Pubblicità

L'autostima: svalutare, sovrastimare o conoscere?

Autostima significa riconoscere con sufficiente obiettività e serenità, sia i nostri pregi che i nostri difetti.

autostima valutazione svalutazione

Quello che potremmo definire il "livello ideale" di autostima si ha quando la nostra "stima" (nel senso proprio di "valutazione") di noi stessi, ha una buona corrispondenza con le effettive nostre qualità, positive o negative che siano: quando cioè conosciamo, e riconosciamo, con sufficiente obiettività e serenità, sia i nostri pregi che i nostri difetti.

Questa è la situazione che ci consente, da una parte, di utilizzare al meglio e sviluppare le nostre qualità positive, e dall'altra di lavorare sulle nostre caratteristiche "scomode" per evitare che influiscano negativamente sulla nostra vita e sulle nostre scelte.

Da questa situazione ideale, ci possiamo allontanare in due direzioni opposte, che risultano entrambe (prima o dopo) fonte di notevoli complicazioni sul piano esistenziale: la sopravvalutazione e la sottostima di noi stessi, del nostro valore e delle nostre capacità.

L’origine dei problemi di autostima
Per quanto apparentemente opposte, la tendenza alla sopravvalutazione di sé (fino all'estremo limite del cosiddetto senso di "onnipotenza", che fa sentire e comportare le persone come se potessero permettersi di fare o di sopportare qualunque cosa, senza pagare alcun prezzo o subìre alcun danno) e la tendenza alla sottostima di sé (in cui le capacità ed il valore personale possono venire negate fino all'estrema sensazione di non essere capaci di fare nulla di buono o di interessante e di non valere proprio niente) originano da una analoga situazione problematica: per qualche ragione, uno o entrambi i nostri genitori, non sono riusciti a svolgere in modo sufficientemente efficace il compito di "rispecchiarci" la nostra propria, specifica natura, con i nostri propri desideri, bisogni, emozioni ... e di darci la certezza di essere accettati ed amati così come siamo.

Naturalmente, per poter fare un "buon rispecchiamento", il genitore deve essere capace innanzitutto di "vedere" e "riconoscere" il figlio per ciò che effettivamente è, e poi di accettare ed amare ciò che vede (anche se è diverso dal figlio che immaginava o che avrebbe voluto!).

Posto che tutti noi siamo portatori allo stesso tempo di fragilità ed "imperfezioni", come anche di qualità e risorse, le leggi della vita psichica dicono che i punti deboli possono essere rinforzati (o, se si preferisce, i problemi del carattere possono essere risolti) solo se e quando vengono accettati, e che le fragilità odiate o negate trovano prima o poi il modo di "vendicarsi" (arrivando magari all’improvviso a "rompere le uova nel paniere"); quindi, ognuno può lavorare sui propri "difetti" solo se accetta di vederli e riesce a non "odiarli", e può accettare facilmente le proprie fragilità, riuscendo ad amarsi così come è, solo se i suoi genitori sono riusciti a farlo prima di lui.

In effetti, l'immagine interna che abbiamo di noi stessi, risente fortissimamente dell'immagine che di noi si sono fatta (e ci hanno rispecchiato) i nostri genitori: di base, cioè, noi ci vediamo e ci sentiamo così come loro ci vedono e ci sentono, o ci hanno visto e sentito nei primi anni della nostra vita.

Se, per esempio, nostra madre ci ha sentito, da piccoli, "troppo richiedenti" (perché magari non riusciva ad avere abbastanza tempo e/o energie per occuparsi di noi), probabilmente noi ci sentiremo "troppo bisognosi" (quindi, più deboli degli altri), oppure "avidi/insaziabili" (quindi, egoisti e "cattivi") e, spaventati da questa percezione (magari con qualche senso di colpa per aver "chiesto troppo", e comunque "affamati" perché, in fin dei conti, non siamo stati nutriti secondo le nostre necessità), potremmo reagire costruendo una immagine interna di noi come esseri forti e "onnipotenti" (quelli che "non devono chiedere mai", come diceva qualche tempo fa un famoso spot pubblicitario che presentava un "irresistibile" Super-Uomo), mentre la penosa sensazione che abbiamo cercato di annullare attraverso questa operazione sopravvive (nascosta ma non inoperosa!) nel profondo di noi stessi.

Analogamente, se nostro padre, per esempio, ci vede decisamente (e dolorosamente per lui!) diversi da come ci voleva, o inadatti a compiere quelle "imprese" che si aspettava da noi (forse le stesse che lui non è riuscito a portare a termine, o quelle stesse che lui è stato magari forzato a perseguire.....), più o meno inconsapevolmente ci trasmetterà quella penosa sensazione di essere "inadeguati" in assoluto, e quindi di valere davvero assai poco, che qualche volta i figli esprimono con l'efficace quanto tristissima constatazione: "Ho l'impressione che i miei genitori mi abbiamo trovato in un cassonetto".

