Pubblicità

L'ideologia di Hitler: un'analisi psicologica

La funzione psicologica dell'ideologia di Hitler è stata quella di individuare l'idea della morte in una rappresentazione simbolica, “l'ebreo”. Questa lotta ha preso la forma di uno sforzo per “uccidere l'oggetto simbolico in cui l'idea della morte era stata proiettata”.

ideologia Hitler cultura psicologiNell'ideologia di Hitler, si possono rintracciare le strutture profonde dei sistemi di credenze culturali.

Identificando immagini e metafore ricorrenti contenute nella retorica di Hitler, si può mostrare come gli elementi della vita psichica siano proiettati in ideologie e forme culturali.

L'ebreo”, ad esempio, era una componente centrale dell'ideologia di Hitler. Tipicamente egli li descriveva come una malattia, una forza di disintegrazione e come “parassiti” all'interno del corpo della gente.

Le immagini e le metafore ricorrenti negli scritti e nei discorsi di Hitler consentono di percepire le fantasie fondamentali che hanno strutturato la sua percezione di realtà e l'energia dell'azione storica.

La fantasia centrale contenuta nell'ideologia di Hitler può essere riassunta nelle seguenti affermazioni:

  • la nazione è un organismo vivente costituito dal popolo tedesco, che costituisce la sostanza o “carne e sangue” di questo organismo;
  • questo corpo politico, essenzialmente sano, viene però attaccato da una forza virulenta interna che lavora per distruggerci;
  • la fonte di tale forza distruttiva all'interno dell'organismo nazionale è l'Ebreo o l'Ebreo bolscevico;
  • nella misura in cui lo scopo della politica è quello di “mantenere il corpo del popolo”, qualsiasi azione è giustificata se serve a eliminare le forze che lavorano per distruggere la Germania.

L'obiettivo del nazismo era pertanto quello di intraprendere tutte le azioni necessarie per assicurare che la Germania continuasse a vivere; Hitler ha cercato di “salvare la Germania dalla morte”.

Ha impegnato spietatamente sé stesso ed il suo partito per fare tutto quanto necessario per distruggere gli agenti patogeni, la cui presenza, credeva Hitler, avrebbe portato alla scomparsa della nazione.

Secondo la fantasia di Hitler, ogni individuo tedesco costituiva una cellula che formava un gigantesco “organismo nazionale”. La forza di disintegrazione all'interno della Germania stava lavorando per far cadere la struttura cellulare della nazione.

Hitler ha agito per convincere il popolo tedesco a riunirsi per costituire un corpo unificato e coeso. Se la gente poteva “tenersi insieme come un singolo blocco di acciaio”, allora l'organo nazionale non avrebbe potuto soccombere alla forza della distruzione.

 

Ideologia e fantasia

Hitler credeva nella propria ideologia; la sua isteria e la retorica riflettevano la profondità del suo attaccamento alle proprie idee.

Hitler ha potuto persuadere milioni di altre persone ad appassionarsi a tali idee. Ha cioè convinto molti tedeschi che la loro nazione era sotto attacco, fustigando la furia della gente, prevalendo su di loro per alzarsi ed intraprendere una lotta di “vita o di morte” per la salvezza della nazione.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879

Le persone svalutano il potere delle idee di Hitler, sostenendo di essere prive di contenuti intellettuali, irrazionali, incoerenti, eccetera.

Le persone sottovalutano l'impatto dell'ideologia di Hitler perchè sono sotto l'incantesimo della fantasia della “razionalità”. Le idee non devono infatti essere vere per essere credute.

È semplicemente necessario che esse evochino una risposta emotiva all'interno delle menti delle persone a cui vengono trasmesse.

I politici articolano le proprie emozioni e fantasie attraverso il veicolo delle idee che essi presentano al pubblico. Se un politico deve avere successo, le idee che trasmette devono risuonare nel popolo.

Le parole del leader devono evocare emozioni e fantasie all'interno del suo pubblico, e non devono differire dalle emozioni e fantasie che le sue parole evocano in sé stesso.

Cosa ha detto Hitler da aver emozionato così tanto il popolo tedesco? Quali emozioni e fantasie sono state trasmesse dalle parole che ha pronunciato? Come è stato possibile che Hitler galvanizzasse tante persone a compiere atti così radicali?

