi anni ci hanno sbigottito per la loro assurda ferocia, alcuni dei quali ho riportato su questa stessa pagina, ed a cui diversi lettori hanno risposto con commenti desolati chiedendosi se e come sia possibile invertire la tendenza. Ovviamente non sta allo psicologo suggerire metodi concreti per risolvere i problemi: ma egli può, forse, invitare al pensiero ed implicitamente indicare una via in base ai risultati di più di un secolo di cultura psicoanalitica.

La riflessione è la seguente: pensandoci bene, dal punto di vista dello psicologo non c'è poi questa gran differenza tra, ad esempio, l'assunzione di una droga, il gioco compulsivo, uno stupro collettivo e, poniamo, un assassinio. Sembrano eventi molto diversi, ed in effetti lo sono: ma hanno anche un fortissimo tratto comune di fondo, che risiede nella progressiva perdita della capacità di attendere, di riflettere, di differire, di elaborare, di darsi dei limiti, di comunicare davvero e non virtualmente.

A ben guardare, questi fatti apparentemente così diversi tra loro sono tutti eventi impulsivi e non meditati, conseguenza diretta di un non - pensiero di tipo magico che probabilmente è uno dei mali peggiori di questo tipo di società.

Michelangelo-Creazione-di-AdamoMolto giustamente il collega Recalcati, una mente assai acuta nel panorama psicoanalitico italiano, definisce questo clima psicologico "modello allucinatorio": la mia realtà in questo momento non mi piace, darmi da fare per modificarla è lungo e faticoso, e dunque passo all'azione senza tener conto delle conseguenze. E allora faccio fuori mia moglie per essere libero di andarmene con un'altra donna, o mia madre perché non mi dà i soldi della pensione per andarmi a sballare e via discorrendo; oppure faccio debiti a dismisura e operazioni finanziarie fondate sul nulla tanto domani Dio provvede, oppure, in casi estremi, prendo un bastone e vado in giro ad ammazzare la gente senza un motivo.

Francamente, a me non stupisce per niente il fatto che gli "anelli deboli" della catena, che hanno introiettato e fatto proprio il messaggio del "tutto e subito" possano cedere e fare gesti inconsulti di fronte agli argini imposti dalla realtà concreta. 

C'è un'ultima considerazione da fare, ma di questo riparleremo meglio in seguito. In un'ottica di "tutto e subito" ogni tipo di godimento diventa effimero, e si attiva un altro circolo vizioso che è quello dell'insoddisfazione cronica e del "non basta mai". E da lì all'angoscia e alla depressione il passo è breve. Chissà. Forse l'attuale crisi finanziaria, anch'essa nata dalla travalicazione allucinatoria di un limite, avrà almeno un risvolto psicologicamente positivo, costringendo tutti a riprendere coscienza non dell'insofferenza, ma della necessità di un limite senza il quale si rischia di precipitare nel caos, e, letteralmente, nella follia.

(Dottor. Claudio Nudi - Psicologo clinico e Psicoanalista)

 

 

  |   Letto: 3383 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.