Pubblicità

Il transfer, strategia cognitiva utile per costruire la conoscenza

transfer

Lo sviluppo dell'attitudine generale a pensare e giudicare indipendentemente, dovrebbe sempre essere al primo posto, e non l'acquisizione di conoscenze specializzate” (A. Einstein).

Le più recenti scoperte delle neuroscienze, quali la neuroplasticità del cervello e i complessi rapporti con la mente, insieme alle indagini realizzate nel campo della psicologia cognitiva, hanno portato alla luce una serie di fenomeni mentali e fornito nuove risposte ad antiche questioni.

Che cos'è il transfer? E’ possibile trasferire competenze nell'ambito dell’apprendimento?
Il transfer, quale modo di pensare, può influire in modo determinante e innovativo sui processi di acquisizione della conoscenza?
Sono molti gli interrogativi che si sono posti nel corso del tempo intorno al concetto di transfer, a partire dal significato etimologico che risale all’inglese transfer dal verbo (to) transfer «trasferire», e questo dal latino transferre, che indica il portare da un luogo ad un altro ovvero trasportare.

Una prima definizione tende a inquadrarlo come una meta-abilità che riguarda la capacità di trasferire conoscenze e competenze da un contesto ad un altro, da una materia ad un'altra, da un problema ad un altro. Se la conoscenza può configurarsi essenzialmente come trasferimento di un bagaglio di conoscenze e abilità precedenti, l’influenza degli apprendimenti precedenti può realmente favorire o viceversa impedire, o almeno rendere più difficile, gli apprendimenti successivi. In ogni caso, il transfer deriva solo dalla reazione di un atteggiamento attento e consapevole, di auto-regolazione, del soggetto che apprende.

Nel considerarlo come un'estensione delle abilità metacognitive e dei processi cognitivi di ordine superiore, il transfer assume particolare rilievo nell'organizzazione delle attività didattiche e nella conduzione dell'insegnamento perché, se opportunamente coltivato, può consentire allo studente di effettuare delle connessioni concettuali e operative che accelerano l'apprendimento, arricchiscono la conoscenza, conferendo maggiore solidità e stabilità.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottor Edoardo Guerrieri
Via Roma, 34 Empoli - FIRENZE
Cell: 338 3753458

Lo studio sperimentale del transfer ha una lunga storia che risale all'inizio del secolo scorso quando sono state condotte in campo psicologico le prime verifiche empiriche e sono iniziate le riflessioni teoriche sulla natura e sulle funzioni di questa particolare abilità cognitiva.

A partire dai primi studi di Thorndike, Woodworth, Wertheimer, Kohler, la storia della psicologia scientifica è segnata dal tentativo di stabilire il grado in cui un apprendimento può facilitarne un altro, anche se le varie teorie esplicative proposte non hanno trovato ancora molti riscontri produttivi sul piano pratico e formativo. Un certo numero di supposizioni, e persino di teorie sul transfer, si sono rivelate inesatte in quanto contraddette dai dati empirici.

In base ai più recenti contributi teorici, che assumono una posizione moderata tra negazione e centralità del fenomeno, il transfer può essere definito come la capacità del soggetto di trasferire competenze, procedimenti, strutture e conoscenze (Poláček, 2005). Sostanzialmente, la definizione di transfer richiama le categorie proprie del cognitivismo (analizzare, selezionare, controllare, organizzare, usare strategie, essere consapevoli,…) applicate per potenziare significativamente le capacità di apprendimento autoregolato.

In realtà, il transfer, da non confondere con il transfert di derivazione psicoanalitica, riveste notevole importanza perché, la capacità di trasferire conoscenze, almeno da parte di alcuni studiosi, è chiaramente considerata come l’obiettivo finale dell’istruzione.Con il transfer, l’apprendimento, specialmente se si tratta di contenuti reali e significativi per lo studente, può avvenire in modo più rapido e stabile, mentre i contenuti appresi in un settore possono essere integrati in contesti di conoscenza molto più ampi.

Una ricognizione delle diverse tipologie di transfer che sono state individuate finora, rende possibile operare alcune distinzioni che riguardano l’oggetto del trasferimento: può essere spostato un contenuto o un processo ad altri contenuti e processi, oppure trasferita una categoria di conoscenze ad un'altra.

