Pubblicità

L'effetto Credenza

effetto credenzaTutti conosciamo l’effetto placebo. Esso sicuramente è molto noto in campo medico: se una persona è convinta di assumere una medicina, anche se ciò che assume non è un farmaco,ma una sostanza neutra, la sua sofferenza diminuisce. Ciò dimostra che basta credere per influenzare il nostro corpo.

Queste guarigioni che hanno del miracoloso sono prodotte dalla mente, ossia abbiamo grandi risorse interiori di cui siamo per lo più ignari.

Il biologo cellulare Bruce Lipton, parla a questo proposito di “effetto credenza”.

Studi hanno dimostrato che tale effetto vale anche per l’esatto opposto del placebo, detto quindi effetto nocebo. La convinzione che qualcosa non faccia bene, finisce con il nuocere davvero alla salute.

Se ci si sposta dal campo farmacologico alla nostra salute psicofisica generale, comprendiamo che placebo e nocebo si estendono all’effetto che possono avere i pensieri nella nostra realtà quotidiana.

Le credenze positive e negative hanno impatto sulla nostra vita in generale, non solo sulla nostra salute.

Proviamo a considerare, ad esempio le relazioni: cosa accade se ci convinciamo, più o meno inconsciamente, che una determinata persona è per noi benefica? E se al contrario siamo convinti che sia negativa? Sono profezie che si auto avverano. I rapporti sono molto più condizionati da ciò che crediamo che da ciò che realmente accade tra due persone.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662

Penso che, quando veniamo esortati a pensare positivo, al di là di facili sciocchezze new age, ci sia la reale possibilità che la positività modifichi profondamente la nostra vita.

Come la neuroscienza ha dimostrato, le convinzioni possono essere modificate. Il processo non è semplice.

Sappiamo che si creano circuiti neuronali per i quali due elementi sono collegati, come una strada maestra che conduce dall’elemento A a quello B. Questo è assai utile per la sopravvivenza, per esempio il collegamento tra il fuoco e l’esperienza di dolore se lo si tocca è vitale, così come centinaia di altri.

Cosa accade, però, se ad essere collegati sono due fatti frutto di false credenze ( come l’associare una persona appartenente ad una etnia con il furto)? Succede che la percezione della realtà è viziata da questo collegamento con gravi conseguenze.

Andiamo oltre. Il nostro cervello è pieno di connessioni neuronali frutto dell’educazione ricevuta, di premi o punizioni avuti, delle esperienze fatte in tenera età. Tutto ciò condiziona pesantemente la vita.

Gli esempi potrebbero essere migliaia.

Pensiamo ad una donna che abbia vissuto in una famiglia disfunzionale, che si sia convinta che la femminilità implichi sottomissione.

Pensiamo ad un bambino che abbia assistito al padre violento, che idea può essersi fatto del rapporto uomo-donna? Pensiamo, ancora, ad una bambina a cui sia stato insegnato che l’essere femmina le preclude parte dell’universo lavorativo, cosa che peraltro accade ancora spesso in questa cosiddetta società progredita!

Queste sono situazioni forse un po’ estreme, ma ognuno di noi possiede clichè nella mente: collegamenti tra un evento ed un altro in realtà affatto necessario, nient’affatto vero.

Torniamo alla scoperte della neuroscienza: la plasticità del cervello. Cosa significa? Significa che le connessioni tra gruppi di neuroni non sono immutabili, non sono fissate per sempre, indipendentemente dal numero di anni in cui le cose sono state così.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879

Faccio un esempio pratico, supponiamo di aver sempre creduto, perché l’abbiamo appreso a scuola, che nel medioevo vigesse il modello feudale, gli storici hanno scoperto di recente che non è vero, che le cose non sono andate davvero così. Gli storici portano prove, che succede? Succede che il collegamento medioevo-feudalesimo nel nostro cervello si scinde e viene sostituito dalla nuova scoperta. Se ci pensate, questo è accaduto già decine di volte da che siete al mondo e se questo accade in ambito nozionistico, accade in ogni ambito.

Da anni credevamo che…, bene da ora possiamo cambiare convincimento.

Per adesso termino con il suggerimento: plasticità cerebrale. In una prossima occasione, a breve, approfondirò l’argomento.

 

 

(articolo a cura della Dottoressa Mina Rienzo psicoterapeuta)

 

 

 

  |   Letto: 2580 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Modello HiTOP: un nuovo modo di guardare il disturbo mentale

Il Modello della Tassonomia Gerarchica della Psicopatologia (HiTOP) ci invita a considerare le questioni di salute mentale attraverso una valutazione di diverse aree e arrivando ad una formulazione diagnostica mediante un approccio basato su prove scientifiche, piuttosto che opinioni o aneddoti. La Tassonomi...

Il modello bio-psico-sociale

Il modello bio-psico-sociale suggerisce che i problemi di salute mentale siano influenzati da domini multipli dell'esperienza umana quale quello biologico-medico, psicologico-mentale e sociale-spirituale. Quando i professionisti della salute mentale sono chiamati a comprendere cosa c'è di “atipi...

La morte della privacy

La perdita involontaria della privacy è sempre più diffusa a causa della pirateria informatica. Nel contesto della psicoterapia quali novità e rischi ci sono rispetto alla conservazione di materiale digitale inerente il paziente? In nessun luogo la privacy è più import...

La neuropsicologia

La neuropsicologia si occupa principalmente della valutazioni delle condizioni che influenzano la salute del cervello, così come della valutazione del modo in cui il funzionamento neurologico può influire sulla salute mentale. La neuropsicologia combina elementi di neurologia e psicologia. Dal ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.