Pubblicità

La compulsione agli acquisti (Compulsive buying)

 

acquistiAlzi la mano chi in un momento in cui si sentiva giù di tono non ha cercato un po' di conforto nello spendere. Un abito nuovo che rende più desiderabili, un rossetto, un oggetto che arreda in modo più piacevole la casa: un danno al portafoglio che però è ripagato dall'innalzamento del tono dell'umore. Possedere qualcosa che prima non avevamo è un antidoto alla depressione che molti sperimentano e che di solito funziona.

Se la cosa si limita a un piccolo capriccio non può che farci bene. Ci fa sentire potenti, capaci di comprarci un pezzetto di serenità, anche se non è vero, un'immagine di noi stessi più positiva. Ma quando si instaura una dipendenza (sono depresso/a quindi devo acquistare) è facile precipitare nella china della patologia nevrotica fino ad arrivare ad una vera e propria malattia psicologica chiamata compulsione all'acquisto, battezzata dagli studiosi americani, "compulsive buying".

E' stato dimostrato che colpisce soprattutto le donne, giovani perlopiù. La fonte di dati più precisi a riguardo è negli States. Secondo gli studi delll'Istituto di medicina dell'università dello Iowa, infatti, pubblicati nel 1995, la tipica compratrice coatta è una donna di cultura medio-alta sulla trentina.

La compulsione è un comportamento dovuto a una coercizione psichica, in altre parole è un atto che non si può fare a meno di compiere, ripetendolo più volte, perché agiamo sotto il comando di un'idea ossessiva che si è infilata nel subconscio.
Una delle compulsioni più note è quella di lavarsi ossessivamente le mani molte volte al giorno. Alla radice c'è l'idea di essere sporchi, impuri, contagiati da chi ci sta vicino.

La mania degli acquisti quando diventa incontrollabile segue il medesimo meccanismo psichico. Chi ne è affetto prova una spinta irrefrenabile alle compere. Naturalmente il bombardamneto pubblicitario a cui siamo tutti quotidianamente esposti non può che accentuare questa tendenza fino a trasformare nelle donne a rischio un comportamento compulsivo isolato, che è considerato normale, nel comportamento "ripetitivo e patologico" delle compulsive shoppers. Che come si può facilmente intuire provoca grosse sofferenze psichiche, sensi di colpa, nonché naturalmente a volte dissidi e liti familiari.

"Bisogna fare una netta distinzione tra i comportamneti compensatori e le compulsioni" ci spiega Giorgio Nardone, psicologo fondatore del centro di Terapia Strategica, autore del saggio Oltre i limiti della paura, edito dalla Rizzoli. "Nel primo caso lo spendere serve per ripagarci dalle frustrazioni della vita e scacciare il malumore. L'oggetto del nostro desiderio di possesso ci ricorda inconsciamente i giocattoli che da bambini ci facevano smettere di piagnucolare. Il comprare ci fornisce un piacere transitorio che non è dato tanto dal prodotto acquistato ma dall'atto stesso dell'acquisto. E che si ripresenta nello stesso modo il giorno dopo. Si può fare un parallelismo tra il piacere dello spendere e quello dato da sostanze come la droga, l'alcol o il fumo. Nel caso della compulsione invece la spinta non è il desiderio di provare piacere. E' invece l'intento di proteggersi da una determinata paura con un rito propiziatorio. Come il mangiare a dismisura delle bulimiche, o la mania della pulizia degli ossessivi."

Quali sono queste paure? "Non si può generalizzare, sono diverse da individuo a individuo. C'è chi, siccome teme di risultare sprovveduto e poco informato, compra continuamente giornali. Fino ad arrivare agli eccessi paradossali di persone che acquistano lo stesso giornale dieci volte al giorno. O dietro la mania, quasi sempre femminile, di comprare vestiti c'è il timore di apparire poco desiderabili, sciatte, di essere invisibili alle attenzioni dei maschi. Ciò che accomuna le persone che soffrono di compulsioni è che hanno cominciato ad utilizzare un certo comportamento come antidoto alla paura. Fino a farlo diventare una reazione automatica".