Nello spostamento di contenuti e processi, sono in particolare impiegate le forme di “transfer lontano” e di “transfer creativo”, due tipi particolarmente significativi che basano la loro estensione sull’analogia che esiste tra essi.

sigmund-freudInvece, le diverse categorie di conoscenze (dichiarative, procedurali, strategiche, condizionali e teoriche) danno origine, con la combinazione e il passaggio da una categoria ad un’altra, a 13 tipi di transfer, tra questi quello strategico, teorico, verticale, relazionale, e anche negativo. Ad esempio, il transfer creativo avviene quando si riesce ad applicare le conoscenze acquisite in un contesto in un altro che è del tutto differente, producendo nuove invenzioni (per es. le conoscenze di biologia che portano a scoperte in medicina); il transfer verticale, si realizza quando si riesce ad applicare la strategia già appresa in contesti molto diversi e con gradi di complessità maggiori rispetto all’acquisizione iniziale (così è, ad es., per le conoscenze di algebra utilizzate per risolvere problemi di statistica).

La diversa tipologia di transfer esistente può fornire delle tracce utili per la sua applicazione nella scuola, anche se presso le istituzioni formative sembra prevalere la tendenza a dare per scontato che le conoscenze e le abilità sono comunque impiegate in situazioni differenti con grande facilità e frequenza, in modo quasi automatico e senza, quindi, dover prestare loro particolare attenzione.

Molte ricerche dimostrano invece che gli studenti sono in grado di effettuare e sviluppare operazioni di transfer nel momento della costruzione di conoscenze, e che lo sforzo cognitivo richiesto può facilitare l’acquisizione di nuove conoscenze, indispensabili per risolvere in modo innovativo e dinamico i problemi scolastici e della società. Ad es. lo studio di Barnett e Ceci (2002), ha verificato la possibilità di trasferire processi e metodi acquisiti in un contesto ad un contesto simile (transfer vicino), oppure del tutto differente (transfer lontano).

Una ricerca ha dimostrato che gli studenti di un college, cui erano stati insegnati metodi di studio utili per una memorizzazione efficiente, manifestarono un netto miglioramento nella loro capacità di ricordare materiale memorizzato, rispetto ad altri studenti che avevano semplicemente imparato a memoria tale materiale senza ricevere alcuna istruzione particolare (Bower, 1970). Anche altri studi hanno messo in luce che l’introduzione nella scuola secondaria di lezioni sui metodi di studio non solo determina sostanziali progressi nel corso specifico ma che tali progressi si estendono anche alle altre materie (Gagné, 1970).

Psicologi in evidenza
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275

Sebbene alcune risultanze degli studi si rivelino discordanti, è indispensabile nella scuola coltivare il transfer, insieme ai processi metacognitivi, integrandolo negli obiettivi specifici formativi.Anzitutto, promuovere una cultura del transfer, ovvero la sensibilità e le abilità metacognitive degli studenti (ad es. attraverso l’utilizzo delle mappe mentali).

Occorre tenere presente che il trasferimento di contenuti, l’integrazione e l’elaborazione di concetti, principi generali e sistemi, avviene tanto più rapidamente quanto più l’apprendimento iniziale è motivato e profondo. Il piacere di realizzare insight provoca sentimenti di soddisfazione e di gioia, e l’impatto delle emozioni influenza in modo duraturo attenzione e memoria creando la possibilità di dare vita a risposte originali, non più stereotipate (Vignati, 2005).

Da parte degli insegnanti, è opportuno richiamare i contenuti esposti in precedenti lezioni prima ancora di affrontare nuovi argomenti, per dare la possibilità agli studenti di effettuare scoperte circa i rapporti tra le diverse informazioni.Si può stimolare il transfer sollecitando l’uso di strategie differenziate per assimilare contenuti diversi, come le poesie, i racconti, le commedie o anche l’ascolto di un brano musicale (ad es. il Pierrot Lunaire, una composizione di Arnold Schönberg, 1912). Altresì, può facilitare il transfer l’utilizzo di opportuni esempi o analogie che possono essere applicate a nuove situazioni. Così, nell’acquisizione di principi matematici o di una lingua, il contributo del transfer può risultare determinante ed essere considerato come una strategia cognitiva di aiuto.

Décalcomanie-300x242Tuttavia, l’impegno e lo sforzo richiesto nelle operazioni di transfer è particolarmente gravoso e soggetti che presentano particolari difficoltà nell’apprendimento, o specifici deficit cognitivi, risultano notevolmente svantaggiati. Da notare, difatti, come nelle cinque categorie della tassonomia di apprendimento (Bloom, 1956; Anderson, e Krathwohl, 2001), disposte gerarchicamente, è a partire dalla seconda (comprendere), che è possibile effettuare il transfer dei processi nell’ambito della stessa categoria, e anche in quella seguente. Le operazioni di transfer, elevandosi da una categoria all’altra, fino a quella di creare, risultano sempre più difficili richiedendo maggiore applicazione.