Metafore e immagini all'interno della retorica dei leader politici contengono ed evocano fantasie latenti della realtà.

L'ideologia costituisce un modus operandi che consente di attivare ed esternalizzare nel mondo le fantasie inconsce.

Le ideologie “catturano” o sfruttano l'energia contenuta nei desideri o fantasie latenti, rendendo così questa energia disponibile per un'azione sociale e concertata.

 

Cosa fanno le ideologie?

Nel suo saggio, “Il parassita ebreo”, Alexander Bein osserva che nelle ideolegie naziste le parole “assumono un aspetto biologico definito”.

Il carattere originale della parola “parassita”, ad esempio, come semplice similitudine viene rimosso e sostituito “dalla parola parassita nel suo significato reale di organismo biologico”, stabilendo così l'identità degli ebrei con quella dei parassiti.

Hitler descriveva gli ebrei come parassiti, ma anche come batteri e virus. L'ideologia nazista è stata costruita sulla base della fantasia della Germania come “organismo vivente” contenente l'ebreo, ossia una malattia che minaccia di causare la morte della nazione.

Bein osserva che la lingua inerente le immagini e similitudini utilizzate per descrivere l'ebreo ha acquisito un potere netto sul popolo tedesco in modo da rendere “l'immagine come realtà”.

L'ascesa del nazismo è un esempio della “costruzione sociale della realtà”. Su quale fondamento, però, nacque il nazismo?

L'ideologia nazista di Hitler ruotava intorno all'idea di un organismo vivente minacciato dai microrganismi ebraici virulenti.

Il genocidio è stato intrapreso come una forma di immunologia: una lotta per uccidere le cellule patogene e salvare l'organismo.

Bein osserva che l'ideologia nazista ha presentato gli ebrei come parassiti velenosi e corrosi, come vermi, batteri e bacilli, che infestano qualunque cosa tocchino e si sforzano di “distruggere il corpo del popolo tedesco nel suo insieme, e ogni singolo tedesco con un potere demoniaco, guidato dalla loro legge esistenziale di batteri, parassiti e bacilli”.

Questa descrizione dell'ebreo, dice Bein, “paralizza in gran parte qualsiasi resistenza interna da parte delle masse”. La metafora dell'ebreo come “bacillo da non poter essere negoziato, ma sterminato”, poteva nell'atmosfera Bio-Mitologica “divenire una realtà orribile”.

Tuttavia, cosa significa affermare che la Germania è un “corpo contenente i batteri ebrei?”.

Questa metafora è un contenuto manifesto che rivela un significato latente.

L'analisi di immagini ricorrenti all'interno di una retorica del leader permette di scoprire le fantasie inconsce che sono la fonte dell'ideologia. Per cercare di scoprire il significato di un'ideologia bisogna cercare di sapere perchè esiste.

La recente teoria sociale affronta raramente le questioni delle ragioni per cui esistono determinate ideologie.

Gli studiosi parlano di “discorsi dominanti”, ma la domanda è perchè i discorsi particolari divengono dominanti.

Per rispondere alla domande del perchè idee particolari vengano abbracciate e perpetuate, bisogna adottare un approccio psicologico: che cosa ha questa ideologia da spingere le persone ad abbracciarla? Quale ruolo svolge questa ideologia nella vita psichica dei suoi adepti?

Pubblicità

La cultura non è un dominio separato dagli esseri umani. Le ideologie esistono nella misura in cui la gente produce, espone e perpetua delle idee. Le ideologie sono create dagli esseri umani per gli esseri umani. Le ideologie svolgono un lavoro psichico, per consentire alle persone di incontrare, lavorare e tentare di padroneggiare i desideri fondamentali, le fantasie, i conflitti ed i dilemmi esistenziali.

Per comprendere l'ascesa di Hitler, per esempio, bisogna scoprire le fonti e risorse del nazismo. Perchè milioni di tedeschi divennero isterici quando Hitler Parlò? Perchè uomini come Goebbels e Himmler erano affascinati dalle parole di Hitler?

Le idee di Hitler semplicemente toccarono una dimensione profonda. La sua ideologia ha cioè evocato e cristallizzato i desideri e le fantasie latenti, permettendo loro di manifestarsi come realtà sociale.

L'ideologia di Hitler era una forma radicale di nazionalismo, che ruotava intorno alla fantasia: il corpo politico tedesco è in stato di disintegrazione.

