Pubblicità

La funzione mente-specchio tra terapeuta e paziente

I problemi personali del terapeuta spesso approdano nel suo studio, vestiti però dai panni dei propri pazienti!?

funzione mente specchioQuando proviamo a guardarci in uno specchio con un altro specchio posto alle nostre spalle, il riflesso sembra essere proiettato in un tunnel  che fornisce infinite visioni di noi stessi.

Alcuni autori ritengono che qualcosa di simile possa accadere nello studio di un terapeuta.

La psicologia analitica Junghiana osserva che i problemi personali del terapeuta spesso approdano nel suo studio, celandosi però nei panni dei propri pazienti.

Alcuni di loro sembrano anticipare con entusiasmo il prossimo paziente per vedere quale messaggio verrà consegnato al terapeuta; i Freudiani sono invece più propensi a ritenere che tali coincidenze siano per lo più una forma di controtransfert.

Le probabilità di scontrarsi con delle problematiche simili alle proprie possono essere abbastanza elevate, soprattutto se i pazienti fanno parte della stessa cultura.

Vi sono infatti molte storie che narrano di una forte connessione e impatto tra la psiche del terapeuta e quella del paziente.

Di queste storie, verrà presentata quella di uno psichiatra, 53enne, che stava vivendo un momento difficile con la propria moglie; la coppia si era infatti separata e quasi divorziata.

La sua paziente, che riceveva già da diversi anni, aveva più o meno la stessa età della moglie e i loro nomi erano molto simili: Maria e Mary.

Anche i problemi con suo marito sembravano simili; nel corso degli anni infatti, sia il marito della paziente, così come il terapeuta, erano stati molto impegnati sul posto di lavoro.

Il terapeuta si diceva spesso “ho dato tutto per il lavoro, ma non ho nulla da dare a casa”, e questa riflessione nasce nel momento in cui la paziente riporta del marito, un avvocato, più o meno lo stesso pensiero.

Un altro parallelismo si è verificato quando un giorno la paziente telefonò in lacrime il terapeuta lamentandosi dell’assenza del marito al funerale della madre, del fatto di non essere stato con lei in ospedale durante gli ultimi giorni di vita della madre, e infine per averla lasciata il giorno successivo al funerale per partire in viaggio con degli amici.

La paziente trascorse quindi sola il giorno successivo alla morte della madre. A tal proposito la donna disse “è come se vivesse solo, non ci arriva!”.

Questa frase fece riaffiorare nel terapeuta un’esperienza già vissuta, proprio perché la moglie utilizzò più o meno le stesse parole per richiamare la sua attenzione.

Anche il terapeuta infatti, “abbandonò” la moglie il giorno successivo ad un intervento chirurgico perché aveva già prenotato un viaggio di affari.

La lotta vissuta dalla paziente, lo aiutò così a comprendere meglio le cose, a vederle in maniera più chiara, e probabilmente gli permise anche di aiutare meglio la paziente nel risolvere i suoi problemi con il marito.

Attraverso il suo paziente, il terapeuta aveva capito, più profondamente, quanto aveva trascurato la moglie e danneggiato il loro rapporto.

Psicologi in evidenza
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662

La coincidenza riguardo alle età e allo status socio-economico, che erano abbastanza simili, determinavano un pensiero automatico rispetto al fatto che tali similitudini potevano verificarsi anche rispetto all’esito finale.

Pertanto il terapeuta aveva ora la possibilità di lavorare su dinamiche a lui già conosciute per cercare di promuovere un funzionamento più adattivo.

Passando ora ad un altro paziente, il terapeuta riceve un uomo sposato che si presenta per il trattamento di una depressione legata ad una grave malattia medica della figlia.

Nella fase di consultazione iniziale con il paziente diventa chiaro che questo condivida delle storie molto simili con il terapeuta: innanzitutto hanno la stessa età, sono sposati dagli stessi anni, hanno figlie nate a distanze di un mese l’una dall’altra, ognuna delle loro figlie è nata con un grave difetto congenito che ha messo in pericolo le loro vite, ed entrambi sono molto preoccupati per la prognosi a lungo termine delle rispettive figlie.

Mentre ascolta la storia, il terapeuta inizia a piangere, rivelando al paziente i parallelismi coincidenti che coinvolgono i loro figli.

Il paziente, da canto suo, intuisce quindi che il terapeuta non è solo un esperto di come funzione la mente umana, ma viene anche a conoscenza di una importante parte della sua esperienza di vita che è molto simile alla sua.

Secondo Bion,  il concetto di terapeuta come specchio del paziente, e del paziente come specchio che rimanda al terapeuta il suo modo di funzionare, solidifica il rapporto terapeutico.

Ovviamente alcuni parallelismi che si riscontrano in terapia non sono così profondi ed emotivi; a volte infatti questi assumono il “ruolo” di svolta semplice e pragmatica.

A tal proposito, l’autore presenta la storia di uno psichiatra che si era slogato la caviglia; il suo chirurgo ortopedico fece degli accertamenti e disse che non era niente di che.

Alcuni mesi più tardi, avvertendo ancora dolore, un suo collega di tennis gli suggerì di andare da un fisioterapista per la riabilitazione di nome Bart.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Il terapeuta, inizialmente ignorò il suggerimento; poco dopo, ricevette un paziente e durante il racconto asserì di essere da poco guarito da una distorsione alla caviglia.

Il paziente indossava inoltre le stesse scarpe da tennis che indossava il terapeuta quando aveva sofferto di dolori alla caviglia.

Chiese successivamente al paziente da chi fosse andato per la riabilitazione e questo rispose “da Bart”. Il terapeuta ricevette così il messaggio e si recò dal fisioterapista per iniziare un percorso riabilitativo.

Le coincidenze che coinvolgono le scarpe da tennis e lo stesso fisioterapista non sono poi così sorprendenti. La tempistica lo è: il terapeuta aveva bisogno di un messaggio che lo spingesse all’azione.

I terapeuti sono ovviamente persone; è indubbiamente vero che sono costantemente concentrati sulla condizione umana in modo tale da poter essere sempre più utili, ma a volte sono proprio i pazienti a divenire i loro maestri.

“Essere terapeuti è l’unico modo di restare in terapia senza essere però pazienti!”

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 6189 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.