Pubblicità

Il ruolo dello psicologo nei disturbi della pelle

Secondo recenti ricerche gli psicologi dovrebbero essere coinvolti nella gestione dei problemi dermatologici quali: problemi della pelle generati da stress o altri stati emotivi, problemi psicologici generati da disturbi della pelle, e disturbi psichiatrici che si manifestano attraverso la pelle, come la parassitosi delirante.

pelle salute mentale psicologiQuando Rick Fried ha tenuto un discorso ad una conferenza di dermatologia sette anni fa sulla relazione tra problemi psicologici e dermatologici, diversi suoi colleghi nel pubblico mostravano un certo scetticismo circa la connessione mente/corpo.

A quel punto, Fried chiese ai suoi colleghi di accertarsi e documentarsi prima di sostenere idee non comprovate al 100%; a quel punto la reazione dei colleghi fu sorprendente, in quanto arrossirono improvvisamente, confermando quanto le emozioni influenzino l'organo più grande del corpo, e cioè la pelle.

Quanto è incredibile che una semplice cognizione, ossia il dire o affermare qualcosa, può influenzare i vasi sanguigni al punto di causare un rossore?” chiese Fried, precisando di essere uno psicologo successivamente formatosi come medico dermatologo e direttore clinico del Yardley Dermatology Associates in Pennsylvania.

E' una prova abbastanza sorprendente che la mente ed il corpo sono legati!”.

Attualmente, i dermatologi si stanno aprendo sempre di più all'idea di una psicodermatologia, e gli psicologi sono sempre più coinvolti in relazioni terapeutiche con pazienti dermatologici.

La ricerca sta cercando di valutare il ruolo che lo stress e altri problemi psicologici svolgono nell'acne, psoriasi, eczema, prurito, orticaria e altri problemi cutanei.

Al contrario stanno anche trattando l'ansia sociale, la depressione e altre questioni psicologiche in quanto predisponenti alla formazione di condizioni cutanee.

Mentre la psicodermatologia è un settore ben consolidato in Europa, negli Stati Uniti il processo è stato più lento.

Secondo la Dottoressa Kristina Gorbatenko-Roth, docente di psicologia presso l'Università del Winsconsin, la maggior parte dei programmi medici universitari non include lezioni o materiali sulla psico-dermatologia, ed esistono pochi ricercatori nonché finanziamenti in questo settore.

La Dottoressa si è interessata a tale disciplina dopo aver sviluppato l'alopecia areate con perdita di capelli, scoprendo che la depressione, l'ansia ed altri problemi psicologi erano comuni tra i partecipanti pubblici di una Chat online specifica per persone con questo tipo di condizione dermatologica.

La pelle è la parte più evidente del nostro corpo e può essere influenzata da una miriade di fattori psicologici, ma pochissimi psicologi la studiano o si interessano”, afferma la Dottoressa.

E' la classica psicologia della salute, solo in una zona diversa”. Gli psicologi hanno diversi ruoli da svolgere nel trattamento di tutti e tre i tipi di disturbi della psicodermatologia.

Questi riguardano problemi della pelle generati da stress o altri stati emotivi, problemi psicologici generati da disturbi della pelle, e disturbi psichiatrici che si manifestano attraverso la pelle, come la parassitosi delirante.

I problemi della pelle sembrano pertanto generare una grande quantità di stress, e l'insorgenza di psoriasi, eczema, acne e altre condizioni possono essere imprevedibili.

A differenza dell'ipertensione, il diabete o altri problemi di salute, i problemi cutanei sono visibili agli altri.

Inoltre, i pazienti possono manifestare reazioni psicologiche che sembrano eccessive per le loro effettive condizioni della pelle.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061

Non possiamo mai presumere che la cosiddetta gravità oggettiva di un disturbo dermatologico sia correlata all'impatto psicologico”, afferma Fried.

Ho visto persone che hanno l'acne nodulocistica che non sono felici, ma non sono psicologicamente disturbate; ho però visto pazienti con un'acne semplice sul mento che hanno tentato il suicidio”.

Avere un problema alla pelle può quindi provare un intenso distress; in un sondaggio condotto nel 2014 dal National Rosacea Society, in un gruppo di 1675 pazienti con acne rosacea, ossia una malattia infiammatoria cronica che colpisce la pelle e talvolta anche gli occhi, il 90% degli intervistati ha riportato un abbassamento dell'autostima e della fiducia in sé stessi, il 54% ha riportato ansia, ed il 43% depressione.