Nella misura in cui Hitler si è identificato profondamente con la sua nazione, ha vissuto la disintegrazione della Germania come la disintegrazione di sé stesso.

Hitler non era in grado di separare le percezioni politiche dalla percezione del suo stato interiore di essere.

Ha articolati gli stati interiore dell'essere attraverso la sua ideologia.

Che cos'è questa ideologia del nazionalismo, ancora così potente, che a malapena riconosciamo o definiamo ideologia?

È bene considerare che il nazionalismo ruota intorno alla ricerca dell'onnipotenza narcisistica. L'ego del nazionalista cerca di espandersi immaginando di essere fuso con un vasto territorio geografico e l'intero “spazio” della vita nazionale.

L'ideologia del nazionalismo suggerisce che l'interezza del proprio paese, la sua storia, la sua gente e le sue realizzazioni, esistano all'interno del Sè.

Il nazionalismo implica l'assenza di un confine tra il Sè ed il paese. Secondo questa ideologia, il Sè e la nazione sono indissolubilmente vincolati.

Essere un “uomo senza paese” appare così inconcepibile. Tuttavia, se l'ego desidera l'espansione narcisistica, viene proiettato nell'idea della propria nazione, così come la vulnerabilità dell'ego e la tendenza alla frammentazione.

Hitler esteriorizzò l'ansia nell'idea della Germania e credeva che la sua nazione fosse in pericolo di disintegrazione.

Ha sperimentato l'idea di morte (la sua stessa morte) come percezione che la Germania - il corpo politico con cui ha identificato il proprio corpo - si stava spezzando.

La lingua forma la mente e le strutture pensate, ma costituisce anche un mezzo per esternalizzare la mente ed il pensiero. Ognuno di noi possiede una forza di disintegrazione che opera all'interno dell'asse mente-corpo.

Ognuno di noi è in procinto di muoversi verso la propria scomparsa. Hitler sperimentò e articolò l'idea della morte sotto forma di convinzione che la sua nazione fosse disintegrata. Il progetto nazista era quello di sconfiggere la forza di disintegrazione della Germina: superare la morte creando un corpo politico che potesse vivere per sempre.

Uno dei modi in cui gli esseri umani affrontano la questione della mortalità è la creazione di nazioni o di “organismi politici onnipotenti”: entità che sembrano esistere in una dimensione distinta dall'esistenza organica.

In tal senso, si tende a progettare l'idea dei nostri corpi piccoli e fragili nell'idea di questi corpi immaginari e onnipotenti, immaginando di “vivere” come se fossimo contenuti in questi corpi immortali.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275

L'ideologia di Hitler ruotava intorno alla negazione della morte, suggerendo che i corpi dei singoli tedeschi potevano fondersi in un unico corpo immortale. Nella fantasia di Hitler, il popolo tedesco era unito (aggregato come cellule in un organismo) per creare un corpo indistruttibile che potesse vivere per sempre.

In questa tipica fantasia nazionalista, il paese ed il corpo politico si immagina come un'entità che esiste al di sopra e al di là delle vite o dei corpi dei singoli individui.

Nonostante il suo sforzo di abbracciare la Germania come “vestizione per l'eterno” (Fichte), il senso di Hitler della realtà della morte continua a tornare sotto forma di percezione che il corpo nazionale stava in fase di disintegrazione o decomposizione. Hitler proiettò così l'idea della morte nell'idea dell'Ebreo.

Lo scopo dell'ideologia nazista era quello di allontanarsi dall'idea della morte e di individuarla in una rappresentazione simbolica, l'ebreo. Hitler ed i nazisti si sono così impegnati in una lotta contro la morte.

Questa lotta ha preso la forma di uno sforzo per “uccidere l'oggetto simbolico in cui l'idea della morte era stata proiettata”.

Se solo l'ebreo potesse essere eliminato, la Germania vivrebbe per sempre. Hitler ha promulgato l'ideologia dell'antisemitismo nella sua lotta per superare o sconfiggere l'idea di morte.

L'idea che i corpi diventino malati, con conseguente morte, vennero proiettati nell'ebreo.

 

La funzione psichica dell'ideologia

Le ideologie possono essere considerate come strutture ideali definite dalla società, che esistono per consentire alle dimensioni latenti della psiche di divenire manifeste nel mondo esterno. Le ideologia svolgono funzioni psichiche, permettendo ai vari desideri, fantasie, ansie e conflitti di essere proiettati nella realtà.

