Pubblicità

La felicità è solo questione di … età!

Cinque motivi per i quali diventiamo più felici man mano che invecchiamo.


felicità etàLa felicità è diventata un’ossessione nell’epoca moderna.

Cercarla, tenerla stretta e desiderarla anche per i nostri cari sono diventate le forze motivanti, in base alle quali vivere le nostre vite.

Inoltre, usiamo la felicità come il metro di misura, attraverso il quale prendere le decisioni nella vita.
Ad esempio, se un lavoro non ci rende felici, lo lasciamo.


La felicità, insomma, è al centro della nostra vita e noi facciamo anche scelte drastiche, nel tentativo disperato di raggiungerla.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506
Dottor Edoardo Guerrieri
Via Roma, 34 Empoli - FIRENZE
Cell: 338 3753458

Ciò è particolarmente vero per le persone tra i 30 ed i 40 anni, che sono a più alto rischio di utilizzare antidepressivi e di sviluppare Disturbi dell’Umore, rispetto a qualsiasi altro gruppo di età.
Costoro sono, inoltre, i maggiori consumatori del settore dell’auto-aiuto: questa, infatti, è la fascia d’età che spende più soldi alla ricerca di attività che favoriscano il relax ed il benessere (dai ritiri, ai viaggi, ai libri dedicati, …).

Ironia della sorte, però, la scienza dimostra che questa continua ricerca della felicità non fa altro che renderci meno felici e più soli, perché, spesso, finiamo proprio con l’isolarci da quelle persone, che rappresentano le vite che vogliamo lasciarci alle spalle.


Ma, se ci si sente infelici oggi, possiamo sperare in un domani migliore?

Fortunatamente, la ricerca dimostra che possiamo, perché, a prescindere dalle nostre vicende individuali, affrontiamo alcuni cambiamenti naturali, che influenzano la nostra felicità.
Tali cambiamenti ci permettono di sperimentare livelli relativamente alti di felicità nei nostri 20 anni, che, poi, però, iniziano a scendere, raggiungendo il punto più basso tra la fine dei 30 e l’inizio dei 40 anni, quando cominciano a salire di nuovo.

Ci sono cinque ragioni alla base di queste dinamiche.    


1.    La prospettiva temporale.

Nella maggior parte delle società occidentali, si tende ad occupare i nostri 20 e 30 anni nella creazione del futuro.

Tra la fine dei 30 e l’inizio dei 40 anni, quando ci rendiamo conto che non abbiamo raggiunto quello che desideravamo ottenere, e che il nostro futuro si sta restringendo rapidamente, abbiamo due opzioni: possiamo farci prendere dal panico, o possiamo adattarci a tutti i cambiamenti che si presentano. Questo è quello che fa la maggior parte di noi e che si traduce nel sentirci più sicuri e più felici, man mano che ci addentriamo nelle fasi successive della nostra vita.


2.    La vita emotiva.

Quando siamo giovani, lasciamo correre le nostre emozioni.
In realtà, però, ci vogliono anni per riuscire davvero a controllarle.
Ed è solo verso i 50 anni che esse diventano più stabili e che cominciamo ad ottenere più serenità nella vita. In più, è a quest’età che siamo più propensi verso la positività e che siamo in grado di mantenerla più a lungo, altro motivo per il quale ci sentiamo più felici man mano che invecchiamo.


3.    La rete sociale.

A 20 anni, è probabile che la nostra rete sociale sia fiorente. Ci sono sempre nuove persone che entrano nella nostra vita, sia che si tratti dei colleghi di un nuovo lavoro, o di amici e familiari del nostro partner.

Successivamente, quando giungiamo a 30 anni, tutto comincia a cambiare. Non abbiamo più né il tempo, né l’energia, per coltivare tutte le nostre amicizie, e molte persone vengono eliminate dalla nostra vita. Però, dal momento che abbiamo bisogno del sostegno sociale per sentirci più felici, questo cambiamento può avere un effetto negativo sul nostro benessere.


Tuttavia, quando arriviamo a 50 anni, essendo più vecchi e più saggi, cominciamo a fare uno sforzo maggiore per prenderci cura di chi è importante per noi, rafforzando, così, le nostre amicizie. Questo può essere un altro motivo per il quale diventiamo più felici quando siamo più anziani.


4.    Gli eventi della vita.

Gli eventi della vita sono come il traffico: quando la strada è vuota, è più facile guidare; non appena essa diventa affollata, è anche più difficile da percorrere.
La ricerca dimostra che sia gli eventi traumatici, che i problemi quotidiani, sono al loro livello più alto quando si raggiunge la mezza età.
Da allora in poi, però, essi cominciano a rallentare, poiché si impara ad affrontarli in modo più efficace. E, di conseguenza, diventiamo più felici.

Psicologi in evidenza
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

5.    La capacità di prevedere.

È bello essere in grado di prevedere cosa sta per accadere, perché ci trasmette un senso di padronanza sul nostro ambiente e ci dà la convinzione che possiamo affrontare tutto quello che la vita ci presenta.
Man mano che passano gli anni, riusciamo a prevedere meglio le conseguenze dei nostri ed altrui comportamenti e siamo capaci di pianificare le azioni ottimali per affrontare le sfide della vita.
Ogni giorno ci insegna nuove competenze di vita ed esse ci aiutano ad essere più felici.
    

Quindi, sembrerebbe che le nostre vite diventino più felici con l’avanzare dell’età.

Ironia della sorte, quando si chiede alle persone il momento più felice della loro vita, essi indicano, di solito, i 20 anni, prevedendo, erroneamente, che questi loro sentimenti diminuiranno con l’avanzare dell’età.

In realtà, sarebbe una buona idea rilassarsi e lasciare che la natura faccia il suo corso.
Perché, visto che le cose migliorano veramente con l’età, la verità incoraggiante è che tutti noi abbiamo la possibilità di vivere felici per sempre.

        
    
            

 

Fonte: PsyPost.org

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 1800 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Borderline, sintomi e trattamento

Instabilità pervasiva, aggressività, autolesionismo, scarsa consapevolezza del senso di Sè, oscillare per sopravvivere: Il disturbo borderline di personalità. Il disturbo borderline della personalità, è una grave malattia mentale caratterizzata da instabilità ...

Cos'è la psicoanalisi?

La psicoanalisi è stato il primo trattamento per quei pazienti che non rispondevano positivamente ad altre metodi medici e psicologici disponibili a quel tempo. Spesso quando si pensa alla psicoanalisi, l'immagine che viene ad essa associata è quella di Freud che fuma il sigaro e la sua barba b...

La psicoterapia nell’ambito delle neoplasie

L’importanza del supporto psicologico e del lavoro di èquipe nel paziente oncologico Il cancro, come patologia cronica, può determinare diversi cambiamenti nello stile di vita di una persona,  tale da andare ad ripercuotersi su tutto il contesto fisico, sociale e psicologico di chi si "scontra" con ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.