Pubblicità

L’ira funesta di Achille: Capire e trattare emozioni violente di ira, collera e furore

Difficile crederlo, però la rabbia serve. Madre natura ci ha regalato quest’emozione per aiutarci a sopravvivere. 

ira rabbia frustrazioneL’ira è come il dolore. Un campanello d'allarme che trilla quando qualcosa di nocivo ci sta accadendo. Un messaggio d'allerta che avvisa il nostro organismo di qualche minaccia. E lo fa prontamente reagire. Così come un insistente mal di pancia ci convince a chiamare il medico, la clacsonata in coda al semaforo o il commento al vetriolo del parente ci fa imbufalire: una reazione per permetterci di attaccare, diciamo così, chi ci attacca. E fin qui, il nostro più o meno folcloristico repertorio di imprecazioni e gestacci rientra pienamente nei programmi della fisiologia.

I guai cominciano quando la rabbia smette di essere uno sfogo occasionale, dettato dalle piccole e non piccole provocazioni della vita, e diventa invece un malessere cronico. 

Una velenosa condizione che ci porta a scaricare la tensione del momento su chi ci sta di fronte. Una marea acida che si abbatte su tutto e tutti. E finisce inevitabilmente per far terra bruciata attorno a noi...Insomma: all’ufficio postale c’è chi sbuffa rispettosamente, in fila dinanzi all'unico e affollatissimo sportello aperto dei cinque disponibili, e chi comincia a sbraitare come un ossesso contro gli impiegati. Sarà anche fastidiosa, ma quell’attesa non è mica una minaccia alla nostra sopravvivenza. Eppure certe persone si lasciano andare alla collera più nera. Perché? Sono solo «caratteracci? «No. “Qualcosa” si agita nell'animo di questi individui.

Tecnicamente l’ira può essere definita come uno stato emotivo-affettivo caratterizzato da una crescente eccitazione che si esprime a livello verbale e-o motorio e che può culminare in comportamenti aggressivi e distruttivi nei confronti di oggetti, altre persone o anche di se stessi.
(Ellis, A. 1977)

Essa si manifesta solitamente quando si ritiene siano stati calpestati i propri diritti o violati i propri valori, ma non sempre è commisurata all’importanza del danno o della frustrazione patita anzi spesso viene espressa maniera del tutto irragionevole e sproporzionata. L’ira e i suoi sinonimi quali rabbia, collera, furia, non deve in alcun modo essere confusa con l’aggressività, che invece è una modalità di espressione delle emozioni, né tantomeno con l’odio, che è un sentimento che raggiunge i suoi scopi distruttivi solo attraverso le vie della razionalità e del calcolo.

Nell’ambito di questo articolo si useranno indifferentemente i vocaboli ira, collera, rabbia per indicare sempre lo stesso stato psicologico.

Tutti i termini che identificano questo stato psicologico hanno in comune il fatto che mostrano una etimologia che fa riferimento ad una patologia specifica oppure hanno origine da un lemma che rappresentava una situazione di alterazione fisiologica o psicologica dell’individuo. Così il termine rabbia indica una infezione virale a prognosi infausta trasmessa dal morso del cane all’uomo, il termine collera che deriva dal latino chòlera e dal greco cholèra è riconducibile ad un genere di acuto e fiero morbo che conturba le viscere, il colera infezione batterica che colpisce l’uomo a livello gastrointestinale, ed infine ira, che i latini indicavano come initium insanie, cioè un semplice avvio verso la follia la cui radice lessicale può anche essere ricondotta al termine greco orghè, da cui deriva anche la parola orgia, mettendo così in comune fra i due termini l'istintività brutale.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217

Anche nel comune parlare si tende a fare assumere a questo stato psicologico una condizione di patologia, con espressioni del tipo “ho avuto un travaso di bile”, “mi brucia dentro”, “mi sta mangiando dentro”, “non ci vedo più” oppure di incapacità di controllo delle proprie azioni come “mi va il sangue alla testa”, “mi fa impazzire” con il rischio, in questo modo, di creare i presupposti culturali per giustificare sempre un comportamento nel quale sovente il soggetto allenta volontariamente le paratie di difesa e di razionalità o dove perlomeno ha sempre una possibilità di scelta, contrariamente alla follia che non consente il dominio, il controllo e il coordinamento delle proprie azioni.

