Pubblicità

L'importanza del contesto sociale nell'insorgenza del disagio mentale

Secondo il Dottor Peter Kinderman e la Dottoressa Kate Allsopp bisognerebbe prendere in considerazione le circostanze sociali che hanno dato origine a situazioni di sofferenza, le quali, a loro volta, dovrebbero essere formalmente 'registrate' accanto alla sofferenza stessa.

l importanza del contesto sociale nell insorgenza del disagio mentaleIl ricercatore ed ex presidente della British Psychological Society, il Dottor Peter Kinderman, insieme alla Dottoressa Kate Allsopp, hanno recentemente pubblicato due lettere nella rivista “The Lancet Psychiatry”.

Entrambe le lettere, scritte a distanza di un anno, esortano i clinici ed i responsabili delle politiche ad utilizzare i codici diagnostici dell'ICD che contestualizzano il disagio degli individui in termini sociali piuttosto che i codici che inquadrano il disagio come “disordini” all'interno della persona.

Kinderman e Allsopp scrivono:

E' noto che la povertà e l'iniquità sociale sono i principali fattori determinanti per la salute mentale, e la United Nations Special Rapporteur caratterizza l'assistenza sanitaria mentale non come una crisi delle condizioni individuali, ma come una crisi di ostacoli sociali, che ostacola i diritti individuali. È importante, quindi, che le circostanze che hanno dato origine a situazioni di sofferenza dovrebbero essere formalmente registrate accanto alla sofferenza stessa”.

Nel Settembre 2017, Kinderman e Allsopp pubblicarono la loro prima lettera: una proposta per clinici e politici a utilizzare i codici diagnostici che includono informazioni descrittive circa i contesti di sofferenza delle persone.

Ad esempio, all'interno dell'ICD-10 e del DSM-5, esistono numerosi codici diagnostici che descrivono “problemi legati all'educazione familiare e problemi abitativi ed economici”, sottolineano gli autori.

Tuttavia, questi codici vengono usati raramente a favore di una comprensione della salute più tradizionale e biomedica. Kinderman e Allsopp hanno evidenziato una connessione tra povertà, alloggi inadeguati e accesso insufficiente al cibo, con lo sviluppo successivo di “difficoltà comportamentali socio-emotive”.

Inoltre, la rivalutazione dei sussidi di invalidità da parte dei governi britannici è stata collegata ad un aumento dei suicidi, prescrizioni antidepressive e altri problemi relativi alla salute mentale.

Tuttavia, le diagnosi fornite dai clinici e dai responsabili delle politiche tendono a riflettere i disturbi individuali.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Rossana Rispoli
via Ruggiero Leoncavallo, 5 - PALERMO
Cell: 339 4819051
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589

Gli autori illustrano questa contraddizione tra le prove e la pratica mentre scrivono:

immagina se fosse grave non riuscire a documentare la povertà estrema come sarebbe per un clinico non riuscire ad identificare una grave depressione”.

Kinderman e Allsopp non suggeriscono che i clinici tentano di eliminare e risolvere da soli le complessità della disuguaglianza sociale. Piuttosto, propongono un'alternativa più fattibile che include lo spostamento della pratica diagnostica per riflettere i determinanti sociali della salute.

Non ci aspettiamo che i clinici debbano risolvere tali difficoltà; non è compito dei professionisti della salute mentale porre fine alla povertà. Ciononostante, la registrazione corretta dei codici psicosociali di ICD e DSM nel contesto delle diagnosi psichiatriche è imperativa a causa della stretta relazione tra i due”.

Nella loro seconda lettera, pubblicata un anno dopo, Kinderman e Allsopp rafforzano la loro proposta originale per evitare la medicalizzazione e la patologizzazione della sofferenza.

