Pubblicità

La musica ha effetti potenti (e visibili) sul cervello.

Cosa ci succede quando ascoltiamo la musica?


musica peferitaNon importa se si tratta di Bach, Beatles, Brad Paisley o Bruno Mars.


La nostra musica preferita innesca un tipo di attività specifica nel cervello, che è simile a quella delle altre persone
.

Questa è una delle cose che il Dott. Jonathan Burdette ha trovato nella ricerca sugli effetti che ha la musica sul cervello.

Psicologi in evidenza
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

La musica è primordiale. Essa coinvolge tutti noi, ma in modi unici ed assolutamente personali”, ha spiegato lo studioso, neuroradiologo presso il Wake Forest Baptist Medical Center. "La vostra interazione con la musica è diversa dalla mia, ma è comunque potente”.

Il cervello ha una reazione quando ci piace, o no, qualcosa, compresa la musica. Siamo stati in grado di constatare come ciò che ‘non piace’ si differenzia da ciò che ‘piace’ ed è molto diverso da ciò che è  ‘preferito’”.


Lo studio.


Per studiare come le preferenze musicali potrebbero influenzare la connettività funzionale del cervello (cioè le interazioni tra aree separate), il Dott. Burdette ed i suoi colleghi hanno utilizzato la Risonanza Magnetica Funzionale (fMRI), la quale ricostruisce l’attività cerebrale rilevando i cambiamenti nel flusso sanguigno.

In particolare, sono state eseguite le scansioni di 21 persone, le quali riferivano quali canzoni piacevano loro, o no, tra cinque generi (classica, country, rap, rock e opera cinese) e ne indicavano una come loro preferita.

Queste scansioni hanno mostrato un modello coerente tra i diversi soggetti: le preferenze degli ascoltatori, non il tipo di musica che ascoltavano, ha avuto il maggior impatto sulla connettività cerebrale – soprattutto su un circuito del cervello noto per essere coinvolto nel focalizzarsi internamente su pensiero, empatia ed auto-consapevolezza.

Questo circuito, chiamato “Default Mode Network”, non era ben collegato quando i partecipanti ascoltavano la musica che non gradivano, si collegava in parte quando essi udivano canzoni ritenute gradevoli ed era completamente connesso quando venivano trasmesse le loro preferite.

Dato che le preferenze musicali sono fenomeni unicamente individualizzati, e che la musica può variare nella complessità acustica e nella presenza o assenza di testo, la coerenza dei nostri risultati era inaspettata”, hanno affermato i ricercatori. “Questi risultati possono spiegare perché stati emotivi e mentali simili possono essere vissuti in egual misura da persone che ascoltano brani molto diversi tra loro, come quelli di Beethoven ed Eminem”.

Gli studiosi hanno scoperto, inoltre, che l’ascolto delle canzoni preferite ha alterato la connettività tra le aree cerebrali uditive ed una regione responsabile della memoria ed il consolidamento emotivo sociale.

Ci sono probabilmente alcune caratteristiche della musica che ci fanno sentire in un certo modo, ma è la nostra esperienza con essa che è decisiva”, ha aggiunto il Dott. Burdette. "Le nostre associazioni con una certa canzone coinvolgono diverse parti del cervello e sono molto forti.
In alcuni casi, vi potrebbe anche non piacere quel determinato brano, ma lo preferite lo stesso ad altri per i ricordi o le emozioni che avete associato ad esso”.


Considerazioni aggiuntive.


Trovo questo tipo di lavoro affascinante perché penso che la musica sia tanto importante”, ha commentato il Dott. Burdette. “Se la scienza potrà permettere alle persone di riconoscere ciò che essa fa e dà a noi, questo sarà un grande apporto per il trattamento di alcuni disturbi e per garantire il benessere degli individui

Psicologi in evidenza
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330

La musica non ha intenzione di curare qualsiasi cosa, ma sicuramente può svolgere un ruolo terapeutico”, ha aggiunto lo studioso.

In molti Paesi, ormai, la Musicoterapia è una parte integrante del processo di riabilitazione per persone che hanno avuto ictus, interventi chirurgici o lesioni cerebrali traumatiche.

Se state cercando di ripristinare la neuroplasticità del cervello, per ristabilire alcune delle connessioni che erano lì prima di un infortunio, la musica può essere di grande aiuto. Essa dovrebbe essere usata in modo più ampio”, ha osservato il Dott. Burdette.

Si può vedere concretamente la potenza della musica”, ha concluso lo studioso. “I pazienti si accendono quando iniziano a sentire delle canzoni.
Ciò è qualcosa di straordinario!
Che altro si può fare?”.        

 

 

Fonte: Wake Forest Baptist Medical Center

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 1088 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Storia della Psicoterapia Breve Corporea PBC

Secondo il modello della Psicoterapia Breve Caratteroanalitica di Xavier Serrano Hortelano “La brevità è l’anima della saggezza”.Shakespeare, Amleto (atto II, scena II) 1. Introduzione Prima di definire i contorni della Psicoterapia Breve Corporea – PBC Caratteroanalitica, secondo il modello di X...

Psicoterapia psicoanalitica

La scuola psicoanalitica nasce grazie alle teorie elaborate da Freud. La psicoanalisi si propone come obiettivo non tanto l’interpretazione degli aspetti cognitivi e fisiologici del comportamento umano, bensì lo studio e l’analisi di tutte le manifestazioni motivazionali e dinamiche, che sono meno e...

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.