Per quanto concerne invece il sostantivo furia l’origine va fatta risalire alle furie, dee della vendetta, fantasmi degli assassinati, che nascono dalle gocce di sangue provenienti dalla mutilazione di Urano, simboleggiando di fatto una castrazione.

Tutto ciò fa assumere alla rabbia una connotazione negativa, soprattutto se abbinata a manifestazioni di aggressività fisica o verbale da cui sfociano con frequenza e veemenza comportamenti antisociali.

La rabbia è la reazione ad un limite, rappresenta la tipica reazione alla frustrazione e alla costrizione, sia fisica che psicologica: i bambini si arrabbiano violentemente, con le cose, con i divieti e le persone.
Tuttavia, la costrizione e la frustrazione non costituiscono in sé le condizioni sufficienti e neppure necessarie perché si origini il sentimento della rabbia. La relazione causale che lega la frustrazione alla rabbia non è affatto semplice. Altri fattori sembrano infatti implicati affinché origini l'emozione della rabbia. La responsabilità e la consapevolezza che si attribuisce alla persona che induce frustrazione o costrizione sembrano essere altri importanti fattori.

Ancor più delle circostanze concrete del danno, quello che più pesa nell'attivare una emozione di rabbia sembra cioè essere la volontà che si attribuisce all'altro di ferire e l'eventuale possibilità di evitare l'evento o situazione frustrante. (Berkowitz L., 1993).

Insomma ci si arrabbia quando qualcosa o qualcuno si oppone alla realizzazione di un nostro bisogno, soprattutto quando viene percepita l'intenzionalità di ostacolare l'appagamento.

L'emozione della rabbia può essere quindi definita come la reazione che consegue ad una precisa sequenza di eventi (Lerner H.,2002):

  • stato di bisogno
  • oggetto (vivente o non vivente) che si oppone alla realizzazione di tale bisogno
  • attribuzione a tale oggetto dell'intenzionalità di opporsi
  • assenza di paura verso l'oggetto frustrante
  • forte intenzione di attaccare, aggredire l'oggetto frustrante
  • azione di aggressione che si realizza mediante l'attacco

Le ricerche compiute sul comportamento di specie diverse dall'uomo ci hanno mostrato che l'ira e le frequenti manifestazioni aggressive che ne conseguono sono scatenate da motivi direttamente legati alla sopravvivenza dell'individuo e dei piccoli, nonché alla difesa del cibo e del territorio.( Davey L., Day A., Kevin Howells K., 2004),
Negli esseri umani, alla base dei motivi più spesso addotti per giustificare un attacco di rabbia, c'è il desiderio di affermare la propria indipendenza e quello di migliorare la propria immagine, raddrizzando una situazione che ci fa torto e/o che ci sembra sbagliata.

Averill ha pubblicato nel 1982 una fondamentale ricerca sulla rabbia che ha costituito una pietra miliare per molti studi successivi e che non è mai stata smentita nei suoi risultati complessivi. Nell'ambito di questo studio, insieme empirico e terorico, ha molto spazio l'analisi circa le ragioni addotte e gli scopi che comunemente ci si prefigge di raggiungere manifestando l'ira. Averill ha trovato che esistono tre tipi di rabbia, ciascuno dei quali assolve a funzioni abbastanza diverse:

  1. la rabbia malevola, che ha lo scopo di rompere o peggiorare i rapporti con l'altra persona, di vendicarsi per un torto subito e comunque per esprimere odio e disapprovazione.
  2. la rabbia costruttiva, che tende a modificare il comportamento altrui, a rendere più stretta la relazione con la persona con cui ci si arrabbia, ad asserire la propria libertà e indipendenza, a ottenere che gli altri facciano qualcosa di utile a se stessi;
  3. la rabbia esplosiva, che serve principalmente per dare sfogo alla tensione e manifestare l'aggressività, con le probabili funzioni aggiuntive di rompere il rapporto o di rivalersi per un torto subito.

