Pubblicità

L’interprete

Cos’ha il cervello da consentire alla mente di essere e funzionare

cervello interpreteEntriamo in dialettica con noi stessi, riflettiamo, facciamoci delle domande sulla natura della mente e sulle sue capacità di essere e di funzionare. Di fronte a tale complessità un brivido avvolge il nostro corpo, lasciandoci attoniti davanti al mare inconoscibile, ma che pian piano sembra apparire sempre meno segreto.

A cominciare dalla filosofia fino ad arrivare alle neuroscienze, godiamo, oggi, di quel sapere che ci rende, forse, poco, poco più consapevoli delle implicite leggi biologiche che ci riguardano.

La carta vincente è sicuramente l’approccio multidisciplinare, un approccio dove scambi tra differenti discipline permettono di sopperire ai limiti taciti di ciascuna scienza. Biologia molecolare, genetica, psicologia cognitiva, modelli computazionali, tecniche di neuroimaging, un tutto conoscitivo proprio alle neuroscienze cognitive, che si evidenziano quale ponte tra la neurobiologia cerebrale e lo sviluppo di concetti astratti.

Dobbiamo agli studi su pazienti epilettici a cui veniva rescisso chirurgicamente il corpo calloso (blocco dell’intercomunicazione tra l’emisfero sinistro e destro), un metodo che ha dato, non solo, dei buoni risultati per la cura dell’epilessia ma anche, nel contempo, ha permesso di effettuare, sui medesimi soggetti, differenti studi testologici, che hanno dato inizio alla comprensione dell’aspetto funzionale del cervello. Nasce proprio in seguito di tali ricerche la maggiore evidenziazione della specificità funzionale tra i due emisferi, se non ché, gli studi sul modo in cui il cervello produce memoria, ragionamento, emozioni ecc., che costituiscono il corpus della disciplina che oggi conosciamo come neuroscienze cognitive.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

Eccoci, dunque, all’obiettivo: conoscere le basi della nostra coscienza e le funzioni che la caratterizzano – la simbolizzazione, l’astrazione, la metaforizzazione, ecc., insomma, conoscere la natura “magica”, di quel poco più del 2% di attività mentale che è la coscienza (articolo che seguirà).

Un punto su cui soffermarsi, è che l’apprendimento, per quanto si sia diversamente pensato per anni, pare che simuli il medesimo meccanismo per selezione proprio al sistema immunitario (una cellula preesistente “immunitaria”, riconosce l’antigene, e a scopo difensivo comincia a moltiplicarsi e, eventualmente, a mutarsi e a specializzarsi per far fronte, in maniera più efficace, allo stesso, ecc.). Nell’apprendimento il tutto sembra avvenire similmente… l’”antigene”… l’eventuale perturbazione ambientale funge, in un certo qual senso, da selezionatore, tra miliardi di schemi, di risposte preesistenti, che vengono selezionate per individuare quella più congrua a rispondere meglio alla sfida ambientale in oggetto.

Ho già affermato che esistono delle specificità funzionali tra i due emisferi, il destro è specializzato nell’elaborazione delle informazioni socio-emozionali.

L’emisfero sinistro invece è la sede del linguaggio, del ragionamento analitico, della risoluzione di problemi, della capacità di trarre inferenze e di interpretare le nostre azioni e sentimenti.

La maggiore comprensione del funzionamento della mente viene ancora grazie ai test sui pazienti split brain e sulla convinzione del funzionamento dell’apprendimento per selezione e non per istruzione (per istruzione significa che è l’organismo che risponde all’ambiente). Il neuroscienziato Michael Gazzanica ci fornisce uno studio molto esaustivo che evidenzia proprio la presenza della funzione di Interprete del cervello sinistro. Una funzione preposta alla spiegazione del nostro comportamento. Lo studioso racconta nell’ambito sperimentale dello split brain, che, in contesto di studio, venne mostrata alla metà destra del cervello una persona che stava facendo una passeggiata, poi successivamente si chiese al paziente di mimare ciò che stava osservando, questi si alzò in piedi e cominciò a camminare ma al momento di chiedergli cosa stava facendo, fu il suo emisfero sinistro, ignaro di quello che aveva visto il destro, a fornire la risposta attraverso una qualche invenzione razionalizzante, una spiegazione inventata di bell’appunto che ebbe un qualche senso logico (volevo solo bere qualcosa) (M. Gazzanica 2007).

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867

E’ l’Interprete che osserva ciò che il soggetto sta facendo e fornisce una qualche spiegazione sensata (a sé stesso)… di fatto un lavoro di mantenimento di coerenza personale alla luce dei propri valori conoscitivi.

Il punto è proprio questo, ognuno di noi utilizza il proprio Interprete per spiegarsi i propri stati emotivi (ansia, euforia, depressione, panico, rabbia, ecc.), è Lui che cerca di dare delle spiegazione sui priori cambiamenti.

L’individuo cattura una variazione fisiologica, qualsiasi essa sia, una emozione che muta ed ecco l’Interprete che comincia a costruire la sua teoria di ciò che sta accadendo. La cosa che colpisce, é che gran parte del lavoro dell’Interprete è, spesso, di natura auto-ingannevole, poiché ha solo fine di non contrastare la consueta visione di sé stesso alla luce del contesto ambientale che lo caratterizza.

 

(Articolo a cura del Dottor Mazzani Maurizio)

 

 

  |   Letto: 1929 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La mente psicoanalitica

Le persone sono in conflitto tra desideri e impulsi che la società ritiene inaccettabili, e il nostro comportamento riflette le modalità attraverso cui la nostra mente ci protegge da tali desideri proibiti. Freud è comunemente rappresentato dai media, dalle riviste scientifiche e perfino...

La mentalizzazione nel paziente borderline

Peter Fonagy e Anthony Bateman: il Trattamento basato sulla Mentalizzazione nel Disturbo Borderline di personalità Con il termine mentalizzazione si fa riferimento ad una attività mentale immaginativa, attraverso cui si interpreta il comportamento umano in termini di stati mentali come bisogni, d...

Epigenetica e Trasmissione Transgenerazionale del Trauma

Come può una memoria repressa essere trasmessa da una persona all'altra? Può un figlio ereditare realmente la mente inconscia del genitore? È possibile per un bambino ricordare ciò che il proprio genitore ha “dimenticato”? Con il termine Trasmissione Transgenerazionale...

Aspetti psicosociali e biologici della pedofilia

Nel presente articolo pubblicato sulla rivista "Biological Psychiatry" i ricercatori hanno cercato di delineare i fattori psicosociali e neurali della pedofilia, esaminando le alterazioni funzionali e strutturali del cervello di soggetti pedofili. Il termine “pedofilia” è una parola deriva...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.