Le conseguenze
Si può facilmente comprendere come la sovrastima di sé, accompagnata dall'incapacità di accettare i propri limiti ed errori, spinga facilmente la persona ad imbarcarsi in "imprese" in vario modo "eccezionali" e rischiose (quindi, potenzialmente fallimentari) e/o eccessivamente stressanti per il sistema psico-fisico (che, presto o tardi, perde il suo equilibrio e comincia a "pagare il prezzo" in termini di disturbi psicosomatici o dell'umore); ciò che si cerca in tali imprese è però così desiderabile da far passare in secondo piano ogni considerazione di realtà: un successo che, proprio per il suo carattere di "straordinarietà", sia capace di confermare senz'ombra di dubbio una idea di sé "grandiosa".

Al contrario, la bassa autostima blocca la persona nell'azione e nella possibilità di utilizzare adeguatamente le sue specifiche risorse, producendo la convinzione che, in generale, non le sarà possibile ottenere buoni risultati se "oserà" buttarsi in imprese sentite come troppo al di sopra delle sue possibilità (che, nel suo immaginario, sono proprio quelle più interessanti e desiderabili!), e quindi dovrà accontentarsi del poco che crede di meritare, tanto a livello di realizzazione personale che di vita affettiva: finirà quindi alle prese con un corso di studi o un lavoro che pochissimo o per nulla impegna le sue possibilità espressive e creative, e si legherà a partner che la amano poco o male, e/o che la svalutano, rimandandole una immagine di se stessa piena di mancanze e di difetti (a conferma perenne della sua presunta inadeguatezza!).

Come si affrontano i problemi di autostima
Si potrebbe pensare che le alterazioni nel livello della stima di sé dovrebbero essere riequilibrate attraverso un accurato ed autogestito "esame di realtà", che metta di volta in volta a confronto le "prestazioni" della persona con i risultati ottenuti, ricercando pazientemente le ragioni sia dei successi che degli insuccessi.
In realtà, questo è proprio ciò che non sanno fare le persone che vivono questo tipo di problema, le quali anzi, di solito, tendono inconsciamente a "selezionale" ed "utilizzare" le esperienze in modo tale da far sì che venga confermata l'immagine interna che hanno di loro stessi: se viviamo un pesante senso di svalutazione, e qualcuno ci dimostra grande ammirazione o stima, o ci affida un incarico di responsabilità (che presuppone una buona valutazione delle nostre capacità) entriamo in crisi, né più né meno come chi, sentendosi "onnipotente", si vede trattato come "uno normale".

Elettivamente, questo stato di cose può essere cambiato radicalmente attraverso una psicoterapia all'interno della quale la persona possa trovare nel terapeuta uno "specchio neutrale", capace di vederla ed accettarla per come effettivamente è, rimandandole una immagine di sé intera, non censurata e non giudicata, ma serenamente esplorata e pian piano conosciuta, spiegata e valorizzata in ogni sua parte.

 

Articolo a cura della Dottoressa Loretta Sapora

 

 

  |   Letto: 4725 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Desiderio e psicosi: una prospettiva Lacaniana

E' il desiderio il patrimonio esclusivo della dicotomia nevrosi/perèversion? Quali sarebbero gli argomenti lacaniani a sostegno dell’assenza del desiderio nella psicosi? In secondo luogo, quale potrebbe essere invece il tipo di desiderio che opera nella psicosi? La prospettiva Lacaniana re-intro...

La psicoterapia nell’ambito delle neoplasie

L’importanza del supporto psicologico e del lavoro di èquipe nel paziente oncologico Il cancro, come patologia cronica, può determinare diversi cambiamenti nello stile di vita di una persona,  tale da andare ad ripercuotersi su tutto il contesto fisico, sociale e psicologico di chi si "scontra" con ...

Asma e alessitimia: una prospettiva psicosomatica

Il presente studio conferma la presenza di tratti alessitimici in pazienti con asma, nonchè l'impatto dello stress ed emozioni forti sull'occorrenza delle manifestazioni del disturbo. L’obiettivo del presente studio è stato quello di valutare la frequenza e la coesistenza tra l&rsq...

Anoressia nervosa e trattamento

Alcuni esperti nella gestione dei disturbi alimentari hanno proposto un nuovo approccio per il trattamento dell'anoressia nervosa, il cui scopo non è quello di 'curare' i pazienti, ma di migliorare la loro qualità di vita, non solo promuovendo un aumento di peso, ma aumentando anche la loro stab...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.