Pubblicità

Il volto della depressione

il volto della depressioneIl termine depressione, derivante dalla psichiatria e dalla psicologia, è ormai diventato di uso comune. E’ senza dubbio il più ‘abusato’ degli ultimi vent’anni, dal momento che attraverso di esso si indica tutta una serie di differenti stati d’umore.

Laddove, infatti, non si riesce a diagnosticare con esattezza un disturbo, si tende erroneamente a parlare di depressione.

La depressione è, in senso letterale, un ‘avvallamento del terreno’ o una ‘diminuzione della pressione atmosferica’: qualcosa che va verso il basso a partire da uno stato precedente più o meno equilibrato. Riferito all’essere umano, il termine indica la rottura di un equilibrio mentale ed emotivo e una conseguente caduta dell’umore, un ‘avvallamento’ percepito come avvilimento. Kahlil Gibran scrive: ‘Ogni uomo è due uomini: l’uno è desto nelle tenebre, l’altro dorme nella luce’; e in effetti se si osservano i ‘depressi’ sembra di essere di fronte a persone che mostrano solo la ‘faccia oscura della luna’. Sembra di avere a che fare con pianeti dove non arriva il sole, dove continuano ad esistere i punti cardinali, ma senza il riferimento della luce e della vita.

Ma in realtà quanto davvero conosciamo della depressione e quanto sappiamo di coloro che ne soffrono?

Psicologi in evidenza
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950

Ciò che nel corso dei secoli ha caratterizzato l’approccio alla depressione, e in generale alla malattia mentale, è stata la ricerca della ‘causa originaria’, della ‘causa prima’. Di fronte all’incertezza della vita, all’impossibilità di poter controllare e conoscere tutto, la ricerca del ‘perché’ è sempre stata per l’uomo fonte di rassicurazione, un modo per placare l’angoscia derivante dall’ignoto. E in effetti, per quanto diversi tra loro, i vari approcci, da quello medico a quelli psicologici, hanno tutti in comune il fatto di pensare, e conseguentemente di curare, secondo il principio di ‘causa-effetto’. Ecco allora che gli psichiatri pongono l’accento sull’aspetto biologico del disturbo prescrivendo farmaci antidepressivi; l’approccio psicologico psicoanalitico ricerca le cause remote del problema, quelle legate alle prime esperienze di vita; oppure secondo la visione cognitivo-comportamentale sono le ‘idee irrazionali’ della persona che devono essere modificate, in modo che poi possano cambiare i comportamenti.

Di fronte a questa ricerca dei ‘motivi’ della depressione, il Centro di Terapia Strategica di Arezzo ha studiato il problema della depressione basandosi solamente su ciò che si osserva, sui meccanismi che mantengono e alimentano il problema, e su ciò che ‘funziona’ per far sì che la persona esca dal suo stato depressivo. Il tutto senza riferimento ad alcuna teoria ‘a priori’ che potesse fungere da riferimento, secondo il principio per cui: ‘sono le soluzioni che spiegano il problema, e non viceversa’.

In particolare, l’utilizzo, nella pratica clinica, di un metodo empirico-sperimentale ha mostrato come l’insorgere della depressione sia la conseguenza della reazione della persona a qualcosa che ‘si rompe’ nella sua vita, che si frantuma. Ma che cosa si rompe precisamente?

La depressione sembra costruirsi a partire da una ‘credenza’, cioè da un pensiero che la persona ha e che la guida nelle sue scelte e nelle sue azioni; credenza che con il tempo la persona asseconda facendola diventare la sua verità. Il fatto che qualcuno pensi di sé: ‘Io sono capace’ è un esempio di credenza originaria che permette di agire e comportarsi in un certo modo. Può succedere, però, che di fronte ad un evento inatteso, non contemplato, e per questo vissuto come traumatico, la credenza si incrini, si rompa: tutto ciò che fino a quel momento ha funzionato non funziona più, tutto ciò in cui la persona ha creduto crolla rovinosamente sotto la spinta dell’accidente non previsto. Ecco allora, per tornare al nostro esempio, che la credenza originaria ‘Io sono capace’ si infrange e diviene ‘Io non sono più come pensavo di essere’. Di fronte a tanto sgomento la persona ha due possibilità: può tentare di rimettere insieme i pezzi della propria credenza frantumata; oppure può, affranta, contemplarli nella quasi totale certezza che non potranno più essere ricomposti. Ormai ‘rinuncia’ a ricostruire la sua credenza; in altre parole, ‘getta la spugna’. Ma, così facendo, finisce per porsi nel ruolo di vittima, nel ruolo di chi impotente subisce la realtà circostante. A questo punto la persona è caduta nel vortice infernale della depressione e la sua nuova credenza è: ‘Non sono in grado, quindi rinuncio, quindi sono vittima’.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667

Il depresso può rinunciare e porsi nel ruolo di vittima in diversi modi: può rinunciare delegando e diventando vittima di sé – ‘io sono sbagliato perché io sono incapace’ –; può rinunciare arrendendosi e diventando vittima degli altri – ‘credevo negli altri… e invece gli altri, ad un certo punto, mi hanno deluso’ –; può rinunciare pretendendo e diventando vittima del mondo – ‘io ho dei principi, ma il mondo non funziona secondo quei principi; è il mondo, sono gli altri che devono cambiare ’ –.

Ma, al di là delle differenze mostrate nelle modalità di reazione alla rottura delle credenze originarie, è importante sapere che è possibile uscire dalla depressione e che è possibile farlo in tempi brevi.

Questo grazie alla ventennale esperienza clinica e alla continua ricerca condotta presso il Centro di Terapia Strategica di Arezzo, dove sono stati messi a punto specifici protocolli di trattamento per i disturbi depressivi. Si tratta di protocolli che richiedono in genere il coinvolgimento dei familiari del paziente. Questo perché molto spesso, per quanto i familiari agiscano per il bene del proprio caro, cercando ad esempio di consolarlo o viceversa di spronarlo a reagire – atteggiamenti fra l’altro del tutto naturali –, non si rendono conto che invece, così facendo, finiscono, purtroppo, per alimentare il problema del familiare. Ecco perché oltre al paziente, l’intera famiglia necessita di essere aiutata; se c’è collaborazione, in breve tempo, l’oscurità delle tenebre potrà essere spazzata via da raggi di luce abbaglianti.

 

Articolo a cura della Dottoressa Ilaria Artusi

 

 

  |   Letto: 9420 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe. Alcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e co...

Cultura e depressione

La cultura può influenzare il nostro modo di sentire ed esprimere le emozioni? Può uno stesso sintomo o disturbo mentale essere esperito in modo completamente diverso tra le diverse culture? Subito dopo l'ora di pranzo, in una giornata estiva in Washington DC, la psicologa culturale Yulia Chent...

Il Disturbo Schizotipico di Personalità

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il disturbo schizotipico della personalità è una condizione psichiatrica caratterizzata da disturbi del comportamento e de...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.