Pubblicità

Il primo sguardo di un bambino sul mondo.

Cosa succede nel cervello di un neonato da quando si affaccia per la prima volta alla vita?


vista neonatiQuando un neonato apre gli occhi, non vede bene.

Tu, il genitore, sei una forma sfocata di luce e buio.

Ben presto, però, la sua vista matura ed il tuo bambino ti riconoscerà!

Successivamente, egli inizia a guardare oltre te. Non riesce a capire cosa c’è fuori dalla finestra. È un altro insieme sfocato di forme e luci. Ma, nel giro di pochi mesi, egli impara a riconoscere gli alberi, le case, …: tutto il suo mondo viene messo a fuoco.

Gli scienziati della UNC School of Medicine hanno trovato ulteriori indizi su ciò che succede nel cervello dei neonati, mentre cercano di dare un senso visivo al mondo.

Lo studio, pubblicato sul giornale “Nature Neuroscience”, è parte di un progetto in corso nel laboratorio del Dott. Spencer Smith, assistente professore di Biologia cellulare e Fisiologia, che ha lo scopo di mappare le funzioni delle aree del cervello, che giocano un ruolo cruciale nello sviluppo della vista, e la loro importanza nel ripristino di questa funzionalità, quando compromessa.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738


I dati di partenza.

C’è questa straordinaria azione biologica, che si attiva durante lo sviluppo”, ha spiegato il Dott. Smith. “All’inizio, ci sono programmi genetici e percorsi chimici che posizionano le cellule nel cervello ed aiutano a cablare una ‘bozza’ del circuito. Successivamente, dopo la nascita, questo circuito viene scolpito attivamente dall’esperienza visiva. Nemmeno i super computer ed i più recenti algoritmi possono competere con le capacità di elaborazione visiva di uomini ed animali.
Il nostro obiettivo è comprendere come esso riesca a fare questo”.

E continua:
La maggior parte del lavoro sul ripristino della vista si è concentrata sulla retina e sulla corteccia visiva primaria. Una quantità minore ha esplorato lo sviluppo delle più alte aree visive del cervello ed il loro potenziale per il recupero dai deficit precoci.
Volevamo capire come si sviluppano queste aree visive più elevate. Avevamo bisogno di conoscere le finestre temporali critiche, durante le quali la visione dovrebbe essere ripristinata, e ciò che si verifica in esse, per garantire lo sviluppo corretto del circuito”.

Per capire le potenziali difficoltà, che derivano da un recupero più tardivo della vista, gli studiosi prendono, come esempio, il caso della cataratta bilaterale, ovvero quella condizione in cui le lenti di entrambi gli occhi sono appannate e la vista è gravemente limitata. Nei paesi sviluppati, è comune rimuovere chirurgicamente queste cataratte in epoca precoce e la vista, in genere, si sviluppa in modo appropriato.
Ma nelle zone meno sviluppate del mondo queste persone non si recano in clinica fino a quando non sono adolescenti o anche più in là con l’età”, ha spiegato lo studioso. “Quando vengono loro rimosse le cataratte, non recuperano completamente la funzionalità visiva. Possono imparare a leggere e riconoscere i loro amici. Ma hanno grandi difficoltà a percepire alcuni tipi di movimento visivo”.


Si sa, inoltre, che esistono due sottoreti di circuiti visivi, chiamati corrente ventrale e dorsale. Quest’ultima è importante per la percezione del movimento.

I ricercatori, a questo punto, volevano comprendere se l’esperienza visiva fosse particolarmente importante per il corretto sviluppo della corrente dorsale e quali potessero essere i cambiamenti, a livello del singolo neurone, nel corso di questo primo sviluppo.


Lo studio ed i suoi risultati.

In una serie di esperimenti, il gruppo del Dott. Smith ha allevato dei topi nella più completa oscurità per diverse settimane.
    
Utilizzando il suo sistema di imaging, che riproduceva meccanicamente ciò che avveniva in questo complesso circuito cerebrale, e metodi chirurgici di precisione, gli studiosi hanno potuto visualizzare le aree specifiche del cervello, con una risoluzione a livello dei neuroni.


Dalle osservazioni effettuate è emerso che la corrente visiva ventrale ed i singoli neuroni si attivavano immediatamente, quando i topi rispondevano agli stimoli visivi. Ma non era così per la corrente dorsale.

Mantenere i topi al buio comprometteva, in modo significativo, l’intensità dell’attivazione nella corrente dorsale”, ha spiegato il Dott. Smith. “E’ interessante notare che, anche dopo un periodo di recupero in un ciclo luce-buio normale, il deficit visivo nella via dorsale persisteva”.

Come ha puntualizzato lo studioso, questa dinamica ricorda i deficit visivi persistenti, osservati negli esseri umani con cataratta bilaterale, che ricevono il trattamento in età tardiva.

Non solo i topi hanno bisogno dell’esperienza visiva per sviluppare la loro corrente dorsale dell’elaborazione visiva, ma ne hanno bisogno in una finestra temporale evolutiva precoce, affinchè vengano perfezionati i circuiti cerebrali”, ha aggiunto lo studioso. “In caso contrario, la loro vista non si sviluppa adeguatamente”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061


Considerazioni conclusive.

Questi esperimenti possono aiutare a spiegare cosa succede nelle analoghe correnti ventrale e dorsale degli uomini, quando si è ancora bambini, cioè quando una parte della nostra vista si sviluppa lentamente e cerchiamo di dare un senso al mondo, che si muove intorno a noi, durante i primi mesi dopo la nascita.

Il Dott. Smith conclude: “Ora che ne sappiamo un po’ di più su come si sviluppano queste due sottoreti, bisognerebbe scavare a fondo nel lavoro che queste due diverse aree cerebrali svolgono. Bisognerebbe capire quali informazioni vengono analizzate dai neuroni nelle aree cerebrali più alte. Cosa decodificano meglio, o in modo più efficiente, rispetto ai neuroni della corteccia visiva primaria? Che cosa fanno esattamente, che ci permette di analizzare stimoli visivi complessi, in modo rapido ed efficiente?”.
            

 

 

Fonte: UNCHealthCare.org

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2180 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Adolescenza e sviluppo psico-sessuale

L’influenza dei sistemi operativi interni consentono, durante l'adolescenza, di costruire schemi di riferimento per la definizione dell’intimità e valutare la misura in cui saranno coinvolti in relazioni sentimentali. All’interno del presente articolo si cercherà di esplorare ...

Nuovi studi sullo sviluppo della personalità

Una nuova teoria su come si sviluppa la personalità suggerisce che la personalità riflette il modo in cui abbiamo usato le nostre abilità innate e le esperienze ambientali per soddisfare i nostri bisogni di base. In un articolo pubblicato sulla rivista “Psychological Review”,...

Isolamento sociale e sviluppo del Sè

Tra gli elementi critici che partecipano alla costruzione e/o decostruzione del sé una certa importanza è rivestita dalle cosiddette relazioni oggettuali, nonché dalle condizioni ambientali a cui si è esposti. Lo sviluppo del Sè è noto per essere alquanto contingente...

Differenze di genere nella diagnosi di DDAI

Circa un bambino su 20 riceve una diagnosi di disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI) ad un certo punto della sua vita scolastica. È interessante notare che, per ogni ragazza che riceve tale diagnosi, ci sono dai tre ai sette ragazzi che ricevono la stessa diagnosi. I bambini e...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.