Da una ricerca condotta da Hermina Van Collie, Iven Van Mechelen, Eva Ceulemans, dal titolo “Multidimensional individual differences in anger-related behaviours” la tassonomica della rabbia comprende tre modalità aggressive (fisica, verbale e autodiretta) e cinque modalità non aggressive (parlare, allontanarsi, esprimere, rilassarsi e sopportare). In modo dettagliato possiamo osservare la seguente tabella completa anche di esempi di comportamento:

Manifestazione della rabbia Descrizione del comportamento esempi
Aggressione fisica Ogni forma di aggressione fisica Sbattere le porte, colpire qualcuno, lanciare oggetti
Aggressione verbale Ogni forma di aggressione esclusivamente verbale gridare, inveire, insultare
Aggressione autodiretta Azioni aggressive contro se stessi Ubriacarsi, azioni di autolesionismo
Parlare della propria rabbia Parlare del fatto che ha scatenato la rabbia con la persona con la quale si è avuto il contrasto, o con altri, senza acredine Parlare in modo amichevole o comunque accomodante
Allontanarsi Allontanarsi fisicamente o creare un distacco verbale dalla persona con la quale si è in disaccordo o dalla situazione difficile, senza fare niente altro Correre via, fuggire, allontanarsi, stare in silenzio
Manifestazioni fisiche di diverso genere – atti espressivi Mostrare spostamenti o movimenti senza alcuna forma di aggressione ad altre persone piangere, sospirare, singhiozzare
Ridurre la tensione o rilassarsi Fare in modo di esprimere la la tensione in maniera non distruttiva o tentare di rilassarsi Fare attività sportive, correre, ascoltare musica
Tentare di allontanare la rabbia da sé Cercare di sopportare l’accadimento in modo passivo o attendere il calo dell’impulso Mettere le cose in modo tale da non fare nulla, stare calmi



  

 

 

Gli Autori dello studio descrivono modalità non aggressive di espressione della rabbia, tuttavia, pochi di noi sono abituati a considerare la rabbia positivamente.

Nella specie umana, di solito, si assiste non solo ad una inibizione della tendenza all'azione di aggressione e attacco ma addirittura al mascheramento dei segnali della rabbia verso l'oggetto frustrante.
La cultura e le regole sociali a volte impediscono di dirigere la manifestazione e l'azione direttamente verso l'agente che scatena la rabbia.

Tra le emozioni, la rabbia, è infatti socialmente mal tollerata e la sua esternazione è spesso giudicata in modo pesantemente negativo dal bon ton. I tabù che circondano il sentire e l’esprimere la rabbia - in particolare per le donne - sono così vincolanti che diventa difficile perfino per loro capire quando sono arrabbiate.
Secondo Umberto Galimberti, (????) esiste una differenza nell’espressione della rabbia fra genere femminile e genere maschile:
"la reazione irata maschile è prevalentemente sul piano fisico con sopraffazioni e violenze che talvolta neppure le mura domestiche o le porte blindate riescono a contenere, mentre la reazione femminile tende a colpire sul piano economico e su quello affettivo con il ricatto dei figli" inoltre “le donne si arrabbiano in modo diverso dagli uomini: preferiscono interrompere il contatto oculare ed evitare il dialogo piuttosto che esprimere energicamente il proprio dissenso” oppure “le donne, invece di esprimere direttamente la loro rabbia, preferiscono ricorrere ad attacchi psicologici come la maldicenza o l’ostracismo sociale oppure sfogare la propria rabbia su una persona diversa da quella che l’ha provocata, adottando il meccanismo dello spostamento”

