Pubblicità

La neurochimica della felicità

La vita del corpo umano è stata “progettata” per produrre  un’esperienza felice. La biologia evolutiva assicura che tutto il necessario per la nostra sopravvivenza ci fa sentire bene.

neurochimica felicitàTutti gli animali cercano il piacere ed evitano il dolore; a tal proposito, il nostro cervello produce una serie di sostanze neurochimiche che trasformano le attività e le lotte della vita in piacere e ci fanno sentire felici quando riusciamo a ottenerle.

Questo disegno biologico è generoso, ma pone anche molti limiti “dormienti”; nel presente articolo si cercherà quindi di analizzare le sette molecole del cervello legate alla felicità e di offrire quelle semplici vie quotidiane da seguire per innescare il loro rilascio.

Alcuni ricercatori sottolineano come attraverso un’attività fisica quotidiana e altre scelte di vita abbiamo il potere di renderci felici.

Uno degli effetti collaterali di vivere un’era digitale è che siamo sempre più sedentari e tendiamo a procrastinare tali impegni quotidiani.

La nostra biologia è “a corto circuito”; l’equilibrio delle sostanze neurochimiche che si sono evolute per millenni è stata improvvisamente interrotta dall’attuale vita moderna, la quale ci rende più inclini a sviluppare ansia, depressione e un malcontento generale.

Le aziende farmaceutiche sono desiderose di regolare questo squilibrio con una pillola; in questo caso, invece, l’obiettivo è quello di prescrivere semplici scelte di vita e cambiamenti comportamentali che possono migliorare la nostra vita chimica cerebrale, con il fine ultimo di sentirci meglio e massimizzare il potenziale umano.

Il nostro corpo produce centinaia di sostanze neurochimiche di cui, solo una piccola parte, sono state però identificate dagli scienziati. È difficile che nel corso della nostra vita riusciremo a scoprire come esattamente tutte queste molecole lavorano.

Albert Einstein credeva che “tutto dovrebbe essere reso il più semplice possibile, ma non più semplice”. Sulla base di questa filosofia, verranno ora descritte sette molecole del cervello abbinata alle descrizioni generali di come ciascuna è collegata ad una sensazione di benessere.

Endocannabinoidi

Con il termine endocannabinoide si fa riferimento ad una classe di lipidi bioattivi, che hanno la capacità di legarsi ai recettori cannabinoidi, rispettivamente CB-1 e CB-2.

L’anandamide, dal sanscrito “Ananda” che significa beatitudine, è il più noto tra gli endocannabinoidi. È interessante notare che sono almeno 85 i diversi cannabinoidi che sono stati isolati dalla pianta di cannabis. Il presupposto è che ognuno di questi possa produrre percezioni diverse e alterare lo stato di coscienza in vari modi.

È probabile che si auto-producano altrettante varianti di endocannabinoidi, ma ci vorranno diversi decenni per consentire ai neuroscienziati di isolarli.

Uno studio condotto presso la University of Arizona, sostiene che gli endocannabinoidi sono, molto probabilmente, connessi ad un’elevata capacità di correre.  È come se per l’organismo correre sia piacevole quanto assumere marijuana.

Lo studio dimostra che gli esseri umani e i cani mostrano un aumento significativo di endocannabinoidi successivamente ad una corsa sostenuta.

Lo studio non affronta il potenziale contributo delle endorfine nel corridore; tuttavia, in altre ricerche in cui ci si è focalizzati sulla barriera ematoencefalica, è stato dimostrato che le molecole endorfiniche sono troppo grandi per passare liberamente attraverso tale barriera, e probabilmente non sono responsabili per lo stato di felicità associato alla corsa.

Dopamina

La dopamina è responsabile del comportamento di ricompensa e di ricerca del piacere; ogni tipo di comportamento associato alla ricerca o alla ricompensa che è stato studiato aumenta il livello di trasmissione di dopamina nel cervello.

Molte sostanze che producono assuefazione, come la cocaina e metamfetamine, agiscono direttamente sul sistema della dopamina. La cocaina blocca il reuptake di dopamina, lasciando questi neurotrasmettitori nella fessura sinaptica più a lungo.

Ci sono prove che soggetti con personalità estroverse o disinibite tendono ad avere livelli più elevati di dopamina rispetto alle persone con caratteristiche di introversione.

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

Ossitocina

L’ossitocina è un ormone direttamente collegato al legame umano ed aumenta la fiducia e la fedeltà verso l’altro. In alcuni studi, si è osservato che alti livelli di ossitocina sono risultati correlati all’attaccamento romantico.

Alcuni studi mostrano che se una coppia è separata per un lungo periodo di tempo, la mancanza di contatto fisico riduce l’ossitocina e guida la sensazione di desiderio di legarsi con quella persona. Vi è però un certo dibattito sul fatto che l’ossitocina abbia lo stesso effetto sugli uomini, rispetto alle donne.

Negli uomini, la vasopressina può effettivamente sostituire l’ossitocina, intesa come “molecola del legame”, ma ciò che è indiscusso è che il contatto pelle a pelle, il fare l’amore e l’intimità siano fondamentali per sentirsi felici.

In un mondo cibernetico, dove siamo spesso “insieme da soli” sui nostri dispositivi digitali, è bene sapere quanto sia indispensabile mantenere legami umani intimi, faccia a faccia, per favorire un rilascio di determinate sostanze a livello cerebrale.