In definitiva, l’indicazione principale è di “conoscere le opere di persone che sono esempi di trasferimento del pensiero, come i poeti che sono maestri di transfer.'' (Haskell, 2001). Una delle opere letterarie cui si può far riferimento è Il giuoco delle perle di vetro di Hermann Hesse, dove regole estremamente sofisticate presiedono al gioco immaginario di un gruppo di monaci le cui mosse, come giocatori, consistono nello stabilire relazioni fra soggetti apparentemente distanti fra loro, come può esserlo un concerto di Bach e un teorema matematico. L’origine del gioco, secondo il romanzo, deriva dal fatto che un tempo si giocava usando elementi, come le perle di vetro, per rappresentare combinazioni astratte, in sostituzione di lettere, numeri, note musicali o altri segni grafici, ed è quindi una sintesi di tutto il sapere umano.

Anche l’opera di Gianni Rodari, e particolarmente “La grammatica della fantasia”, è un esempio appassionante di transfer creativo:  “L'immaginazione del bambino, stimolata a inventare parole, applicherà i suoi strumenti su tutti i tratti dell'esperienza che sfideranno il suo intervento creativo. Le fiabe servono alla matematica come la matematica serve alle fiabe. Servono alla fantasia, alla musica, all'utopia, all'impegno politico: insomma all'uomo intero e non solo al fantasticatore”.

Riferimenti bibliografici

  • Anderson, L. W., & Krathwohl, D. R. (a cura di) (2001) A taxonomy for learning, teaching and assessing: A revision of Bloom's Taxonomy of educational objectives. Complete edition. Longman, N. York .
  • Ausubel D. P. (1978), Educazione e processi cognitivi, Milano, F. Angeli.
  • Atkinson W.W., Hilgard  E.R, (2006) Introduzione alla psicologia, Piccin.
  • Cornoldi Cesare, (1995) Metacognizione e apprendimento, il Mulino.
  • De Beni R., Pazzaglia F., Molin A., Zamperlin C. (2003) Psicologia cognitiva dell’apprendimento, Erickson.
  • Galimberti U. (1999) Enciclopedia di Psicologia, Garzanti.
  • Hesse H. (1979) Il giuoco delle perle di vetro, Mondadori.
  • Mason L., (2006) Psicologia dell'apprendimento e dell'istruzione, Il Mulino.
  • Neisser U. (1967) Psicologia cognitiva, Il Mulino.
  • Pellerey M., (2006) Dirigere il proprio apprendimento, La Scuola.
  • Polàcek K. (2005) Questionario sui Processi di Apprendimento, Organizzazioni Speciali.
  • Rodari G. (1973) La Grammatica della Fantasia: introduzione all'arte di inventare storie, Einaudi.
  • Vignati R. (2005) A scuola dalle emozioni, PuntoEdu Riforma, Indire.

 

 

 Articolo del Dott. Renato Vignati - Psicologo, Psicoterapeuta

 

 

  |   Letto: 8929 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Cos'è la psicoanalisi?

La psicoanalisi è stato il primo trattamento per quei pazienti che non rispondevano positivamente ad altre metodi medici e psicologici disponibili a quel tempo. Spesso quando si pensa alla psicoanalisi, l'immagine che viene ad essa associata è quella di Freud che fuma il sigaro e la sua barba b...

Autolesionismo e disturbi del comportamento alimentare

Relazioni familiari problematiche e autolesionismo come fattori di rischio predispondenti al comportamento suicidario in pazienti affetti da disturbo del comportamento alimentare. Una nuova ricerca effettuata presso il Dipartimento di Psichiatria infantile dell’Ospedale Universitario di Motol, Praga, h...

Controtransfert e mentalizzazione con i “pazienti difficili”

Le teorie basate sulla mentalizzazione e quelle fondate sull’intersoggettività hanno implicazioni dirette per la pratica clinica, e si rendono particolarmente utili per comprendere cosa succede all’interno del rapporto tra medico e paziente. All’interno del presente articolo, ci si ...

Il paziente borderline e la Psicoterapia basata sul Transfert

Assumendo un punto di vista psicoanalitico più contemporaneo che si rifà alla prospettiva della teoria delle relazioni oggettuali, Otto Kernberg, Frank Yeomans e John Clarkin, hanno reso operativi alcuni costrutti e affilato alcune tecniche psicoanalitiche per il trattamento di pazienti borderli...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.