Ogle e collaboratori (1995) in una ricerca condotta sul tema, hanno confermato che le norme sociali inibiscono le espressioni di rabbia delle donne, obbligando le stesse ad attuare una soppressione nell’espressione dell’emozione; il risultato è un blocco nello sviluppo di strategie atte a regolarne la corretta esternazione. Pertanto le donne potrebbero presentare un elevato livello di repressione della rabbia e quindi uno sviluppo scorretto delle modalità di gestione e manifestazione di questa emozione.

Anche in termini sociologici la collera è percepita in modo differente: questa emozione si differenzia maggiormente per genere, età, status sociale, ma anche per etnia. Infatti è piuttosto interessante notare che alcune popolazioni, come ad esempio gli eschimesi Ukta, non provano rabbia, ma forse la provano manifestandola in modo completamente diverso rispetto ad altri popoli, tant’è che definiscono infantili le manifestazioni di rabbia osservate negli stranieri; diversamente la reazione di collera ad una offesa è pienamente approvata in Albania ed espressione di dignità presso i beduini. La spiegazione riguardo questa differente modalità espressiva degli stati di collera è da ricondurre al fatto che essa, come le altre emozioni, è soggetta a regole sociali di valutazione, di comportamento (proscrittive e prescrittive) che variano da cultura a cultura da epoca ad epoca. (Tice, D.M. & Baumeister, R.F. 1993),

La rabbia non è né legittima né illegittima, né significativa, né inutile, ma come tutte le nostre emozioni semplicemente esiste; è la punta emergente di un iceberg che cela sotto di sé emozioni più profonde che l’hanno generata (paura, risentimento, frustrazione…). E’ qualcosa che sentiamo interiormente; esiste per un motivo ben preciso e merita sempre rispetto e attenzione da parte nostra.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112

Come afferma D’Ansembourg: “…noi tutti potremmo vivere meglio, in pace tra di noi e con rispetto per la vita, se esprimessimo in modo più chiaro, frequente e pacato, i motivi che ci fanno arrabbiare, in modo consapevole e non violento, piuttosto che tenerli chiusi dentro di noi e trasformarli in polvere da sparo pronta ad esplodere”.
Bisogna capire, perciò, per prima cosa perché siamo arrabbiati. Perché un automobile che ci impedisce di uscire dal parcheggio ci fa diventare folli di rabbia. Certamente è una situazione che infastidisce ma, a meno che non stiamo vivendo una situazione di emergenza, non costituisce certo una minaccia alla nostra sopravvivenza. Ad ogni persona possono venire in mente episodi in cui ci si è sentiti “arrabbiatissimi” senza che ci fosse nessuna minaccia effettiva (qualche minuto in ritardo, un saluto negato, etc..)In realtà spesso la rabbia viene scatenata dalle nostre interpretazioni delle azioni dell’altro, dai significati simbolici che vi attribuiamo. (Rosenberg M. 2006).

Ad esempio posso cominciare a pensare che il proprietario dell’auto non h alcun rispetto per me, è un prepotente etc..Questa catena di pensieri, che spesso si susseguono in modo automatico e inconsapevole, non fa altro che aumentare la rabbia, per cui quando finalmente arriva il proprietario dell’automobile si è pronti alla colluttazione con lui, con tutte le conseguenze negative del caso. Perciò quando cominciamo a sentirci a collera, chiediamoci:
Per quale ragione provo rabbia? Qual è e di chi è il problema? Quale bisogno sento insoddisfatto? Quale diritto violato? Qual è l’immagine o il giudizio - su noi o sull’altro - che condiziona i miei pensieri e mi fa arrabbiare? Se mi sto arrabbiando con una persona importante per me, è possibile che mi dia una certa soddisfazione trovare qualche motivo per attaccarla? (forse mi da un certo piacere metterla a disagio, ferirla o farla sentire in colpa?)

