Pubblicità

Il trauma che deteriora la memoria

Secondo recenti ricerche le parti del cervello coinvolte nella formazione della memoria vengono 'soppresse' quando l'individuo sta fronteggiando o esperendo un evento traumatico.

il trauma che deteriora la memoriaNella miriade di programmi televisivi, film, serie tv a cui siamo quotidianamente esposti una cosa che spesso viene presentata riguarda il dimenticare gli eventi traumatici da parte dei sopravvissuti.

Le persone che vivono un evento devastante come un incidente stradale, un disastro naturale o un attacco terroristico spesso non riescono a ricordare l'incidente.

È anche comune non riuscire a ricordare ciò che è avvenuto prima o subito dopo l'incidente. In modo simile, molti adulti che hanno subito abusi quando erano piccoli faticano nel ricordare quei particolari momenti.

In questi casi, i problemi mnestici possono continuare a manifestarsi durante l'età adulta, soprattutto in quelle situazioni che richiedono la capacità di affrontare un problema emotivo.

Il cervello e il sistema nervoso si evolvono consentendoci di fare molte cose come leggere, scrivere, riflettere, prendere decisioni complesse e così via.

Ma la funzione principe del cervello è quella di tenerci in vita. Quando si tratta di eventi traumatici, la parte del nostro cervello che protegge il benessere fisico ed emotivo prende il controllo. In questo processo, le componenti cerebrali che sono responsabili dei processi di pensiero più complessi, come la formazione ed il recupero dei ricordi, vengono soppresse.

Normalmente, il processo mnestico funziona e si muove lungo tre fasi che consentono la memorizzazione di un fatto o evento: acquisizione, consolidamento e recupero.

L'acquisizione avviene attraverso la combinazione di esperienza sensoriale ed emotiva. L'amigdala è responsabile dell'elaborazione ed interpretazione dell'esperienza.

L'ippocampo, consolida tale esperienza e invia le informazioni per la conservazione. Per quanto concerne il recupero delle memorie, si ritiene che la funzione avvenga a carico della corteccia prefrontale.

Psicologi in evidenza
Dottor Primo Goldoni
Via Gramsci, 3 Carpi - MODENA
Cell.: 347 9205923
Centro Synesis® di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Centro Synesis® di Psicologia Via Pace, 11 - Carnate (MONZA)
Cell: 338 1863275

Quando si vuole pensare a qualcosa, come la definizione di una parola, la corteccia prefrontale la recupera e questo ci consente di ricordarla.

Quando ci si trova in una situazione di pericolo che mette in pericolo la vita, il cervello si comporta in modo diverso. L'amigdala invia un segnale di emergenza all'ipotalamo, che a sua volta attiva la risposta di fuga o combattimento. I corticosteroidi vengono quindi rilasciati nel flusso sanguigno per preparare il corpo all'azione.

La pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e quella respiratoria aumentano per fornire al corpo e al cervello energia extra e ossigeno. In tal modo, la prontezza aumenta ed il corpo è pronto ad agire.

Quando ciò accade, l'amigdala inibisce l'attività della corteccia prefrontale. Di fronte al pericolo, questo è utile, poiché la corteccia prefrontale opera sostanzialmente più lentamente. Mentre sta cercando di capire cosa sta succedendo, il nostro corpo potrebbe essere danneggiato.

La parte più veloce e orientata all'azione del cervello consente di rispondere rapidamente e cercare di evitare il pericolo. In tal senso, si ha la capacità di agire velocemente. Più tardi, una volta al sicuro, si ha tempo per pensare.

Riguardo alla memoria, le parti del cervello coinvolte nella formazione della memoria vengono 'soppresse' quando si trovano di fronte ad un'esperienza traumatica. L'attivazione della risposta di combattimento o fuga impedisce che le parti del cervello responsabili della creazione e del recupero della memoria funzionino in modo efficace.

Questo è il motivo per cui si possono dimenticare le cose accadute durante un evento traumatico. Nel corso di traumi, come l'abuso infantile, possono verificarsi problemi continui con la memoria e il relativo processo, portando a ciò che prende il nome di dissociazione.

Al centro di tale meccanismo vi è la distruzione della memoria. Durante la dissociazione, le funzioni normalmente integrate di percezione, esperienza, identità e coscienza sono interrotte e non si intrecciano per formare un senso coeso di sé.

Pubblicità

Le persone che ricorrono alla dissociazione come meccanismo di difesa hanno spesso la sensazione che le cose non siano reali; possono sentirsi scollegati da se stessi e dal mondo che li circonda. Il loro senso di identità può cambiare, i loro ricordi possono spegnersi e la connessione tra eventi passati e presenti interrompersi.

Comprendendo la risposta umana al trauma, si comprende che la dissociazione è centrale perché fornisce una sorta di fuga mentale quando quella fisica non è possibile da realizzare.

Questo tipo di difesa è spesso l'unica disponibile per i bambini che vivono in situazioni di violenza. Il disturbo da stress post-traumatico e il disturbo da stress post-traumatico complesso vanno spesso di pari passo con la dissociazione.

Negli studi che indagano l'impatto del disturbo post-traumatico sulla memoria, i ricercatori hanno scoperto che le persone con sintomi dissociativi hanno una maggiore compromissione sia della memoria di lavoro che della memoria a lungo termine.

Per comprendere l'impatto a lungo termine del deterioramento della memoria dovuto alla dissociazione, bisogna comprendere il contesto da cui proviene. La dissociazione avviene come risultato del trauma in corso associato allo stress cronico.

Un cervello e un sistema nervoso cronicamente stressati hanno difficoltà di apprendimento. L'ippocampo, fondamentale per la formazione e il consolidamento della memoria, può essere danneggiato dall'esposizione continua agli ormoni dello stress.

I ricercatori hanno scoperto che l'ippocampo si restringe nelle persone che soffrono di depressione maggiore. Oltre all'impatto emotivo dello stress e dell'abuso cronico, possono verificarsi anche difficoltà con l'apprendimento e la memoria.

Le implicazioni vanno dalle difficoltà accademiche alla riduzione dell'apprendimento e delle prestazioni sul posto di lavoro.

Sfortunatamente, una volta che una persona si libera da un'infanzia abusiva, gli effetti possono insinuarsi nell'età adulta in modi inaspettati. Un ippocampo danneggiato e un sistema nervoso iperattivo possono rendere la vita più difficile di quanto non debba essere.

Nel tempo, anche l'autostima e la fiducia possono avere un impatto negativo. Fortunatamente, la prognosi della dissociazione può essere ottimistica. I ricercatori hanno scoperto che il trattamento con antidepressivi può aumentare il volume dell'ippocampo. Anche la psicoterapia progettata per ridurre lo stress aumenta la capacità di recupero emotivo.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Iscriviti alla NewsLetter

Se l'articolo che hai letto ti è piaciuto, iscriviti gratuitamente alla News Letter per essere costantemente informato sui nuovi articoli pubblicati e sulle iniziative di Psicologi-Italiani.it
Ricezione
Professione
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

  |   Letto: 408 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoeducazione nella relazione con il paziente

Nella relazione con il paziente, la psicoeducazione fornisce al cliente la possibilità di lavorare su deficit di abilità specifiche, correggere eventuali disinformazioni e ampliare il proprio repertorio di conoscenze su tematiche specifiche. Molte persone cercano la figura di uno psicologo e/o ...

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Copyright © 2019 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.