Loro scrivono:

Qualsiasi sistema diagnostico moderno userà la categorizzazione, ma possiamo, e dovremmo, evitare una patologia non necessaria e metodi che contribuiscono al miglioramento dei servizi clinici. Con collegamenti più chiari alle disuguaglianze sociali, questa strategia contribuirebbe a stabilire un approccio all'assistenza basato sui diritti ed il servizio agli utenti non avrebbe bisogno di un'etichetta diagnostica, che molti ritengono non utile”.

I due autori hanno elaborato ulteriormente la loro proposta, affrontando la resistenza che tende a sorgere in risposta all'alternativa raccomandata ai codici diagnostici tradizionali.

Nonostante le argomentazioni che le tradizionali diagnosi biomediche ignorano, il contesto sociale e le avversità esperite portano le persone a sviluppare problemi di salute mentale; i sostenitori della diagnosi spesso suggeriscono che è l'unico modo per pianificare i servizi di trattamento e accesso”.

Inoltre, a differenza di altre alternative diagnostiche che comportano l'introduzione di un sistema di classificazione nuovo o rivisto, il loro suggerimento è di utilizzare i codici già esistenti all'interno dell'ICD-10 e del DSM-5.

Pubblicità

Pertanto, il potenziale per contestualizzare opportunamente la propria sofferenza nel contesto di vita circostante può essere immediatamente efficace.

Kinderman ha approfondito questo punto in un recente post sui social media, dopo l'uscita della seconda lettera:

La mia collega, Kate Allsopp, ed io, abbiamo appena pubblicato queste breve pezzo in The Lancet Psychiatry. Descrive come, all'interno dell'ICD-11, potremmo allontanarci dalle etichette patologiche e utilizzare invece descrizioni chiare e scientifiche dei nostri problemi. È un complemento di un precedente articolo che spiega come potremmo – e dovremmo – registrare anche le avversità psicosociali che portano a tali problemi”.

Questo è importante, perchè un'alternativa scientifica non diagnostica, non patologica, non solo è già disponibile, ma è in realtà parte del sistema esistente dell'Organizzazione Mondiale della Sanità... è così che possiamo produrre il cambiamento oggi!”

Altre alternative sempre più popolari, offrono una partenza più chiara dai tradizionali sistemi di classificazione diagnostica. Questo offre alcuni vantaggi, specialmente considerando che i sistemi tradizionali lottano per ottenere affidabilità e validità.

Kinderman e Allsopp sottolineano che un aumento documentato dei dati nazionali sull'uso dei codici diagnostici psicosociali servirebbe a mettere in luce l'impatto delle avversità psicosociali sulla salute, oltre a chiarire ulteriormente la relazione tra i due.

Concludono la loro seconda lettera con la seguente dichiarazione:

Per estendere, quindi, la nostra precedente raccomandazione in cui si suggerisce ai clinici di utilizzare i codici sociali ICD, sottolineiamo inoltre che questi codici fenomenologici offrono un modo costruttivo e alternativo di pensare ai trattamenti futuri per la salute mentale”.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Bibliografia

  • Kinderman, P., & Allsopp, K. (2018). Non-diagnostic recording of mental health difficulties in ICD-11. The Lancet Psychiatry, 5(12), 966.
  • Allsopp, K., & Kinderman, P. (2017). A proposal to introduce formal recording of psychosocial adversities associated with mental health using ICD-10 codes. The Lancet Psychiatry, 4(9), 664-665.

 

 

Iscriviti alla NewsLetter

Se l'articolo che hai letto ti è piaciuto, iscriviti gratuitamente alla News Letter per essere costantemente informato sui nuovi articoli pubblicati e sulle iniziative di Psicologi-Italiani.it
Ricezione
Professione
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

 

 

  |   Letto: 436 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoeducazione nella relazione con il paziente

Nella relazione con il paziente, la psicoeducazione fornisce al cliente la possibilità di lavorare su deficit di abilità specifiche, correggere eventuali disinformazioni e ampliare il proprio repertorio di conoscenze su tematiche specifiche. Molte persone cercano la figura di uno psicologo e/o ...

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Copyright © 2019 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.