Pubblicità

Immigrati e psicosi

Secondo recenti ricerche la retorica anti-immigrazione, la discriminazione e l'esclusione sociale possono rappresentare il fulcro di una psicosi che colpisce la popolazione degli immigrati.

psicosi immigrati psicologiLa psicosi, a volte chiamata schizofrenia, è uno stato psicologico caratterizzato da sintomi come la paranoia e le allucinazioni.

In Inghilterra, una persona su 100 sarà diagnosticata con un disturbo psicotico ad un certo punto della sua vita.

Inaspettatamente, le prove raccolte dalle nazioni occidentali suggeriscono che gli immigrati sperimentano la psicosi da due a cinque volte in più rispetto ai 'residenti'.

Una recente ricerca e teorizzazione suggerisce che la discriminazione e l'esclusione sociale possono rappresentare il fulcro di una psicosi che colpisce questa popolazione specifica di individui.

La psicologia sociale insegna che impariamo a definire chi siamo, sulla base dei gruppi di appartenenza di cui facciamo parte.

Questa internalizzazione dei membri del gruppo prende il nome di “identità sociale”.

I gruppi sociali possono ruotare intorno ad interessi e credenze comuni, come i partiti politici o particolari club come quello sportivo, culturale e così via, ma possono anche emergere da categorie sociali come il genere, la cultura e l'etnia.

Possedere identità sociali significative e positive è stato collegato ad una serie di risultati positivi della salute.

La mancanza di una forte identificazione sociale è anche associata a tassi più elevati di depressione e ansia.

Negli Stati Uniti e nel Regno Unito, le recenti elezioni e referendum sono stati vinti da partiti la cui politica, rispetto alle tematiche di immigrazione, è apparsa molto più severa rispetto alle precedenti.

Frasi come “Muslim ban” o “immigration Ban” o “Refugee Ban” risultano come notizie riluttanti.

Indipendentemente dalle motivazioni sottostanti tali politiche, tali messaggi sembrano particolarmente dannosi per gli immigrati.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142

I sentimenti anti-immigrazione, ad esempio, è stato collegato a sentimenti di isolamento e depressione nelle famiglie Messicane che vivono negli Stati Uniti.

Esistono prove convincenti per un'associazione tra questo tipo di discriminazione razziale e la psicosi.

Tuttavia, altre ricerche suggeriscono che la forte identificazione con una cultura particolare, come quella musulmana, possa contrastare gli effetti dei sintomi psicotici correlati alla retorica anti-immigrazione e alla discriminazione.

I deliri paranoici, ossia un insieme di credenze fisse e false di essere perseguitati da una persona o un gruppo, rappresentano i sintomi più comuni della psicosi.

L'attuale ricerca suggerisce che la debole identificazione con un determinato gruppo culturale porta ai primi segnali di deliri paranoici, tra cui una bassa autostima ed un senso ridotto di controllo sulla propria vita.

La ricerca condotta da Richard Bentall, Docente di psicologia clinica presso l'Università di Liverpool, utilizzando i dati provenienti da 208 donne bilingue (inglese e arabo) che frequentano l'università negli Emirati Arabi Uniti, forniscono una dimostrazione empirica del legame tra identità culturale e paranoia.

I partecipanti allo studio hanno completato un sondaggio che ha misurato il loro livello di paranoia, nonché la loro abilità linguista ed identificazione con la comunità araba.

Le persone che erano più paranoiche tendevano ad accordarsi con dichiarazioni come “credo che alcune persone vogliono ferirmi deliberatamente”.

Le persone con forti identità arabe si sono invece accordate con dichiarazioni del tipo “sento un legame con gli arabi”.

Essi hanno anche effettuato un compito computerizzato che ha valutato la loro preferenza implicita sia per la cultura americana che quella araba: veniva cioè chiesto di indicare se le parole erano positive (ad esempio, divertimento) o negative (ad esempio, dolore) il più rapidamente possibile.

Pubblicità

Prima della presentazione di ogni parola, si illuminava sullo schermo un'immagine associata all'identità araba o americana.

Tra le immagini poteva essere presentata un'immagine araba tradizionale, o un mantello, o la statua della libertà e via dicendo.

Se le persone si sentivano maggiormente appartenenti alla cultura araba, avevano tempi di reazione più rapide verso parole positive precedute da immagini di identità arabe, e tempi di reazione più lente a parole negative precedute da immagini arabe.

Si è scoperto che i partecipanti con una maggiore conoscenza della lingua araba e preferenze intrinseche per questa cultura erano meno paranoiche.

I partecipanti più paranoici erano invece coloro che indicavano che l'inglese era la loro lingua dominante e che mostravano una preferenza implicita per la cultura americana.

Questi risultati suggeriscono che le persone più legate alla loro cultura e pratiche tradizionali erano meno probabili di divenire paranoiche.

Il lavoro che attualmente si sta facendo nei quartieri del Regno Unito, sta indicando un effetto simile: le persone che si identificano più con il loro quartiere locale denunciano meno credenze paranoiche.

Quindi, se forti identità culturali possono proteggere la gente dalla psicosi, è meglio che le persone mantengano la loro identità culturale originale dopo l'immigrazione in un nuovo paese o identificarsi con la cultura ospitante? O entrambi?

L'evidenza suggerisce che gli immigrati che vivono vicino a persone della propria cultura abbiano tassi inferiori di psicosi.

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

Conosciuto come “effetto di densità etnica”, questo suggerisce che il mantenimento dei legami con la cultura originaria protegge dai sintomi psicotici.

Questo potrebbe quindi sottolineare che distanziarsi dalla cultura ospitante a favore di quella originale potrebbe essere utile.

Tuttavia, se, come sostenuto precedentemente, il rischio di psicosi è aumentato in una persona che si sente isolata o discriminata, una strategia migliore potrebbe essere quella di lavorare per aumentare la tolleranza e accogliere gli immigrati in più gruppi sociali.

Detto questo, la ricerca ha indicato che la discriminazione in alcuni casi aumenta l'identità culturale ed il benessere.

Tuttavia, altre ricerche hanno dimostrato che i livelli più elevati di discriminazione sono associati ad una maggiore psicosi, suggerendo che gli effetti positivi della discriminazione siano inondati dai suoi effetti negativi.

Possedere diverse identità sociali è stata associata con minore depressione e maggiore resilienza di fronte alle sfide.

Ciò implica che l'identificazione con la cultura originale e la cultura ospitante dopo l'essere immigrato – attraverso l'integrazione – produrrà maggiori benefici per la salute mentale.

Tutto ciò significa che se si vuole ridurre l'onere della psicosi che colpisce gli immigrati, i governi ed i cittadini devono aumentare i loro sforzi per rendere tutti partecipi e accolti all'interno dei diversi gruppi sociali.

Le diverse evidenze suggeriscono che la retorica anti-immigrazione è suscettibile di favorire sentimenti di isolamento e di discriminazione e, a loro volta, di aumentare i tassi di psicosi negli immigrati.

Tuttavia, se gli immigrati si sentono collegati alla loro cultura originale e ospitante e sono in grado di aderire a più gruppi sociali, è probabile che possano contrastare questo problema.

 

Tratto da The Conversation

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1316 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.