Una volta che un'ideologia guadagna consensi, le persone agiscono “in nome” di quell'ideologia. Il pensiero e l'azione sembrano essere generati da un sistema di credenze esistente al di fuori del Sè.

La teoria sociale si è concentrata sull'idea che la fonte del pensiero, motivazione e azione si trovi nelle strutture ideologiche che sono esterne al Sè.

Infatti, la mente, secondo molte teorie attuali, non è niente di più o meno “dei discorsi che ci attirano e spingono a partecipare”.

Il Sè da questa prospettiva si forma quando incontra e interiorizza le strutture ideologiche della società.

Tuttavia, rimane la domanda: Chi ha creato i discorsi sociali e perchè esistono? Perchè sono state “scelte” idee particolari (tra la moltitudine di idee che le persone hanno presentato) tali da divenire elementi culturali? Perchè le credenze specifiche sono state abbracciate e perpetuate, e altre no? Perchè alcune ideologie evocano tale passione?

Al fine di rispondere a queste domande, è necessario articolare il significati di “idee culturalmente costituite”: delineare cioè il lavoro psichico che queste idee compiono per le persone che le abbracciano.

Pubblicità

La teoria contemporanea sembra suggerire che ciò che “è fuori” costituisce un dominio indipendente e autonomo, separato dagli individui.

Tuttavia, anche se si riconosce che siamo “soggetti” del linguaggio e del discorso, resta la domanda: Chi crea la lingua e il discorso? Perchè esistono ideologie specifiche discorsi sociali?

Quando le persone esaminano forme culturali come le sinfonie musicali, le lampadine o i condizionatori d'aria, non è difficile riconoscere che gli esseri umani sono la fonte; per dire che queste invenzioni rappresentano una risposta ai nostri desideri e fantasie, che esistono nella misura in cui soddisfano dei bisogni umani.

Non esitiamo a concludere che esistono sinfonie, lampadine e climatizzatori e vengono perpetuati come elementi culturali in quanto forniscono una gratificazione fisica e psicologica.

È più difficile per le perone dire che invenzioni culturali come la guerra ed il genocidio esistono perchè forniscono una gratificazione psicologica. Ci si allontana da un'idea di questo tipo; si preferisce immaginare che la guerra ed il genocidio provengano da un luogo al di fuori del Sè, che i fenomeni come questi siano generati dalle “forze storiche”, in qualche modo indipendenti dalla volontà umana.

Il Dottor Richard A. Koenigsberg, autore del presente articolo, ritiene invece che la guerra ed il genocidio - al pari delle lampadine, condizionatori e sinfonie musicali - esistono perchè rappresentano il compimento di bisogni psicologici.

Perchè esistono ideologie di guerra e genocidio? Perchè sono stati perpetuati come elementi della cultura?

Nel caso di Hitler, l'ideologia costituiva un modus operandi per sé stesso e per il popolo tedesco, portando fantasie e desideri latenti sullo stadio della realtà sociale.

Hitler ha creato la “storia” nella misura in cui ha sfruttato questi desideri e fantasie latenti concentrandole attraverso l'obiettivo della sua ideologia.

La sua retorica funzionava per evocare le fantasie condivise del popolo tedesco. La teoria contemporanea tende a scollegare il mondo esterno del linguaggio, del discorso e dell'ideologia dal mondo interiore della necessità, del desiderio, dell'ansia e della fantasia.

Un approccio psicologico all'interpretazione dell'ideologia consente invece di recuperare le nostre proiezioni. Si inizia dall'ipotesi che siamo la fonte.

In virtù dell'esternalizzazione dei nostri desideri, ansie e fantasie, gli esseri umani creano un certo tipo di mondo.

Pertanto, le ideologie della società riflettono le nostre lotte per affrontare questioni psicologiche fondamentali e dilemmi esistenziali.

Da questo punto di vista, le ideologie, le disposizioni sociali e gli oggetti materiali che costituiscono la cultura possono essere intesi come vari tipi di soluzioni.

 

Tratto da “Library of Social Science”

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

Bibliografia

Koenigsberg R.A., (2011), The Psychoanalysis of Racism, Revolution and Nazionalism, The Library of Social Science, USA.

  |   Letto: 1042 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.