Sia che si tratti di un comportamento compensatorio o di una compulsione, però, gli effetti per alcuni sono lo stesso tragici: un danno talvolta irreparabile al proprio conto in banca, ingente o modesto che sia.

Ma a quali classi sociali appartengono queste maniache dell'acquisto?

contiIn un saggio della narratrice americana Colette Dowling, Signore in rosso (Bompiani), il colore che compare nel titolo non è attribuibile ad una preferenza nei capi di vestiario, come si potrebbe pensare, ma è un segnale d'allarme che riguarda i debiti bancari.

Insomma in questo libro, che ha toni divertenti anche se parla di un problema serio, si narrano le storie di donne che hanno rischiato di dilapidare il loro patrimonio sotto la spinta impellente del desiderio di comprare. E a volte ci sono riuscite.

Ci sono casi di vip, personaggi dei rotocalchi su cui amabilmente spettegola la Dowling. Ad esempio la duchessa di York che sembra abbia tentato di dimenticare le tempeste del matrimonio con il principe Andrea annegando il malumore in un mare di spese. Fino a scatenare le ire funeste della suocera, la regina Elisabetta di Inghilterra,ben decisa a tenere lontani da sè i creditori.

Altro esempio la famosa e straricca scrittrice americana di thriller Patricia Cornwell a cui è stato diagnosticato un disturbo maniaco depressivo e che ha dichiarato "durante la fase maniacale ero capace di spendere centomila dollari per una Mercedes o comprare gioelli per diecimila dollari".

Ma sembra che, naturalmente nelle debite proporzioni di spesa, le spendaccione per malattia si trovino in tutti i ceti sociali. Impiegate, commesse o infermiere : molte sono le donne che sperimentano l'ebbrezza dello shopping.

Alcune, sostiene la Dowling, sono vittime della carta di credito. Il messaggio "compra subito pagherai poi", nato con le visa, un mito americano esportato anche da noi, si è rivelato al riguardo molto deleterio.

Sembra abbia sul cervello un effetto paragonabile a quello dell'oppio: attenua le inibizioni e i limiti di shopping che ognuno si pone. La carta di credito può dare alle compratrici un senso di potere, la sensazione di poter spendere a piacimento. E di conseguenza di avere un piena responsabilità della propria vita.

"Con questo acquisto posso far sembrare diverse le mie gambe, o il soggiorno di casa, posso far sì che gli altri mi vedano diversa, influenzando il mio destino" è la modalità di pensiero ricorrente. E' facile intuire che come struttura di personalità di base le shoppers presentano un basso livello di autostima che tentano di compensare con il valore degli oggetti acquistati.

Ma su quali prodotti cade la brama di possesso delle compratrici compulsive?

"Gran parter degli acquisti femminili, afferma la Dowling, sono motivati dal bisogno di arricchire l'equipaggiamento del mito romantico: seducente biancheria per il letto, morbidi teli doccia, profumi, tutti strumenti per la rassicurante creazione di una casa nido." (Bisogna considerare il fatto che le ricerche della Dowling sono state svolte in prevalenza tra le casalinghe della provincia americana).

Altro importante capitolo spesa riguarda naturalmente gli oggetti che potenziano il look: vestiario, biancheria intima, cosmetici, gioielli. Ma dopo l'ebbrezza dell'acquisto, dagli studi psicologici fatti, risulta che la preoccupazione più grande delle compratrici sia di nascondere il bottino tanto agognato. "Come per i tossicomani gli atteggiamenti delle dipendenti dalle compere sono in prevalenza orientati al nascondere camuffare, essere evasive. Soprattutto sottrarre il frutto del peccato allo sguardo indagatore del marito. Oppure passare gli abiti superflui alla figlia, dopo averli indossati qualche volta o mai. O ancora abbondare in regali a parenti, amici e conoscenti. Sono tutte strategie per liberarsi almeno in parte dai sensi di colpa."

