Pubblicità

Il sintomo e il sogno

Il malessere psicologico è un sintomo che parla una sua lingua che deve essere ascoltata e interpretata. Solo attraverso questo processo potremo sperare in una vera evoluzione e guarigione.

il sintomo e il sognoI segnali di malessere fisico o emotivo da cui possiamo ritrovarci affetti in periodi della nostra vita, vengono solitamente vissuti come “accidenti” da cui liberarci il prima possibile spesso ricorrendo a mezzi farmacologici; da questi possiamo diventare dipendenti senza che il nostro star male sia sconfitto ma solo contenuto o “stordito”.

In realtà il malessere è un sintomo che parla una sua lingua che deve essere ascoltata e interpretata. Solo attraverso questo processo potremo sperare in una vera evoluzione e guarigione.

Il SINTOMO

Per una breve riflessione sul Sintomo ricorrerò per funzionalità ai concetti classici freudiani di “Es” ed  “ Io” tralasciando di includere il “Super-Io” per non complicare inutilmente il discorso.

All’inizio della vita

All’inizio della vita tutta l’esperienza è strutturata attorno ai bisogni primari ed elementari di sopravvivenza, il nuovo nato è un essere semplice rispetto alle potenzialità future e completamente autocentrato , in lui domina l’istinto di vita la cui unica finalità è preservarsi  e procurarsi piacere.

La crescita

Col passare del tempo la progressiva maturazione delle strutture e connessioni del sistema nervoso centrale metteranno il bambino in grado di sperimentare e interagire sempre più con il mondo attorno a lui e ben presto l’egocentrico e solitario “Es” si troverà a doversi adeguare ai limiti provenienti dal mondo sociale che gli gravita attorno e da cui dipende. La madre e il padre per primi hanno nei suoi confronti  desideri, aspettative e bisogni di gratificazione in quanto genitori; di fatto il bambino è già stato influenzato dalle fantasie e dai sogni di chi lo ha desiderato e prefigurato in un certo modo tenendolo nel proprio grembo prima che venisse alla luce.

Le nostre storie sono tutte diverse

“Il principio di piacere” rappresentato dall’ Es si scontrerà ora con il “principio di realtà”, la realtà sociale con tutte le sue richieste e le sue regole che non sempre saranno in armonia con il piacere e il desiderio del bambino. L’Io sarà l’insieme dei compromessi fra bisogni e richieste personali e bisogni e richieste sociali.

Psicologi in evidenza
Dottor Giuseppe Sieli
Via Napoli, 88 - PALERMO
cell.: 339 2705469
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506

Ed ecco delinearsi le storie di ciascuno di noi, tutte diverse, tutte non paragonabili l’una all’altra nel loro intrecciarsi irripetibile di eventi e attori. Ci saranno storie più “fortunate” ed altre meno e questo dipenderà dalle caratteristiche dell’ambiente che accoglie: ci saranno genitori sofferenti e non realizzati, portatori di desideri non soddisfatti e repressi di cui non necessariamente sono consapevoli loro stessi e in grado di darne manifestazione. Altri si troveranno immersi in preoccupazioni e conflitti nel loro presente.

Situazioni di questo tipo facilmente offriranno uno spazio di ascolto e di cura fortemente inquinato dalla sofferenza; il bambino troverà poco spazio per esprimersi e sentirsi capito e ben accetto con le sue caratteristiche, su di lui verranno proiettate immagini e richieste che appartengono alla storia individuale del genitore e, per essere accudito, suo bisogno primario e da cui dipende la sua stessa sopravvivenza, si deformerà a queste richieste andando a manipolare e occultare i suoi veri bisogni.

Che ne sarà del  “principio di piacere”?

“Il principio di realtà” ucciderà quindi ” il principio di piacere”? Che ne sarà dell’ “Es”, tutto volto a preservare i bisogni naturali e soggettivi? La soluzione di adattamento provocherà il recedere nell’ombra e l’occultare nel buio della propria cantina il proprio desiderio, che tuttavia non morirà : in modo sotterraneo proprio perché carico di una proibizione originaria, continuerà a farsi sentire cozzando continuamente contro la resistenza del “principio di realtà”,  in origine rappresentato dai genitori e successivamente dalla società di cui loro resteranno i prototipi.

Ed ecco il Sintomo

Ed ecco che arriviamo al sintomo:  mentre “l’Es” continua a mandare i suoi segnali di esistenza e protesta, l’Io continua a reprimerli e disconoscerli, così l’”Es”, relegato alla sfera della non consapevolezza (inconscio), continua a parlare una lingua dimenticata che non vuole e non può più essere né capita né ascoltata. Risultante di questo conflitto sarà l’affiorare di sentimenti e di comportamenti disturbanti, “strani”, incongruenti,  che lavorano contro le nostre mete e si impossessano della nostra vita togliendocene la direzione e il piacere. Vissuto come tale il sintomo è un accidente estraneo e inspiegabile, un nemico da sfuggire e cercare di tramortire con la chimica dei farmaci che, appunto, utile a tramortire, e a volte indispensabile, non risolve il problema, ma lo modifica spesso stabilendo una dipendenza.

Il sintomo in psicoterapia

Tuttavia, nel percorso della psicoterapia, il sintomo diventa un protagonista prezioso e salvifico. Partendo dalla considerazione e dalla progressiva lettura di questo segnale che è tutt’altro che accidentale e inspiegabile,  diventa possibile attraverso il processo terapeutico ricostruire a ritroso, passo dopo passo, il tragitto compiuto per arrivare ad essere come siamo. Alla nostra consapevolezza si presenta solo la risultante della trasformazione, disponiamo solo della scena finale, mentre abbiamo messo al buio il come e il perché siamo arrivati a rappresentarci proprio nel modo attuale.

