Pubblicità

Impulsività e procrastinazione: qual è il legame?

Spendo un sacco di tempo a pensare ai miei punti di forza e di debolezza” o “Mi confronto spesso con altre persone”; se queste dichiarazioni le trovate affini a ciò che spesso pensate, potrebbero interessarvi i risultati di un nuovo studio che indica come sia probabile che siate per lo più ansiosi e impulsivi.

impulsività procrastinazione psicologiIn un recente numero della rivista “Personality and Individual Differences”, Idit Shalev della Yale University e Michael Sulkowski della University of Florida, hanno esplorato al relazione tra l'autocontrollo ed i sintomi dell'impulsività e compulsività.

Secondo recenti ricerche, sia l'attenzione per l'autocontrollo che l'impulsività potrebbero essere lette anche in termini di procrastinazione.

Come sostenuto da altri autori, un fallimento nei processi di auto-regolamentazione può assumere le forme della procrastinazione, o molti altri comportamenti problematici come lo shopping compulsivo, l'abuso di sostanze o il gioco d'azzardo patologico.

In tal senso, l'impulsività potrebbe quindi essere un correlato chiave delle misure di procrastinazione.

Più un individuo è impulsivo, più ha la tendenza alla procrastinazione. Shalev e Sulkowski hanno misurato due aspetti dell'autoregolamentazione: la locomozione e la valutazione.

La locomozione implica l'avvio ed il mantenimento di un comportamento diretto da obiettivi senza distrazioni o ritardi indebiti.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Sonia Collaro
P.le Tecchio, 33 - NAPOLI
Cel. 329 7310029
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667

Questo aspetto dell'autoregolamentazione riguarda il “fare accadere qualcosa”; al contrario, la valutazione è quell'aspetto su cui ci si sofferma per scegliere obiettivi, alternative e via dicendo.

Si tratta di pensare, ma non di agire. Ciò include una preoccupazione cronica e continua della valutazione del sé e del confronto con gli altri.

Sono state sviluppate due scale per misurare la locomozione e la valutazione; come affermano gli autori, la ricerca precedente con queste scale “ha scoperto che i punteggi elevati sulla scala di valutazione sono associati ad un pensiero eccessivamente critico e comparativo, al pensiero controfattuale prevalente e, di conseguenza, al rammarico”.

Letteralmente il termine “controfattuale” significa “contrario ai fatti”; è cioè incentrato sulla generazione delle diverse conseguenze di un evento, qualora fossero apportati dei cambiamenti ai suoi antecedenti.

Al contrario, i punteggi elevati sulla scala della locomozione sembrano essere associati con la presa di decisione, così come la mancanza di pensiero controfattuale e dispiacere.

Pubblicità

All'interno del loro studio, gli autori hanno ipotizzato che “la valutazione sarebbe positivamente correlata ai sintomi ossessivi-compulsivi, ansia e impulsività e, al contrario, negativamente correlati alla locomozione”.

I dati sono stati raccolti su un campione di 330 studenti universitari (211 femmine, 119 maschi), di cui il 95% con età compresa tra i 18 ed i 21 anni. I partecipanti hanno completato diverse scale per la misurazione della locomozione e valutazione, ossessività-compulsività, impulsività ed ansia.

Le analisi si sono basate sull'analisi regressiva e correlazionale tra le diverse variabili.

Complessivamente, i loro risultati suggeriscono che l'impulsività è caratterizzata da un'elevata valutazione e bassa locomozione, mentre i sintomi ossessivi-compulsivi e ansiosi sono legati esclusivamente ad un'alta valutazione.

Come possono quindi i processi di autovalutazione cronica e critica avere senso in relazione all'impulsività?

Gli autori ritengono che possa essere spiegato in relazione all'esaurimento delle risorse sottostanti l'autocontrollo.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142

Scrivono gli autori, “l'associazione tra valutazione e impulsività può essere spiegata, in parte, dalle valutazioni negative che riducono le risorse di autocontrollo le quali, successivamente, determinano un comportamento impulsivo”.

Inoltre, aggiungono, “dopo essersi impegnati in comportamenti impulsivi, gli individui possono essere mentalmente occupati in valutazioni, autovalutazioni e rimpianti negativi continui. Ad esempio, anche se i giocatori patologici spesso dichiarano di vivere emozioni altamente piacevoli durante il gioco … questi individui sono ad un rischio pronunciato di manifestare sintomi depressivi dopo aver speso grandi quantità di denaro”.

Pertanto una tendenza cronica alla procrastinazione può essere il segno di un fallimento dei processi di autocontrollo e auto-regolamentazione.

 

Tratto da:

Shalev, I., & Sulkowski, M.L. (2009). Relations between distinct aspects of self-regulation to symptoms of impulsivity and compulsivity. Personality and Individual Differences, 47,84-88.

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 430 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Psicoterapia psicoanalitica

La scuola psicoanalitica nasce grazie alle teorie elaborate da Freud. La psicoanalisi si propone come obiettivo non tanto l’interpretazione degli aspetti cognitivi e fisiologici del comportamento umano, bensì lo studio e l’analisi di tutte le manifestazioni motivazionali e dinamiche, che sono meno e...