Per alcuni invece è meglio stipare tutto nell'armadio e dimenticarsene. Come ha raccontato di aver fatto, a un cronista del Times, Barbara che possiede dieci carte di credito ed è attualmente indebitata di sessantamila dollari. E' una delle tante appartenenti all'associazione americana Debitori Anonimi. L'equivalente della Alcolisti Anonimi. Come per gli alcolisti i compulsive shoppers si ritrovano per socializzare le emozioni negative che provano al risveglio dalla sbronza degli acquisti.

Quando è compulsione e quando compensazione?

COMPENSAZIONE

  • Comprando ci coccoliamo, ci regaliamo un piccolo diversivo che ci rialza il morale
  • Ci sentiamo a terra, la vita ci appare in un certo periodo vuota: allora la riempiamo di cose, di oggetti materiali.
  • In un momento in cui qualcuno che ci era caro ci ha lasciato il prodotto acquistato può avere il valore simbolico di "rimpiazzare" l'oggetto d'amore perso.

COMPULSIONE

  • E' tipico dello spendere compulsivo sapere cosa si sta facendo e tuttavia essere incapaci di smettere.
  • Facendo acquisti cerchiamo di alleviare una sensazione di ansia.
  • Si tende a negare il problema coltivando l'illusione di avere sotto controllo la situazione.
  • Quando compriamo regali cerchiamo di comprare amore e potere.

Vademecum anti spese folli

Cosa fare quando siamo vinti dal desiderio irrefrenabile di comprare?

"Far salire il nemico in soffitta e togliere la scala: è la massima cinese che io cito spesso nei miei libri" Risponde il professor Nardone "Nelle terapie delle complusioni bisogna aggirare l'ostacolo, trovare le strategie per togliere all'impulso irresistibile che ci assale la forza che esercita su di noi."

Ma come fare? Ecco alcuni consigli per averla vinta.

  • Evitare di controllare il comportamento che si vuole evitare. Chi si guarda allo specchio imponendo a se stesso di non spendere quasi sicuramente fallirà nell'intento. I divieti anche se sono autoimposti non fanno che alimentere la voglia di infrangerli.
  • Impegnarsi a girare per negozi e a guardare con attenzione gli oggetti esposti. Ma anche a non comprare niente per la prima ora. Mi dico insomma "Me lo concedo ma solo fra un'ora" Intanto però ho tolto molta forza alla compulsione. Che è tale solo se mi travolge immediatamente. Se interrompo la sequenza: sono in ansia, spendo e mi calmo sono salvo.
  • Una strategia molto usata dai terapeuti è la prescrizione del sintomo. Si dice al paziente "O si astiene dal comprare o deve comprare almeno dieci campioni dello stesso prodotto". In questo modo il terapeuta prende il controllo del sintomo, lo gestisce. Se non è più controllato dalla compulsione il sintomo perde molto del suo potere coercitivo.

 

Dott.ssa Marilisa Patini

 

 

  |   Letto: 4844 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

La psicoterapia di gruppo

La psicoterapia di gruppo è una forma di psicoterapia in cui l'intervento clinico viene effettuato in un setting gruppale, può fare riferimento a vari tipi di orientamenti teorici e consiste solitamente in una terapia verbale (gruppi di parola). Se in un primo momento la psicoterapia di gruppo è nata con ...

Psicologo del marketing e della comunicazione

Lo psicologo della comunicazione e marketing è un laureato in psicologia, abilitato dall'Esame di stato all'esercizio della professione, iscritto all’Albo degli psicologi nella sezione A. Deve essere capace di operare in completa autonomia professionale e di instaurare una collaborazione paritaria con a...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.