Pubblicità

Il potere delle immagini nelle pratiche di autolesionismo

Il presente studio ha cercato di esplorare l'influenza di Internet sui comportamenti autolesionisti tra i giovani, soffermandosi maggiormente su quelle piattaforme che prediligono l'uso di immagini.

il potere delle immagini nelle pratiche di autolesionismoL'autolesionismo è una delle principali preoccupazioni per la salute pubblica in relazione ai giovani.

Può essere definito come un atto non fatale in cui un individuo si impegna in un comportamento o ingerisce una sostanza con l'inteenzione di causare danni a sé stesso.

La letteratura ha identificato numerosi fattori di rischio associati all'autolesionismo nei giovani, con una ricerca sempre più attenta al ruolo svolto dagli spazi online.

Le prove indicano che il 51,3% dei giovani che riportano eventi di autolesionismo si sono precedentemente impegnati in ricerche specifiche su Internet come foto ritraenti momenti di automutilazione o materiale relativo al suicidio.

L'uso di Internet può arrecare danni di questo tipo a causa della normalizzazione dei comportamenti autolesionisti, della condivisione di pratiche e tecniche, nonché dell'incoraggiamento all'occultamento.

Secondo un recente studio pubblicato da O'Connor, Rasmussen e Hawton, il 18% degli studenti di scuola secondaria è stata influenzato a praticare autolesionismo dopo aver navigato su specifiche pagine internet.

Tuttavia, nonostante le emergenti evidenze scientifiche sull'influenza della gamma di contenuti ospitata da varie piattaforme di social media, manca una ricerca che affronti il modo in cui i giovani rispondono ai diversi mezzi di comunicazione all'interno di queste piattaforme.

In particolare, la ricerca si è concentrata sull'interazione testuale degli individui, prestando poca attenzione alle immagini. Nel piccolo numeri di studi che hanno esplorato le immagini generate dagli utenti, questi sono stati descritti come inneggianti la solitudine, mitiganti comportamenti autolesionisti e offrenti un mezzo per sostenere gli altri.

Il presente studio ha cercato di esplorare ulteriormente l'influenza di Internet sui comportamenti autolesionisti tra i giovani, soffermandosi maggiormente su quelle piattaforme che prediligono l'uso di immagini.

Metodo

I criteri di inclusione per lo studio sono stati: giovani con età compresa tra i 16 ed i 25 anni, e precedente esperienza di autolesionismo. Il reclutamento è stato condotto attraverso Facebook.

Psicologi in evidenza
Dottor Luigi Pignatelli
via Romagna, 20 - TARANTO
Cell.: 331 1087853
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

Sono stati invitati a partecipare allo studio soggetti che avevano espresso un “like” a pagine inerenti il suicidio e l'autolesionismo, ma anche soggetti che avevano “gradito” pagine relative al miglioramento del benessere e della salute mentale.

I gruppi che presentavano particolari interessi come “Goth” ed “Emo” sono stati anche presi di mira in virtù delle associazioni consolidate con l'autolesionismo.

Un totale di 41.988 utenti hanno visualizzato l'annuncio, con 744 persone (1,8%) che hanno cliccato sul sito principale dello studio. Di questi soggetti, solo 49 (6,6%) hanno manifestato interesse per la partecipazione allo studio lasciando i propri recapiti.

Sono state somministrate interviste semi-strutturate; la guida tematica dell'intervista ha esplorato le esperienze di autolesionismo vissute dai giovani, in particolare: motivazioni sottostanti il comportamento; ricezione di supporto formale e informale; uso di Internet; navigazione online prima, durante e dopo il comportamento autolesionista; percezioni ed esperienze di diversi contenuti online e mezzi di comunicazione; e interazione del comportamento online con il comportamento del mondo reale.

L'approvazione etica per questo studio è stata fornita dal Comitato di Etica della ricerca della School of Social Science dell'Università di Cardiff.

Risultati

I risultati verranno presentati in tre sezioni. Innanzitutto, si affronteranno le motivazioni per l'uso di internet come parte delle pratiche di autolesionismo.

Secondariamente, si esplorerà l'influenza delle immagini online, incluso l'impatto dell'esposizione a queste immagini.

Infine, verrà considerata l'attrattiva distintiva delle diverse piattaforme di social media per i giovani coinvolti in comportamenti autolesionisti.

Il ruolo di internet nell'autolesionismo adolescenziale

I partecipanti hanno riconosciuto il ruolo di Internet come un catalizzatore dell'insorgenza di questi comportamenti; i ragazzi avevano ricercato un consiglio o un supporto per il disagio emotivo, e l'autolesionismo compariva tra i primi risultati fornendo suggerimenti e immagini.

Tuttavia, per la maggior parte di essi, l'autolesionismo non era un atto sconosciuto e scoperto inavvertitamente; era già una caratteristica della loro vita. Molti, inizialmente, si sono impegnati a fare ricerche generiche sull'autolesionismo nel tentativo di dare un senso ai propri comportamenti, prima di scoprire ed essere coinvolti nelle comunità online.

