Pubblicità

L'Andropausa. Il climaterio maschile

L'ANDROPAUSA È UN EVENTO REALE E VERIFICABILE? O NON RAPPRESENTA INVECE UNA FINZIONE, UNA SORTA DI SOFFERENZA APPARENTE?

andropausaNell'uso corrente che viene fatto del termine menopausa risulta evidente il riferimento ad un evento fisiologico specifico che comporta per la donna profonde modificazioni, anche psicologiche, e che sancisce il passaggio ad una nuova condizione di stato e di ruolo, del tutto differente dalle precedenti epoche.

Non altrettanto conosciuto e utilizzato è il termine andropausa, spesso sostituito con climaterio maschile o menopausa dell'uomo o viropausa.

L'incertezza terminologica esistente intorno al significato da attribuire a questa fase dello sviluppo maschile, che può presentarsi dai 45-55 anni ai 60-65, restituisce l'idea della scarsa considerazione ricevuta fino ad oggi da parte della comunità scientifica. Complessivamente, rappresenta un passaggio critico perché concomitante con le peculiarità della terza età. E' l'età dei bilanci esistenziali: si riesamina il passato e la propria storia per stabilire cosa si è fatto, si ragiona sul presente per comprendere meglio cosa si sta facendo e così preparare il futuro.

Il numero ridotto di studi finora realizzati sul fenomeno della andropausa e, in generale, sul comportamento sessuale degli anziani, non scioglie completamente il dubbio e il pregiudizio esistente su questo difficile periodo di senescenza fisiologica. Secondo alcuni studi, il concetto di andropausa è meglio individuato in una condizione patologica rappresentata da un "precoce e marcato processo d'invecchiamento e deterioramento di numerose e differenti funzioni del nostro organismo con relativo corteo sintomatologico".

Un recente lavoro di ricerca (*), elaborato dalla psicologa Diana Vitali di Ascoli Piceno, pone proprio l'andropausa quale oggetto di indagine, a partire dalla sua esistenza e rilevanza scientifica. Una buona parte del lavoro è stata prodotta con l'ausilio di Internet utilizzando i materiali di studio più recenti, reperiti nei siti nazionali e internazionali. Lo studio compie una estesa ricognizione degli aspetti biologici, fisiologici e psicologici, considerando anche la diagnosi e il trattamento dell'impotenza, valutandoli nel contesto della sessualità nell'età senile.

Particolarmente interessanti risultano essere quegli aspetti, sinergici al deficit ormonale e puntualmente trascurati dagli studiosi, che caratterizzano l'andropausa come "un evento essenzialmente psicologico".

I sintomi della condizione andropausale possono assumere varie espressioni e riguardare forme di nevrosi ansiosa, depressione, fatica e difficoltà di attenzione, insonnia, riduzione della libido ed eventuali disagi derivanti da disfunzioni erettili.

Gli atteggiamenti prevalenti sono di rinuncia, a volte di paura del fallimento nelle prestazioni sessuali, di chiusura e isolamento o di aggressività, irritabilità e sospettosità. Prevalentemente si tende ad attribuire agli altri la colpa dei propri insuccessi.

Gli uomini, a differenza delle donne, tendono a rivolgere all'esterno il disagio provato e anche la loro perdita di ruolo e di sicurezza sociale, mascherandoli in comportamenti ostili. Così, può avvenire che la reale consistenza del disagio maschile non emerge per la resistenza ad ammettere di essere in difficoltà, anche a causa delle modificazioni ormonali. E facilmente la perdita d'identità e della forza vitale, insieme ad altri fattori provoca disfunzioni in campo sessuale. E' indicativo che il tasso suicidario negli Stati Uniti riguardo agli uomini, risulta essere dell'80%, ed è superiore di tre volte nella mezza età e addirittura di sette volte in un'età oltre i 65 anni.

L'andropausa è abbastanza legata alla stabilità dell'equilibrio psicologico raggiunto nelle precedenti fasi e alle capacità di adattamento individuali ma anche alle esperienze che si vivono durante la stessa età senile. Il processo di adattamento al nuovo status che comporta la 'perdita' di ruolo e l'insicurezza circa la propria identità, può essere vissuto e indirizzato meglio solo se viene riconosciuto e accettato.

Pertanto, il "segreto di una buona andropausa sarebbe racchiuso nell'atteggiamento positivo e non fatalistico che alle volte gli anziani hanno nei confronti delle prospettive della loro vita. In definitiva, non è l'inizio della fine ma solo una fase dalla quale trarre il meglio. E' il dilemma, se "invecchiare o crescere da vecchi", posto da Carl Rogers in un suo articolo scritto all'età di 78 anni, e risolto con una scoperta: "Scopro che sono vecchio e che continuo a crescere. Sono diventato sempre più consapevole della mia capacità di amare, della mia sensualità e sessualità. Mi sono accorto della fortuna di aver scoperto e costruito rapporti in cui questi bisogni possono trovare espressione. Ci sono stati dolori e ferite, ma anche gioia e profondità".

L'autrice conclude che l'andropausa non può essere ridotta al "tentativo di dare dignità ad una condizione della senilità maschile" ma che ha una sua esistenza reale che deve trasformare l'atteggiamento culturale della società facilitando l'informazione.

L'andropausa pretende un suo diritto di esistenza, "uno spazio più ampio nella vita dell'uomo contemporaneo.per essere un modo nuovo, anche se diverso, di vivere più serenamente il sesso e la sessualità". a patto di perdere la connotazione di malattia.

 


(*) "Andropausa: evento o finzione? ", Tesi non pubblicata, Università di Urbino, 2000.

 

Dott. Renato Vignati - Psicologo, Psicoterapeuta (Fermo - AP)

 

 

  |   Letto: 2188 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Sessualità e psicoanalisi

L'opera di Freud ha fornito contributi sempre più incisivi allo studio della sessualità umana, dei suoi disturbi e delle sue manifestazioni polimorfe legandole al divenire della storia dell'individuo e alle sue relazioni primarie. L’opera di Freud ha fornito contributi sempre pi&ugr...

Il comportamento sessuale compulsivo

Sebbene il DSM-5 non ha riconosciuto il comportamento sessuale compulsivo come disturbo indipendente, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), ha raccomandato di includerlo nella prossima edizione come “disturbo del controllo degli impulsi”. Nell'epoca attuale, la comunità scie...

Cosa motiva la promiscuità sessuale?

Un’analisi motivazionale e psicodinamica della vita artistica e sessuale di Peggy Guggenheim: una frenetica evasione dall’abbandono o promiscuità ‘demoniaca’ meno distruttiva? La promiscuità è un concetto culturalmente determinato, ma formalmente definito come un ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.