Una volta che ci siamo posti queste domande, e abbiamo cercato di darvi una risposta, possiamo effettivamente decidere se il caso di manifestare o meno la nostra rabbia, e soprattutto in che modo manifestarla. Nel caso avessimo deciso che è il caso di manifestare la nostra rabbia e abbiamo chiaro in mente come farlo, è importante valutare i costi e i benefici, ( a breve e a lungo termine) di questa nostra manifestazione. Quindi chiediamoci ancora: Che cosa guadagnerò comportandomi in questo modo? Che cosa potrò perdere? Esistono dei mezzi migliori per ottenere ciò che desidero?

Spesso dopo esserci posti tutte queste domande la rabbia sarà svanita da sola e noi avremo trovato altre soluzioni per far valere le nostre ragioni, altre volte invece rimarremo convinti della giustezza dei nostri sentimenti e riusciremo ad esprimere la nostra rabbia nella maniera più adeguata ed efficace.

Cosa fare invece quando la rabbia da gestire non è la nostra, ma quella di chi ci sta di fronte?Anche in questo caso possiamo decidere di fare diverse cose tenendo conto dei costi e dei benefici a breve e a lungo termine. Alcuni dei metodi che possono essere utilizzati per disinnescare la rabbia dell’altro sono (Zillmann,1993):

  • Chiarire il problema. Spesso è istintivo reagire ad un atteggiamento rabbioso con il contrattacco, ma è poco probabile che ciò abbia una qualche utilità. Se riusciamo a mantenere la calma e capire quali possono essere le cause della rabbia dell’altro, saremo senz’altro su una buona strada.
  • Calmare l’altro. Si può ridurre la rabbia dell’altro insistendo sul fatto che essa ci impedisce di vedere il problema e di aiutarlo a risolverlo.
  • Concentrarsi sulla soluzione del problema. Mettiamo immediatamente a fuoco il problema in atto.
  • Distrarre l’attenzione. Molte persone al culmine di un eccesso d’ira si possono calmare se spostano l’attenzione altrove. Ad esempio si può cambiare argomento, ironizzare etc..
  • Programmare sedute di sfogo. Questa tecnica è utile per persone che si trovano a trascorrere molto tempo insieme e che non riescono comunque a parlare senza arrabbiarsi. Si tratta di programmare delle sedute in cui ognuno dei due si senta libero di esprimere la propria ostilità. Ecco alcuni passi pratici da compiere nelle sedute di sfogo:
    • 1. stabilire espressamente il momento e il luogo in cui potersi esprimere, facendo in modo che nessuno possa ascoltare casualmente ciò che diciamo;
    • 2. stabilire dei limiti di tempo per ogni seduta. La durata ottimale dovrebbe essere tra i quindici e i venti minuti.;
    • 3. non interrompere la persona che parla;
    • 4. prendere la parola a turno ma decidere in precedenza la durata degli interventi (non più di 4 o 5 minuti);
    • 5. prevedere delle pause, da effettuare su richiesta del partner che ne sente il bisogno.
  • Allontanarsi. Nel caso ci rendessimo conto di non riuscire ad arginare la rabbia dell’altro e di aver motivo di temere per la nostra incolumità, non esitiamo ad allontanarci.


Quella della gestione della rabbia è un problema fondamentale della nostra società. A fronte di minacce che sono il più delle volte “simboliche”, nel nostro organismo avvengono dei cambiamenti (aumento della tensione muscolare, della pressione arteriosa, del battito cardiaco) che ci predispongono ad una lotta di tipo fisico. La maggior parte delle volte, il tentativo costante di “reprimere” queste sensazioni conduce a malattie psicosomatiche; altre volte l’incapacità di auto-controllarsi porta ad esiti drammatici.