Pubblicità

Si è ritenuto che l'uso di internet avesse un impatto visibile sull'autolesionismo dei partecipanti, principalmente attraverso il rafforzamento o l'incoraggiamento dell'enactment comportamentale.

Per alcuni ragazzi, gli scambi di informazione all'interno delle comunità online avevano supportato la normalizzazione del danno, portando alla costruzione di un'attività quotidiana di routine:

Praticavo l'autolesionismo in totale segretezza, ma poi andavo a casa e avevo tutte queste persone sul computer con cui potevo parlare; loro mi sostenevano, non vedevano l'autolesionismo come una cosa strana o un problema. Era come preparare una tazza di tè al mattino quando ti svegli, una cosa normale insomma. Ma il problema è che i miei graffi sono diventati tagli sempre più profondi.” (I20, donna, 19 anni).

Anche gli argomenti relativi agli acquisti online era una caratteristica predominante delle interazioni online, suggerendo Internet come canale di acquisto per eludere le restrizioni del “mondo reale”.

Ero solita comprare le lamette su eBay perchè, sai, nessuno avrebbe saputo cosa fossero. Pensavo, ho solo 15-16 anni, non possono entrare in un negozio e comprare tutte queste lamette, così ho usato eBay”. (I6, donna, 24 anni).

Attraverso l'aumento della conoscenza delle tecniche di autolesionismo, alcuni partecipanti hanno discusso l'amplificazione della gravità del loro comportamento. Sono stati motivati a impegnarsi in atti più severi attraverso l'investimento nella nozione “non è abbastanza”, in cui l'esposizione ad atti più gravi di altri individui innescava un desiderio di diventare meglio di loro:

Ho cercato diversi metodi di autolesionismo, bruciature col sale o il ghiaccio, rottura di ossa e cose del genere, per poi condividerlo... una volta che ho intensificato le mie pratiche, sono continuate a restare intense, perchè un piccolo taglio non bastava più.” (I20, donna, 19 anni).

L'influenza delle immagini online sull'autolesionismo dei giovani

Mentre i partecipanti hanno citato l'importanza dell'interazione testuale all'interno delle comunità online, hanno anche considerato l'importanza della produzione e visione delle immagini.

Infatti, quasi i tre quarti dei partecipanti hanno indicato che le immagini (in particolare le fotografie) erano la ragione principale del loro utilizzo di Internet, a causa di una reazione fisica e potente che innescava il desiderio di nuocersi:

Andavo su Google a guardare le immagini; perchè, come ho detto, il cuore iniziava a battere più veloce e il suo innesco era come una scarica, e diventava così avvincente che ogni immagine doveva essere peggiore di quella precedente”, (I1, donna, 22 anni).

Psicologi in evidenza
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142

Il potere dell'immagine era principalmente incentrato sulla loro capacità di “riportare alla memoria” precedenti episodi autolesionisti o sulla facilità con cui consentivano all'individuo di immaginare come gli altri sperimentano l'atto.

Vi era anche qualche indicazione sul fatto che le persone che condividevano le loro immagini di ferite si impegnavano in comportamenti autolesionisti più estremi.

La piccola minoranza che ha caricato le proprie foto non solo ha descritto gravi lesioni, ma ha anche avuto la sensazione di essere incoraggiata dai gruppi online, a compiere atti ancora più gravi.

L'uso di piattaforme online per la visualizzazione di immagini autolesioniste

Il mondo virtuale si trova in un costante stato di flusso con siti web che vengono regolarmente creati e cancellati.

E' stato notato che i forum sull'autolesionismo, una volta prevalenti, popolari tra utenti e ricercatori, non sono più utilizzati fino a questo punto. I partecipanti hanno parlato delle difficoltà di trovare queste comunità online a causa dell'invisibilità e dell'inattività, con alcuni ricordi circa alcuni forum online inattivi.

I partecipanti hanno inoltre delineato le differenti sfumature tra piattaforme diverse e hanno discusso l'attrattiva di determinati siti che avevano sostituito i vecchi forum.

Conclusioni

Internet svolge un ruolo fondamentale nelle pratiche di autolesionismo dei giovani, ed il presente studio supporta gli aspetti negativi di questo impatto, in particolare attraverso la normalizzazione dell'enactment comportamentale e la condivisione delle tecniche.

Lo studio ha evidenziato come i giovani prediligano piattaforme in cui le protagoniste sono le immagini, e che per scopi di prevenzione non verranno menzionate.

In particolare, le immagini vengono ricercato grazie alla loro capacità di invocare una reazione fisica che ispira il desiderio di nuocere.

Ulteriori ricerche dovranno quindi interessarsi e districarsi tra le varie piattaforme online per comprendere come i giovani vi interagiscono.

Approcci online di prevenzione e intervento per l'autolesionismo rimangono limitati e lo sviluppo futuro dovrebbe prestare maggiore attenzione all'interazione complessa e in continua evoluzione tra gli individui e gli spazi online.

Tratto dalla rivista “ Journal of Adolescence”

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 151 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.