Pubblicità

La creatività nasce dal silenzio

creativita-silenzioCiò che è rilevante nel mondo contemporaneo è la dicotomia del significato del silenzio. Da un lato si associa il silenzio all’apatia e all’inazione dall’altro viene percepito come luogo della nostra coscienza profonda.

Per me il silenzio non è apatia ma è un stato che se impariamo a capire e sviluppare può rivelarsi un grande alleato per la nostra vita.

Jean Paul Sartre ha scritto: “Si stia pure fermi e muti come sassi, la nostra stessa passività sarà un’azione”.

Il silenzio è parte integrante del mondo dei suoni, anche se questa affermazione può apparire paradossale. Un cinico potrebbe subito obiettare: “Il suono è presenza di vibrazioni, il silenzio è non-suono, cioè assenza di vibrazioni”. Molto spesso viene, quindi, associato alla parola “silenzio” il significato di un’assenza, di una “non-vita”. Per contro, i suoni rappresentano la vita, l’azione. Niente di più sbagliato! Anche il silenzio, le pause, le esitazioni sono presenza, essi sono parte integrante della vita e quindi hanno sempre un significato e un valore.

Considerando il silenzio come azione, possiamo ricordare una grande pedagogista del ‘900, Maria Montessori, la quale introdusse nel suo sistema educativo “l’esercizio al silenzio”.

La Montessori riteneva che il silenzio e la solitudine (il saper stare da soli) favoriscono l’assunzione del senso di continuità del proprio sé, essi rappresentano una possibilità per sperimentare il controllo sulle proprie emozioni, sulla propria interiorità. Il bambino con il silenzio riesce a costruire rapporti autentici con gli altri, riesce a comunicare in modo empatico, porsi cioè in un atteggiamento di ascolto rispettoso dell’altro “guardandolo dall’interno”. “Ogni bambino, dice la Montessori, che sente la responsabilità del ‘silenzio’, nel prevenire suoni aspri, sa come cooperare alla bontà collettiva, mantenendo l’ambiente non solo ordinato, ma quieto e calmo. I nostri bambini hanno preso veramente la via che li conduce alla padronanza di se stessi”.

Quindi il silenzio veniva inteso come dimensione contemplativa della vita ed è la via privilegiata per contattare la vita interiore, un modo per educare all’unità della persona.

creativita-silenzio3

Quando si capisce l’utilità del silenzio e quando se ne riesce a cogliere la vera essenza, la mente si libera e si entra in uno stato capace di creare, e proprio in quello stato, si sfruttano a pieno le potenzialità della mente perché i nostri pensieri e le nostre idee funzionano armoniosamente. I più grandi scrittori, poeti, filosofi, musicisti e pittori sono stati grandi solitari, da Giacomo Leopardi a Emily Dickinson, da Reiner Maria Rilke a Friederich Nietzsche.

Tutti sono stati consapevoli che nell’attenzione che il pensiero dedica al silenzio si radica ogni creatività.

Il silenzio visto come una dimensione produttiva del profondo ci permette di ascoltare le nostre vibrazioni interiori, in esso siamo più capaci di intuire i nostri pensieri, la nostra vera identità!

È il luogo in cui si dà vita alla creatività. Pensiamo a quando un musicista si isola e compone, se esso nascondesse la sua vera creatività nel silenzio di una nota e l’altra? Quella immensa evoluzione che poi darà vita alla melodia che cattura i nostri sensi? Forse è proprio in quel silenzio, che è parte integrande della melodia, dove viene fuori la sua vera essenza, la sua massima espressione.

Maria Miceli, ricercatrice del CNR sostiene che “La presenza di altre persone, inevitabilmente, tende a deconcentrarci. In più, ci impone il compito, che svolgiamo in modo spesso inconsapevole, di presentare di noi un’immagine accettabile. Basta pensare a quante volte ci è capitato di dire: “Non guardarmi, che non riesco a fare nulla”. Queste sue parole spiegano quanto sia importante isolarsi, questa pratica offre “l’opportunità di potenziare le proprie facoltà mentali, dalla concentrazione all’attenzione, alla capacità di risolvere i problemi e di mettersi alla prova”.

Come si può raggiungere il silenzio?

Ci sono discipline che possono aiutare a raggiungere quello stato di quiete, ad esempio le attività manuali, l’apnea, il nuoto, la subacquea, la corsa sono tutte discipline accomunate da un obiettivo: la cura di sé e la concentrazione.

creativita-silenzio2Nell’apnea, mente e corpo si fondono e il silenzio che ci avvolge raggiungendo la profondità diventa silenzio mentale, è proprio lì che le emozioni vengono fuori, si è avvolti da uno stato di quiete, tranquillità e serenità.

Anche le attività manuali sono utili, la pittura, la natura sono attività che liberano la mente.

In questo modo la mente si rilassa, il continuo flusso di pensieri rallenta e con essi anche il rimuginio che alimentare ansia e stress in noi. Si instaura un dialogo a tu per tu con ciò che si sta facendo, ad esempio, stando a contatto con un animale, soprattutto cani e gatti, impariamo a esprimere tenerezza e affetto, impariamo ad essere più spontanei, meno razionali e riflessivi.

Riscoprire la pratica del silenzio ci porterà ad entrare in contatto con la parte più intima di noi stessi e sarà un ottimo alleato per combattere lo stress generato dal continuo ed incessante rumore che ci circonda.

 

Per approfondimento

  • Educare il bambino alla vita interiore. La lezione di Maria Montessori nel tempo della post-democrazia di Livia Romano
  • La dimensione pedagogica del silenzio. Rivista di studi ed esperienze sull'educazione 0-6. Numero 7.8, luglio. Agosto 2007
  • Il silenzio in musica: l’importanza di ciò che non si percepisce. A cura di Piero Quarta
  • M. Montessori, Il segreto dell’infanzia, Garzanti, Milano, 1970, pp. 167-170.
  • J. P. Sartre, Editoriale, Les Temps Modernès, Gallimard, Parigi, ottobre, 1945.
  • Perché le menti più brillanti necessitano di solitudine. Dioni

 

(A cura della dottoressa Angela Chiara Leonino)

 

 

 

 

  |   Letto: 5019 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Delirio e coscienza

Il delirio può essere inteso come una costellazione di caratteristiche che possono essere organizzate in segni oggettivi e sintomi soggettivi. “Affrontare un fatto terrificante, così com'è, ossia il delirio, nella sua angosciosa volatilità, nel suo contenuto elusivo, apre un...

Preferenze musicali e cervello

Le preferenze musicali possono essere spiegate dalle differenze nel cervello? Secondo i ricercatori dell'Università di Cambridge le preferenze musicali sono legate a tre ampi stili di pensiero, definito anche “tipi di cervello”. Due anni fa, un gruppo di ricerca dell'Università di C...

Il silenzio in psicoterapia

“Se le delicate domande sulle origini del silenzio non riescono a coinvolgere il paziente, un terapeuta potrebbe voler dire, ' Forse preferisce restare in silenzio qui con me'. Il terapeuta trasmette così non solo l'accettazione del silenzio, ma anche un messaggio che il paziente non è sol...

Come viene usata la musica per gestire le emozioni e gli stati d’animo

Secondo una nuova ricerca, la musica che ascoltiamo rivela molto sulla nostra salute mentale. Un nuovo studio di brain imaging ha scoperto che le nostre risposte neurali a diversi tipi di musica influenzano la nostra regolazione delle emozioni. La regolazione delle emozioni è una componente essenziale per l...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.