Pubblicità

Il tema dell'abbandono

Articolo a cura della Dott.ssa Tamara Marchetti

abbandonoSecondo la teoria di Melanie Klein (psicoanalista prosecutrice della teoria freudiana), il bambino identifica una sorta di dualismo nella percezione della madre, come se questa fosse effettivamente scissa in madre buona, detentrice di un seno buono e madre cattiva, rappresentata da un seno cattivo ovvero non nutriente, sintomo di lontananza, e minaccia di abbandono.

Nella primordiale conformazione psicologica del bambino, secondo la psicoanalista, non esiste ancora un’immagine unitaria della madre che in alcuni momenti si dedica di più ad avere attenzioni per il suo piccolo, in altri si allontana per svolgere altre attività. Tutto questo risulta scisso e diviso in due diverse persone nell’immaginario intrapsichico dell’infante. Questo sta a significare per esempio, che il bambino sia maschietto che femminuccia, veda nel proprio padre un rivale, nutrendo nei suoi confronti un profondo sentimento di invidia quale causa primaria della produzione di fantasie distruttive, sia nei confronti del padre che della madre cattiva, che vengono fatti scoppiare, sparire con rabbia e ferocia nella fantasia onnipotente del piccolo.

Ogni relazione primordiale madre-bambino è a se, e ciascuna si caratterizza con un tipo di attaccamento relazionale diverso, ci sono madri per dirla ora con le parole di un altro psicoanalista che però nella sua concezione teorica aprì le porte all’osservazione sistemica e relazionale, quale Bowlby, instaurano con il figlio nei primi sei mesi di vita un attaccamento di tipo sicuro ed altre di tipo insicuro ed evitante.

Nel secondo caso a differenza del primo, quando la mamma si allontana da lui per uscire o semplicemente sparisce dal suo campo visivo, lui vive l’abbandono vero e proprio, sentendosi colpevole dell’aver fatto un torto alla madre tanto da meritarne una punizione così forte e senza possibilità di recupero. Questo tipo di imprinting si ripercuote nello sviluppo relazionale ed affettivo successivo quando il bambino diventato adulto, instaura relazioni sentimentali importanti e nella fattispecie, nella relazione di coppia con il partner.

distacco2Chi ha avuto maggiori rassicurazioni nelle cure e nel trattamento dalla figura materna sa essere sicuro di se e della funzionalità del rapporto instaurato con l’altro, al contrario chi ha una sicurezza debole, vive ogni allontanamento anche per motivi logistici del partner, come se fosse un desiderio di fuga da parte dello stesso, non si sente accettato e compreso anche se da parte dell’altro c’è un sentimento ed un atteggiamento tutt’altro che escludente.

Ci sono quindi delle persone adulte che vivono realmente la sindrome dell’abbandono, ma questo come abbiamo finora spiegato è un problema che nasce da un’identità profondamente personale che ha a che fare con l’individuale e che sul piano relazionale si propone solo in quanto ripercussione.
Il tradimento a volte diventa come un vero e proprio fantasma, che aleggia nella mente di un partner il quale non si sente realmente all’altezza di essere meritevole di amore e soprattutto di accettazione da parte dell’altro, quindi soffre, si sente perdente e pensa che chiunque possa essere migliore di se stesso.

Questo capita anche a donne molto belle da un punto di vista estetico e a uomini affascinanti, i quali si vanno a cercare a livello più o meno consapevole, relazioni difficili, con persone particolari che possono ad esempio essere impegnate in altre relazioni o con problemi di varia entità e natura, che pur non rimanendo indifferenti al loro essere persone attraenti, però non ottengono da tali relazioni quanto sperato ed ambito, se non il vissuto di frustrazione e sofferenza.

Superare queste difficoltà non è così semplice, sentirsi in grado di avere una relazione affettiva stabile e soddisfacente chiama ad un ripescaggio delle proprie origini e quelle non sono modificabili, ciò su cui si può intervenire è il qui ed ora, quando cioè la persona è stanca di vivere i propri fallimenti relazionali, scatta la motivazione ad un cambiamento che sia profondo e radicale tanto da affidarsi ad un altro esperto: lo psicoterapeuta.

distacco3Anche questo con il terapista non è un rapporto semplice in quanto si tratta di affidarsi e lasciarsi andare a qualcuno che in quel contesto ha più potere, pertanto, anche questo rapporto rievoca quello con il genitore ecco perché si propone come importante e risolutivo. L’empatia con il rapporto con la propria madre è già di per se funzionale e mette a dura prova di resistenza il paziente che può decidere se continuare o interrompere il percorso e, qualora andasse avanti si prospetta per lui la possibilità mai avuta prima, riuscire a parlare in modo diretto al proprio genitore tirando fuori il sé reale.

Il terapista infatti è lo schermo sul quale proiettare le rabbie, frustrazioni e dubbi irrisolti fin’ora, la differenza che fornisce la chiave per il cambiamento è che quelle domande per la prima volta troveranno una risposta tutt’altro che semplice ed indolore per il paziente il quale per la prima volta viene riconosciuto nella sua parte adulta e, crescere tutto d’un fiato non semplice, in quanto dietro a quelle difficoltà a quelle sofferenze della mania d’abbandono si riconosceva la reiterazione dell’infantilismo del soggetto in trattamento.

Anche nella relazione con il terapeuta si agisce in questi casi la propria specialità ovvero, mettere in moto la frustrazione, ma in questo caso funge da playmaker per entrare nel vivo della problematica ed iniziare ad elaborare quel lutto creato dalla separazione subita dalla propria madre e fin’ora mai affrontato.

 

Dott.ssa Tamara Marchetti - Psicologa Clinica, Psicoterapeuta Familiare

 

 

 

  |   Letto: 14208 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.