Pubblicità

La memoria musicale nella demenza di Alzheimer

La malattia di Alzheimer (AD) è la causa più comune di demenza nella popolazione anziana dei paesi occidentali. I malati di AD sono oltre 6,4 milioni in tutta Europa e il numero raddoppierà entro il 2050.

malattia di alzheimerLa malattia di Alzheimer è definita un “processo degenerativo che distrugge progressivamente le cellule cerebrali, determinando nel malato un lento e graduale deterioramento delle capacità cognitive ( memoria, attenzione, linguaggio, pensiero), della personalità e della vita di relazione, rendendo la persona, a poco a poco, incapace di una vita autonoma”.

A livello neurologico macroscopico, la malattia è caratterizzata da una diminuzione nel peso e nel volume del cervello, dovuta ad atrofia corticale, visibile anche in un allargamento dei solchi e corrispondente appiattimento delle circonvoluzioni.

A livello microscopico e cellulare, sono riscontrabili placche senili (dette anche placche amiloidi), ammassi neurofibrillari, angiopatia congofila (amiloidea).

Nel 2001 l’America Accademy of Neurology ha indicato la musicoterapia come una tecnica per migliorare le attività funzionali e ridurre i disturbi del comportamento nel malato di Alzheimer. Ciò è possibile perché la musica sembra rivelarsi una via di accesso privilegiata; come sostiene Oliver Sack, , “la musica si imprime sul cervello più di qualsiasi altra esperienza umana ed evocando le emozioni porta con sé anche la memoria”.

cervello con alzheimer

Una delle tecnica utilizzate è la stimolazione del paziente attraverso la “musica popolare” con lo scopo di mantenere attiva la memoria, di accrescere la produzione linguistica e di tranquillizzare il malato.

I pazienti vengono stimolati attraverso la musica, vengono utilizzati sempre gli stessi brani al fine di agevolare la memorizzazione e il ricordo. Il lavoro avviene attraverso la ricostruzione della canzone in tutte le sue parti, vengono analizzati ritmo, melodie e testo. Lavorare sempre con canzoni che i pazienti conoscono, che fanno parte del loro bagaglio culturale, permette di far riaffiorare il loro passato. Nel cantare una canzone i malati ritrovano le loro origini, i ricordi, le emozioni, i vissuti e gli stati d’animo delle esperienze più significative della loro vita.

Il celebre neurologo Oliver Sacks ha raccontato il suo lavoro con i pazienti affetti da demenza e in particolar modo dalla demenza di Alzheimer; celebre è il caso di Hanry che nell’ambito del progetto ‘Alive Inside’ (‘Vivi dentro’ ), è stato coinvolto in un esperimento, il neurologo ha deciso di far ascoltare al paziente Hanry la 'sua musica' attraverso delle cuffie ed ha evidenziato come reagiva positivamente ai brani a lui famigliari. Sacks sosteneva ” È davvero sorprendente vedere persone assenti e cupe reagire immediatamente alla musicoterapia o a una canzone familiare. All'inizio sorridono, poi in qualche modo tengono il ritmo e alla fine lo seguono. In un certo senso riconquistano quel periodo delle loro vite e quella identità che avevano quando hanno ascoltato la canzone per la prima volta”.

Questo esperimento è valido per tutti, non c'è bisogno che una persona sia particolarmente musicale per rispondere alla musica, per riconoscere la musica, per reagire alla musica in modo emotivo.

Un paziente ricorderà sempre le canzoni che ha ascoltato e cantato, e così una musica che riconosce familiare. Tutto questo è possibile perché le aree del cervello che reagiscono alla musica sono molto vicine alle parti del cervello che interessano la memoria, l'emozione e l'umore. Per questo le canzoni familiari riportano indietro i ricordi, probabilmente, del momento in cui quella musica è stata ascoltata per la prima volta. Tutto quello che si è perso con l'amnesia riemerge.

Per concludere si possono riassumere due grandi aspetti della musica che ritroviamo anche nei pazienti affetti da demenza, il primo aspetto è la capacità di agire sul tono dell’umore in quanto l’effetto rilassante della musica, che è stato sperimentato da ciascuno di noi, è così forte e prevedibile che molti lo utilizzano (in casa, in automobile) per ritrovare tranquillità e recuperare una dimensione meno convulsa della vita. Come si è visto questo aspetto è rilevabile anche con i pazienti di Alzheimer in quanto l’ascolto della musica porta piacere e benessere. Il secondo aspetto a è il forte potere mnestico, il riascolto di un brano musicale può evocare con molta precisione un episodio della vita, ricomponendo nella nostra mente non soltanto le caratteristiche temporali e spaziali dell’episodio stesso, ma anche lo stato d’animo che caratterizzava quella circostanza. Intorno a una struttura melodica, armonica, ritmica, timbrica, si ricostituisce il ricordo nella sua complessità cognitiva ma anche emozionale.

 


Per approfondimenti
  • Dementia in Europe, yearbook 2006. Alzheimer Europe
  • Musicoterapia e demenza Musictherapy and dementia D. Villani, A. Raglio Istituto Ospedaliero di Sospiro (CR)
  • Oliver Sacks: I Casi di Alzheimer e il potere della musica.
  • Traduzione di un breve intervento realizzato nel 2008 da Oliver Sacks in occasione dell'uscita di Musicofilia. (Adelphi).

 

Articolo a cura della Dottoressa Angela Chiara Leonino

 

 

  |   Letto: 5865 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicologia geriatrica

La psicologia geriatrica svolge un ruolo fondamentale nella salute degli anziani aiutandoli ad affrontare e comprendere le malattie che li riguardano emotivamente e fisicamente. La gerontologia è lo studio psicologico di come il processo di invecchiamento influenza la nostra vita mentale, fisica e per...

Demenza e cancro: due facce della stessa medaglia?

Nell'articolo pubblicato nella rivista “Lancet” si è osservato che sia la demenza che la maggior parte dei tumori sembrerebbero generarsi a partire da alcuni fallimenti del corpo e del cervello di apprendere e rigenerarsi. Secondo recenti ricerche, la demenza e il cancro hanno molte cose i...

Tumore al Seno

“Non esiste il cancro, ma un soggetto affetto da cancro”Riccardo Torta (1997) Tumori ed ereditarietà Il carcinoma mammario è la prima neoplasia che colpisce le donne sotto i 45 anni, l’Associazione Italiana Registro Tumori, AIRTUM, ha stimato che in Italia vi sono ogni anno circa 47.000 nuovi casi ...

Le nuove slot machine per bambini. Giochi pericolosi oppure no?

La grande industria, con la diffusione dei nuovi mezzi elettronici come smartphone e tablet, ha creato nuovi giochi per bambini che possono essere scaricati facilmente ed utilizzati senza limiti: le slot machine virtuali. Questi giochi, apparentemente innocui, possono creare dipendenza e agevolano il diffond...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.