Pubblicità

La mia esperienza di schizofrenia. Intervista a Stefano Lasagna

cop_orchidea_polonordxsito
La schizofrenia è una malattia molto particolare che crea ancora, sia in chi la vive come “protagonista” che in chi la subisce come “spettatore partecipe”, grandi problematicità e marcate reazioni personali e sociali.

La reazione “matura” di Stefano Lasagna alla patologia schizofrenica della madre Francesca è stata quella di volerne sapere di più, capire, entrare nel profondo dei problemi, parlarne. E da questa reazione è nato un libro, intenso, pieno di ricordi, di voglia di sapere e di voglia di fare, un libro doloroso che, con uno specifico intento divulgativo e “didattico”, vuole però essere un grande atto d’amore nei confronti della madre e del rapporto che con lei si è instaurato, in particolare dopo l’esplosione della sua malattia.

 

“Un’orchidea al Polo Nord. Storia di una schizofrenia” (Edizioni Psiconline, 2011) nasce così. Dal desiderio di parlare e far capire ad altri la propria esperienza, le ansie, il dolore ma anche la voglia di andare oltre non fuggendo ma agendo, con tutto l’affetto e la comprensione possibili nei confronti di una patologia così lacerante.

Questa idea di “parlarne” ci ha colpiti e ci ha spinto a volerne capire di più cercando, in un intenso colloquio con l’autore, la radice profonda del libro.

La cordiale disponibilità di Stefano Lasagna traspare dalla puntuale e generosa volontà di dedicarci un pò del suo prezioso tempo di giovane psicologo, marito, figlio e papà, nel fare due chiacchiere con noi.

 

Inutile dire che parlarne è parlare della sua vita, su cui ironizza dicendo che non ormai non c’è più nulla che non si sappia già.

Ne siamo sicuri? Ascoltiamolo..

Psiconline
Cos’è, secondo la sua esperienza, la schizofrenia?

Stefano Lasagna
Come psicologo considero la schizofrenia una grave patologia psichiatrica, a eziologia tuttora ignota, per diagnosticare la quale, deve essere riscontrabile un ben preciso cluster di sintomi prolungati nel tempo (vedi D.S.M. IV tr.).
La schizofrenia nella quale mi sono imbattuto per esperienza personale è quella di mia madre e, così come ogni persona è unica nella sua individualità, lo è anche la malattia della sua anima.
Per quanto riguarda mia madre, a volte penso che la sua follia sia stata il solo modo possibile per sottrarsi ad una realtà nella quale era come imprigionata. Realtà alla quale la sua vera natura non riusciva in nessun modo ad adattarsi.
Poi, capire se la definizione di realtà sia più appropriata per l’ambiente sociale, affettivo e culturale che ci circonda, o per la natura della quale siamo fatti, è una domanda alla quale risponde da sola la natura, ogni volta che si ribella ai nostri maldestri tentativi di controllarla senza prima conoscerla.

In che modo ha influito sulla sua vita l’esperienza della malattia di sua madre Francesca?

All’inizio l’idea dominante era quella di averla persa, poi sono sopraggiunti l’esigenza di capire e il percorso verso la comprensione, tutt’ora in corso, il quale si è rivelato uno stimolo continuo che credo mi abbia aiutato non poco a sconfiggere la disperazione e la rabbia iniziali, originate anche dal punto di osservazione del problema (è difficile comprendere gli altri se prima non comprendiamo noi stessi).

Come affronterebbe oggi questa stessa esperienza di vita? (Cosa rifarebbe e cosa no).

Mi auguro sinceramente di non rivivere più nulla di simile ma, col senno di poi, penso che l’errore che eviterei di fare sia quello di oppormi ai deliri, cercando di dimostrarne l’infondatezza con la logica, anziché ascoltarli attentamente, perché sono forse l’unica via di accesso ancora disponibile per entrare in contatto con chi soffre.

Francesca_diciottenne
Che “consigli”, se ne esistono, darebbe a chi sta vivendo una condizione familiare simile?

Il consiglio che mi sento di dare a chi si trova ad affrontare una situazione di malattia mentale in famiglia, è quello di non lasciarsi, in alcun modo, influenzare dallo stigma sociale che grava per ignoranza e superficialità sulle malattie mentali. Ciò finirebbe per rendere ancora più dolorosa una realtà alla quale comunque non ci si può sottrarre. Poi, per chi ne sentirà l’esigenza, un percorso di comprensione confronto, può a mio avviso rivelarsi molto utile.
Personalmente ho vissuto questa esperienza come figlio, altri la vivono come genitori, compagni o fratelli e sono tutte situazioni molto diverse tra loro, per le quali penso sia impossibile dare consigli generalizzati.
C’è poi una frase famosa che dice: “dà buoni consigli chi non può più dare cattivo esempio” e non è ancora il mio caso.

In che modo spera che questo libro possa essere utile a chi vive una situazione simile?

Ho vissuto sulla mia pelle il disagio dell’isolamento volontario, causato dal timore che nessuno potesse capire la mia frustrazione e i miei pensieri. Poi, quando ho iniziato a documentarmi leggendo storie di schizofrenia narrate da altri, mi sono sentito improvvisamente meno solo e ne ho tratto il beneficio che si trae da un confronto vero e proprio, sentendo di seguito il bisogno di scrivere la mia storia.
Spero semplicemente che la lettura del libro possa far sentire meno sole altre persone che vivono situazioni simili.

Dal libro traspare uno sguardo amorevole e rispettoso nei confronti di quanto è accaduto a sua madre; è frutto della sua spiccata sensibilità o del cammino complesso fatto nella sua vita?

Da mia madre ho imparato ad amare gli altri per quello che sono: così lei mi ha amato e così forse, la parte più vera di lei avrebbe voluto essere amata. Lo sguardo amorevole e rispettoso che ho per nei suoi confronti è dato semplicemente da ciò che provo per lei, che è e sarà sempre una parte di me! Questo amore è anche senza dubbio la fonte di energia che ha alimentato, in tutti questi anni, la mia voglia di capire.

Chi è Stefano Lasagna oggi?

Oggi Stefano Lasagna è un quasi cinquantenne giovane dentro e da poco laureato, che da grande vorrebbe fare lo psicologo, ma soprattutto è un padre che spera di non fare troppi danni!

Tratto da EdizioniPsiconlineBlog

  |   Letto: 6586 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.