Come tutte le emozioni, la rabbia non è mai giusta, o sbagliata, semplicemente esiste e ci chiede di prenderne atto, comprenderla e gestirla al meglio. Possiamo imparare a vivere la rabbia in maniera chiara, salda e non-violenta e riuscire a renderla così manifesta. Questo richiede un lavoro su se stessi, per conoscere quello che proviamo, per conoscere la verità di ciò che accade in noi, e allo stesso tempo, imparare modalità non-violente e collaborative per esprimere le proprie emozioni piuttosto che accontentarsi di “dirne o non dirne quattro all’altro”.



Bibliografia

  • Averill, J. R., (1982), Anger and aggression: An essay on emotion., Springer-Verlag, New York.
  • Berkowitz L., (1993), Aggression: Its Causes, Consequences, and Control, McGraw Hill, New York.
  • Davey L., Day A., & Kevin Howells K., (2004), Anger, over-control and serious violent offending, Elsevier
  • D’Ansembourg T. (2007), Smettila di essere gentile. Se non sei autentico, Edizioni Paoline
  • Ellis, A. (1977) , Anger: How to Live With and Without It. New York: Citadel Press.
  • Galimberti U.(2003), Quel potere che scatena l’aggressività, tratto da “La Repubblica” del 23 agosto
  • Lerner H.,(2002), La danza della rabbia, Tea, Milano.
  • Ogle, R., Maier-Katkin, D., & Bernard, T. (1995), A theory of homicidal behavior among women. Criminology, 33(2), 173-193.
  • Rosenberg M. (2006), The surprising purpose of anger. Beyond Anger Management: Finding the Gift (trad. Italiana), ed. Esserci, Reggio Emilia
  • Tice, D.M. & Baumeister, R.F. (1993), Controlling anger: Self-induced emotion changes, in Daniel Wegner e James Pennebaker (eds) Handbook of Mental Control. Englewood Cliffs, NJ: Prentice Hall.
  • Zillmann, D. (1993), Mental control of angry aggression. In Daniel Wegner e James Pennebaker (eds) Handbook of Mental Control, Englewood Cliffs, NJ: Prentice Hall
  • Van Coillie H., I. Van Mechelen I., & Ceulemans E. (2006), Multidimensional individual differences in anger-related behaviors, Personality and Individual Differences 41(1), pp.345-352

 

 Articolo a cura della Dottoressa Dottoressa Maria Concetta Cirrincione

 



  |   Letto: 6553 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il dolore come punizione per sentirsi “vivi”!

L’autolesionismo come modalità per regolare il proprio umore, distrarsi da un turbamento interiore, placare il proprio dolore psichico. Con li termine autolesionismo si fa riferimento ad un’inflizione intenzionale volta a danneggiare il proprio corpo attraverso attività come il tagl...

Freud, Jung e i loro Complessi

Secondo il filosofo Smith, il quale ha analizzato e studiato la profonda amicizia tra Freud e Jung, è stata una combinazione di lesioni narcisistiche e rabbia inconscia, ossia i loro Complessi, ad averli violentemente distrutti. Recentemente, il Dottor William Todd Shultz, Professore di psicologia pre...

La vergogna: un'emozione nascosta, contagiosa e pericolosa

La vergogna può divenire un'emozione pericolosa quando viene sperimentata come schiacciante; oltre a sentimenti di invidia, collera, rabbia, tristezza, depressione e senso di vacuità, la vergogna può influenzare negativamente il modo in cui ci si vede e percepisce. Come emozione auto-cos...

Disordini autoimmuni e ipnosi

L’ipnosi può quindi aiutarci ad usare diverse parti della nostra mente per pensare diversamente, cambiare il modo in cui il nostro corpo risponde e per aiutarci a sentire, agire e comportarci in modo più salutare ed utile. All’interno del presente articolo si cercherà di fare...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.