Pubblicità

L'ansia

Articolo a cura della Dottoressa Francesca Romana D'Angelo

ansiaOgni essere umano ha sperimentato questa emozione nella propria vita. E’ quella che non ci fa chiudere occhio prima di un esame, o ci fa balbettare quando si è emozionati di fronte a qualcuno che ha un valore speciale, o che ci fa tremare le gambe in attesa di una risposta importante.

L’ansia fa parte della vita, è quello stato d’animo che ci segnala qualcosa di cui temiamo le conseguenze, attiva adrenalina e ci porta ad attivare tutti i comportamenti più idonei a determinare i risultati più positivi possibili rispetto ai nostri bisogni. Questo quando l’ansia è funzionale.

Ma quando invece diventa disadattiva? Cioè quando non aiuta a migliorare la qualità della propria vita? In questo caso è un’emozione limitante e negativa, che ostacola in modo significativo il benessere della persona e che è necessario riconoscere per ripristinare uno stato di equilibrio e serenità interno.

Esternamente i segnali somatici che possono esprimere tale condizione interna sono costanti sia che si tratti di ansia funzionale che di ansia disfunzionale: pallore della pelle, aumento della sudorazione e del battito cardiaco, tremore, nausea, dilatazione pupillare. Ciò che fa la differenza è la capacità di percepire e riconoscere quando uno stimolo di pericolo è reale e quando invece è presunto e teorico. Nel primo caso l’ansia è proporzionale ad uno stimolo effettivo e tangibile che è bene allontanare, nel secondo caso si attivano emozioni stressanti non collegate a qualcosa di effettivamente minaccioso che generano soltanto evitamento di situazioni invece potenzialmente positive e arricchenti. Si inizia allora a vivere male il lavoro, l’incontrare gli amici, il fare sport, il vivere una relazione sentimentale.

Tutto ha origine dall’aspettarsi qualcosa di brutto al di là di quello che si sta vivendo realmente. Ciò porta ad un sentimento di preoccupazione generalizzata verso uno stimolo non chiaramente identificabile che genera un diffuso e costante senso di vulnerabilità paralizzante.

A livello comportamentale questo genera comportamenti volontari e involontari diretti alla fuga o all'evitare la presunta fonte dell'ansia.

Si evita, cioè, non più un pericolo reale che si manifesta nel qui ed ora, ma anche quelle situazioni potenzialmente positive e gratificanti, poiché esse vengono percepite e interpretate piuttosto alla luce dei rischi presunti che delle caratteristiche effettive e sperimentabili. Ciò porta a vedere molte circostanze in modo negativo prima ancora di averle vissute concretamente, con la conseguenza di evitarle. In alternativa si ha la tendenza a generalizzare un’esperienza negativa che si è realmente verificata nel passato come regola di tutte quelle future, cosa che predispone ad un atteggiamento egualmente evitante, negativo e pessimistico.

In entrambi i casi i pensieri pregiudizievoli cioè le aspettative negative si sostituiscono alla realtà effettiva portando la persona a confondere l’una dimensione con l’altra senza sapere più distinguere dove arriva la realtà e iniziano le proprie paure.

Il meccanismo vizioso è:

> temo di non essere capace di affrontare la situazione
vedo solo gli aspetti potenzialmente negativi o pericolosi o deludenti della situazione stessa (generalizzazione)
> evito la situazione
> mi sento sempre più piccolo e inefficace nell’affrontarla
> ne ho sempre più paura
> la evito
> mi percepisco sempre più incapace
> percepisco la situazione sempre più complessa e difficile da affrontare
> non ce la farò mai

ansiaVivere le cose in modo spaventato e prevenuto impedisce alla persona di prendere fiducia in se stessa e nelle proprie reali risorse oltre che nel mondo esterno, amplificando la sensazione di inefficacia personale, di inadeguatezza e di inaccessibilità della vita, cosa che può alimentare anche pensieri depressivi e quindi altra chiusura in se stessi. il rischio è quello di vivere in una realtà parallela a quella reale in cui le situazioni che si immaginano vengono confuse con quelle effettive e ci si comporta dando per scontato che quanto si teme corrisponda alla realtà.

E’ allora importante capire da dove origina quell’aspettativa negativa, perché si guarda al mondo con gli occhi del pessimismo, qual è l’origine emotiva che ha deviato il modo di sentire e vivere le cose assimilandole al passato. Ciò è possibile esprimendo ciò che si prova, dando un nome a ciò che si teme, riconoscendo invece ciò che si è piuttosto che identificarsi con ciò che non si è in grado di fare in teoria.

Non si nasce imparati, nessun essere umano ha a disposizione un ricettario pronto all’uso per la vita, le soluzioni cambiano da individuo ad individuo e nei vari momenti della vita della stessa persona, non esistono esperienze senza rischi, ma se ci si limita a guardare la partita dalla panchina senza mai entrare in campo per paura di farsi male, non si saprà mai neanche cosa si prova a mettere quella palla in rete.

 

(Articolo a cura della Dottoressa Francesca Romana D'Angelo)

 

 

  |   Letto: 5533 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Conflitto intrapsichico e dinamiche familiari

Il modello a tre generazioni del comportamento disfunzionale di Bowen e il conflitto intrapsichico: una nuova lente di lettura sulla trasmissione transgenerazionale dei pattern disfunzionali in famiglia. Pochi studi hanno esaminato come i problemi di personalità possono essere trasmessi da una gener...

Cervelletto e disturbo ossessivo-compulsivo

I ricercatori della UCLA University sostengono che la terapia cognitivo-comportamentale migliora la connettività funzionale tra il cervelletto e altre regioni del cervello in soggetti affetti da disturbo ossessivo-compulsivo. Un nuovo studio pubblicato presso l'Università della California di Lo...

La Sindrome da Alienazione Parentale

Bambino o arma? Le dinamiche psicologiche della sindrome da alienazione parentale: ansia narcisista, ansia borderline e ansia traumatica. La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS), un termine coniato da Richard A. Gardner negli anni '80, descrive una condizione – usualmente generata nel contesto di co...

Il Disturbo da sintomi somatici

Il disturbo da sintomi somatici è una condizione in cui una persona prova estrema ansia per le sensazioni fisiche come il dolore o la fatica. Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, nella sua ultima edizione, ha creato una nuova categoria che prende il nome di Disturbo da sintomi som...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.