Pubblicità

La deprivazione materna

Mamma, tu avevi me, ma non ti ho mai voluto.. ti volevo, ma non mi volevi.. quindi devo dirti addio”, John Lennon

la deprivazione maternaSecondo l'ipotesi della deprivazione materna, i bambini indipendentemente dal fatto che siano cuccioli, scimmie o umani, non avranno uno sviluppo sano a meno che non ricevano le giuste attenzioni amorose da parte di una figura materna a cui possono affezionarsi.

Lo psicologo Lytt Gardner ha studiato lo sviluppo di bambini che sono stati deprivati degli aspetti emotivi e sociali da parte di genitori ostili e rifiutanti, o di genitori che sono stati troppo apprensivi con i loro bambini mostrando un'attenzione oltre quella richiesta per le attività di cura quotidiane.

Le scoperte del Dottor Gardner sono in correlazione con gli schemi comportamentali dei bambini studiati da René Spitz.

Il termine introdotto da Spitz, ossia di depressione anaclitica, descrive l'apatia, l'inettitudine sociale, la rigidità morbosa fisica e l'assenza di espressione verbale prevalente nei bambini presenti negli orfanotrofi.

Il termine di Harlow, contrattura catatonica, una forma bizzarra di apatia sociale riscontrata nelle scimmie allevate in isolamento, è simile alla depressione anaclitica.

Harlow ha osservato: “l'animale fissa il vuoto e non risponde alle normali stimolazioni ambientali, come quando lo si chiama o i guardiani si muovono”.

Di conseguenza, la correlazione tra depressione anaclitica identificata nei bambini cresciuti negli orfanotrofi e la contrattura catatonica identificata nelle scimmie rhesus allevate in condizioni di isolamento, illustra perfettamente l'ipotesi della deprivazione materna.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974

Non sorprende che i bambini privi di maternità siano tormentati dallo stress, poiché l'inconsistenza nel trattamento parentale del bambino, insieme a frequenti ed intensi cambiamenti dell'umore e alla reattività sono antecedenti all'ansia tra i bambini piccoli.

Inoltre, i bambini nati in circostanze di abbandono e abuso dei genitori sono spesso ostacolati nella loro capacità di esplorare adeguatamente l'ambiente e di interagire con gli altri.

Secondo Erick Erikson, queste circostanze possono impedire comportamenti indipendenti e suscitare ansia quando si affrontano situazioni nuove o difficili.

Per fronteggiare tali situazioni, i bambini possono adottare comportamenti di ritiro, una difese frequentemente utilizzata in età prescolare per evitare situazioni o persone minacciose.

Ansia onnipresente

Gli studi condotti da Seymour Sarason affermano che la valutazione negativa del bambino ed i sentimenti contrastanti di aggressività verso i genitori ed il bisogno di dipendere da loro, contribuiscono a sentimenti di ansia onnipresente.

In definitiva, è probabile che tali bambini siano nell'ombra di un gruppo sociale, ascoltando piuttosto che partecipando e preferendo la solitudine ed il ritiro sociale piuttosto che lo scambio e la partecipazione.

Chiaramente, l'interazione prolungata con altri membri della specie è un requisito per i bambini se vogliono prosperare. Tuttavia, le madri possono essere carenti e coetanei appropriati all'età non disponibili nel primo periodo critico dello sviluppo sociale.

I bambini socialmente svantaggiati possono sviluppare sentimenti di impotenza e astenersi gradualmente dal tentare di controllare il loro ambiente.

Pubblicità

Alla fine, possono concludere che nulla di ciò che fanno sembra avere importanza per nessuno.

Ad aggravare questa situazione difficile, l'ipotesi del periodo critico sostiene che il bambino che non riceve i tipi appropriati di stimolazione entri i primi tre anni di vita rimarrà per sempre carente, a prescindere dalle esperienze o dall'educazione che potrà ricevere successivamente.

D'altra parte, nelle circostanze in cui l'interazione è più sufficiente, un bambino con un forte bisogno di nutrimento, una motivazione di dipendenza elevata, può lavorare sodo per apprendere vari compiti al fine di ottenere l'educazione e la lode degli adulti.

Negli scenari più desolati, i bambini allevati nelle istituzioni, che non possono sviluppare attaccamenti personali forti o affettuosi, rimangono emotivamente freddi e isolati facendo sì che siano in grado di relazionarsi con gli altri solo in modo superficiale.

Riassumendo, i bambini socialmente competenti sono quelli che sono stati esposti ad un ambiente sociale precoce che risponde ai loro bisogni, desideri e azioni.

I bambini richiedono un'esposizione coerente a molti tipi di nuove stimolazioni sensoriali ed esperienze per rispondere normalmente all'ambiente e svilupparsi in modo sano.

Gli effetti duraturi della pedofilia e dell'abbandono sono di vasta portata. Statistiche ufficiali basate sul National Council on Child Abuse and Family Violence indicano che ogni anno negli Stati Uniti vengono effettuati più di 2,5 milioni di segnalazioni di abusi su minori con centinaia di decessi relativi a tali forme di abuso.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

Coloro che “sopravvivono” sono afflitti da problemi di salute mentale e vulnerabili allo sfruttamento ed al comportamento criminale.

Purtroppo, la stragrande maggioranza degli adulti privi di maternità che cercano un trattamento terapeutico evidenziano segni di trauma relazionale e presentano disastri evolutivi, dipendenze, disturbi dell'umore e traumi complesso.

Dato che la fondamentale assenza di amore di cui sopra è responsabile di tali risultati, ne consegue che un approccio terapeutico premuroso e umanistico che promuova l'attaccamento e la fiducia è fondamentale per il processo di recupero.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 2589 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.