Più della metà ha sostenuto di aver evitato il contatto diretto con gli altri. In un circolo vizioso, lo stress, la depressione e altri tipi di problemi psicologici possono esacerbare i problemi cutanei.

I problemi dermatologici che sono stati evidenziati come peggiorati dallo stress includono acne, rosacea, psoriasi, prurito, eczema, dolore e orticaria, solo per citarne alcuni”, afferma Fried.

Fortunatamente, prosegue, “il trattamento dei problemi psicologici può anche migliorare i problemi cutanei”.

In un articolo pubblicato nel 2013 in Seminars in Cutaneous Medicine and Surgery, Freid ha revisionato le evidenze empiriche per la gestione non-farmacologica delle condizioni psico-dermatologiche.

Pubblicità

Gli interventi includevano ipnosi, gruppi di sostegno, biofeedback, meditazione, immagini guidate, rilassamento muscolare progressivo, terapia cognitivo-comportamentale e altre forme di psicoterapia.

La chiave, sostiene Fried, è quella di dare ai pazienti un senso di controllo sulle loro condizioni e reazioni.

La terapia cognitivo-comportamentale, ad esempio, può aiutare i pazienti a gestire lo stress e il senso di catastrofe.

Lo psicologo Ted A. Grossbart, un professionista privato specializzato in psico-dermatologia, utilizza una varietà di terapie per aiutare le persone con condizioni cutanee, tra cui la meditazione e le immagini guidate.

L'ipnosi può comunque rivelarsi particolarmente utile; la chiave è aiutare i pazienti a concentrarsi su un'immagine associata al cambiamento desiderato, che sia il calore, la freschezza, l'asciutto, il morbido o meno prurito.

Questi interventi non solo aiutano il paziente a sentire meno stress, ma migliorano anche la condizione della pelle e la loro risposta al trattamento.

In uno studio di Fried, per esempio, in cui i pazienti ascoltavano programmi di meditazione basati sulla consapevolezza durante la terapia fototerapica per la psoriasi, circa il 40% di essi necessitava di una minore esposizione alla luce ultravioletta rispetto ad altri.

Fried riferisce inoltre ai suoi pazienti di ricercare il supporto di uno psicologo, che gli definisce come “specialista della pelle-emozione”, al fine di ridurre lo stigma e superare la riluttanza dei pazienti a cercare assistenza sanitaria.

In alcuni casi, aggiunge Grossbart, i problemi cutanei sono la manifestazione esteriore di un disturbo mentale sottostante.

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019

Un ulteriore compito dello psicologo è quello di prevenire il problema dermatologico.

La Dottoressa Kasey Linn Morris sta infatti valutando quali siano i modi migliori per prevenire il melanoma e altri problemi causati da un'abbronzatura eccessiva, per esempio.

L'abbronzatura è una di quella aree dove, anche se le persone sanno quanto possa fare male, loro continuano a farlo”, sostiene la ricercatrice dell'Università della Florida.

La ricerca ha dimostrato che ricordare alle persone le conseguenze potenzialmente fatali dell'abbronzatura possono abolire il desiderio di abbronzarsi, almeno temporaneamente.

In un momento successivo, i pensieri di morte scivolano nell'inconscio, ed il desiderio della gente di abbronzarsi in realtà aumenta soprattutto se l'abbronzatura è rilevante per l'autostima, come spesso avviene per le donne.

La ragione è che i pensieri non-coscienti della morte motivano un desiderio di mantenere l'autostima”, spiega la Morris.

Se l'aspetto di una persona è rilevante per la sua autostima, ed essendo l'abbronzatura una parte dell'ideale culturale, allora i pensieri non-coscienti della morte motiveranno il desiderio di sostenere quell'ideale attraverso l'abbronzatura della propria pelle”.

Volendo concludere, per Gorbatenko-Roth, tutte queste attività degli psicologi possono essere solo di buon auspicio.

I dermatologi e gli altri operatori sanitari fanno il meglio per i loro pazienti, ma sono anche frustrati perchè si accorgono dell'ansia emotiva dei loro pazienti, ma in genere non hanno né il tempo né gli strumenti per affrontarla completamente”.

Questo deve quindi essere un input per gli psicologi nel cercare di delineare un nuovo ruolo professionale, in un contesto complesso e affascinante quale quello della psico-dermatologia.

 

Tratto da apa.org

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 5776 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.