Ma l’alleanza e l’esperienza dello psicoterapeuta questa volta guiderà il percorso in modo tale da mettere in grado di rivivere e recuperare proprio questi fondamentali processi mancanti e tutto avverrà naturalmente mentre si “cresce” e si diventa pronti a capire e ad accogliere ogni proprio vissuto come legittimo e profondamente sensato.

Il sintomo, durante la terapia, continuerà a parlare; ma attenuandosi e a volte sparendo velocemente. In altri casi muterà nella sua pesantezza, a tratti si ripresenterà per poi recedere e impiegando tempo per assicurarsi di non essere più necessario e finalmente sparire; sarà comunque in continuo dialogo attivo per segnalarci la costruttività o meno del nostro lavoro. Alla fine il soggetto, di cui nulla di importante può essere cancellato e omesso, si ritroverà visto e riconosciuto.

Avendo riconquistato coscienza delle sue ragioni e dei suoi bisogni e avendoli finalmente integrati nella loro legittimità, non avrà più nulla a lavorargli contro.

Pubblicità

La forza menomante della protesta sotterranea, una volta emersa e riconosciuta ,si tramuterà in lucida capacità di capire e di perseguire ciò che realmente ci occorre.

Sintomo e sogni, due alleati nel processo di guarigione

Abbiamo visto che il sintomo è il portavoce di importanti bisogni affettivi negati, in quanto non hanno trovato posto in un contesto familiare già carico di problemi personali non risolti. Questi bisogni dovranno recedere in una zona d’ombra e di inconsapevolezza dalla quale manderanno i loro segnali di vita persistente.

Il loro linguaggio non sarà comprensibile al soggetto stesso che lo riceve perché, avendoli repressi come inaccettabili e portatori di continua negazione dolorosa, non potrà servire contemporaneamente due padroni in lotta e in contraddizione fra loro, sceglierà quello che più garantirà la sopravvivenza.

Che cosa scegliere?

Tra “principio di piacere” e” principio di realtà” sceglierà quest’ultimo che lo farà sentire più o meno adeguato alle richieste della società da cui dipende. Mentre l’”Io” cercherà di parlare il linguaggio lucido e controllato della realtà sociale, come e quando parlerà l’”Es”? Nel quotidiano abbiamo già visto che troverà nel sintomo la sua manifestazione, nell’altra metà del tempo della nostra vita, il sonno, parlerà attraverso il sogno.

Il sonno, una vita parallela

Siamo portati a sottovalutare la parte notturna della nostra esistenza, la diamo per scontata e ci sembra meno importate di quella vigile, sembra non apportare contributi riconoscibili nella vita quotidiana.

In realtà il mondo del sonno è una vera e propria vita parallela, mossa da intenti ben precisi e creatrice inesauribile di scene e personaggi attraverso i quali realizzarli ingegnosamente.

Il sogno

Il sogno ci permette di rielaborare e rimettere in discussione tutto ciò che di non risolto ci portiamo dietro dal tempo più lontano al tempo più recente. Quale migliore testimone parlante per la verità del nostro inconscio?

E tuttavia il sogno come il sintomo parla un linguaggio “strano” di cui il soggetto stesso non si trova a dominare il significato; la ragione è la stessa in entrambi i casi: tramite il sogno la coscienza addormentata, non più vigile e impegnata a soddisfare la realtà, permette di parlare a quella parte repressa che la riguarda, ma chiedendole il compromesso di “svelare occultando”.

Il simbolo

Nel sogno il linguaggio è simbolico, i significati sono presentati in forma non esplicita ma seguono un loro codice particolare che va interpretato.

Il soggetto non potendo essere contemporaneamente avvocato di due padroni avversari, non può permettersi di nascondersi e insieme svelarsi ed ecco che non può da solo capire ciò che l’inconscio gli sta portando all’attenzione col sogno.

Il sogno in psicoterapia

In un percorso di analisi il sogno offre un meraviglioso contributo per svelare e sostenere la verità da reintegrare nella coscienza. Lo psicoterapeuta, che diventa alleato della persona che segue nel suo cammino di crescita, avrà gli strumenti per capire il linguaggio dei suoi sogni e sostenerla a reintegrare la verità di cui ha bisogno per risanare la sua vita sofferente. Il sogno, inoltre, sarà sempre un ottimo interlocutore con i suggerimenti e le interpretazioni del terapeuta.

Se la direzione del lavoro sarà corretta, i sogni elaboreranno progressivamente scene di conferma la cui interpretazione “risuonerà” al paziente che si riconoscerà in essa e si sentirà progressivamente riconosciuto nella sua verità emergente.

La reintegrazione dei veri bisogni vissuti finalmente come legittimi permetterà l’integrazione della personalità che acquisterà nuove forze, nuova stima e considerazione di se stessa.

 

Bibliografia

  • S.Freud-L’interpretazione dei sogni-Einaudi
  • A.Lowen-Il linguaggio del corpo- Feltrinelli
  • A.Lowen-Bioenergetica-Feltrinelli

 

(articolo a cura della Dottoressa Arbia Mely Maria)

 

 

Iscriviti alla NewsLetter

Se l'articolo che hai letto ti è piaciuto, iscriviti gratuitamente alla News Letter per essere costantemente informato sui nuovi articoli pubblicati e sulle iniziative di Psicologi-Italiani.it
Ricezione
Professione
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

 

 

  |   Letto: 216 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoeducazione nella relazione con il paziente

Nella relazione con il paziente, la psicoeducazione fornisce al cliente la possibilità di lavorare su deficit di abilità specifiche, correggere eventuali disinformazioni e ampliare il proprio repertorio di conoscenze su tematiche specifiche. Molte persone cercano la figura di uno psicologo e/o ...

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Copyright © 2019 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.