Lavorare in una palestra, in un ambiente di gruppo o avere un compagno di jogging è un ottimo modo per sostenere tali legati e rilasciare ossitocina.

Endorfine

Il termine endorfine si traduce spesso in “morfina auto-prodotta”; queste somigliano agli oppiacei nella loro struttura chimica e hanno proprietà analgesiche.

Le endorfine sono prodotte dalla ghiandola pituitaria e l’ipotalamo durante lo sforzo fisico, i rapporti sessuali e il raggiungimento dell’orgasmo.

L’inserire tali attività all’interno della propria vita, sicuramente produce dei vantaggi, proprio perché regola e mantiene il rilascio di endorfine.

Le endorfine risultano inoltre diminuire la sensazione di dolore durante l’esercizio aerobico e sono prodotte in grandi quantità durante allenamenti anaerobici e durante attività di sforzo cardiovascolare.

Recentemente alcuni ricercatori clinici hanno riferito che l’inserimento di aghi di agopuntura in specifici punti del corpo innesca la produzione di endorfine.

In un altro studio, i livelli più elevati di endorfine sono stati trovati nel liquido cerebrospinale dopo che i pazienti si erano sottoposti ad agopuntura; questa appare quindi come modalità ottimale per stimolare il rilascio di endorfine.

GABA

Il GABA è una molecola inibitoria che rallenta la “cottura” dei neuroni e determina così uno stato e senso di calma. È possibile aumentare la produzione del GABA in maniera naturale attraverso pratiche quale yoga e meditazione.

Da un punto di vista farmaceutico le benzodiazepine, come il Valium o lo Xanax, sono sedativi che funzionano come farmaco anti-ansia, aumentando la produzione e il rilascio del GABA.

Questi farmaci hanno molti effetti collaterali e rischi di divenirne dipendenti, ma sono ancora ampiamente prescritti.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275

In uno studio pubblicato dal “Journal of Alternative and Complementary Medicine”  si è osservato un aumento del 27% di GABA tra i praticanti di yoga, dopo una sessione di yoga di 60 minuti, rispetto a soggetti che hanno letto un libro per 60 minuti. Lo studio suggerisce pertanto che lo yoga potrebbe aumentare naturalmente i livelli di GABA.

Serotonina

La serotonina svolge così tanti ruoli diversi nel nostro organismo che è davvero difficile etichettarli. Per motivi di applicazione pratica verrà chiamata “molecola della fiducia”. In definitiva il legame tra un’elevata serotonina e una perdita della sensibilità al rifiuto, permette alle persone di mettersi in situazioni che rafforzeranno l’autostima, aumenterano i sentimenti di dignità e creeranno un senso di appartenenza.

Per aumentare la serotonina, è bene operare regolarmente dei cambiamenti, sfidare se stessi e perseguire le cose che rafforza il significato, lo scopo e la realizzazione.

Essere in grado di dire “l’ho fatto” produrrà un loop di feedback che rinforzano i comportamenti che sviluppano l’autostima e generano meno insicurezza, creando una spirale ascendente di serotonina.

Una varietà di antidepressivi sono i cosiddetti Inibitori selettivi del re-uptake della serotonina (SSRI), come ad esempio il Prozac, Celaxa, Lexapro, Zoloft e via dicendo.

La principale indicazione per tali farmaci è la presenza di una depressione clinica, ma vengono spesso utilizzati anche per disturbi d’ansia, disturbi di panico, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbi alimentari, dolore cronico e disturbo da stress post-traumatico.

Il loro nome deriva dall’azione svolta all’interno del cervello, in quanto agiscono mantenendo più a lungo la serotonina all’interno della fessura sinaptica e questo dovrebbe universalmente rendere le persone che hanno preso tali farmaci più felici.

In teoria, se la serotonina fosse l’unico responsabile delle alterazioni neurochimiche della depressione, questi farmaci potrebbero funzionare per tutti.

Tuttavia, molte persone non rispondono a tali farmaci, ma bensì a quelli che agiscono sui sistemi GABAergici, dopaminergici e noradrenergici.

Gli scienziati non hanno ancora ben compreso il ruolo della serotonina nei disturbi dell’umore; inoltre, il fatto che attraverso l’assunzione di tali farmaci, bastano solo alcune settimane per favorire un ripristino della serotonina, è possibile che essi producano anche un effetto sulla neurogenesi, favorendo così la crescita di nuovi neuroni.

Questi risultati dimostrano come gli antidepressivi lavorino nel cervello di ogni persona in modo diverso e ciò non è ancora stato pienamente compreso o analizzato dagli scienziati o i ricercatori.

Adrenalina

L’adrenalina, tecnicamente nota come epinefrina, gioca un ruolo importante nella regolazione dei meccanismi di lotta o fuga. Il rilascio di adrenalina è esilarante e crea un impulso di energia.

L’adrenalina provoca un aumento della frequenza cardiaca, pressione sanguigna e agisce stimolando meno  vasi sanguigni, ma aumentando il flusso di sangue ai muscoli più grandi.

Un Epi-Pen è un “colpo” di epinefrina utilizzato nel trattamento delle reazioni allergiche acute. L’adrenalina “arriva” nei momenti di difficoltà o di fronte a situazioni elicitanti paura.

Essa può essere attivata su richiesta per affrontare delle cose che spaventano o essere rilasciata in situazioni che si avvertono come pericolose.

È inoltre possibile creare una breve scarica di adrenalina facendo brevi respiri rapidi e contraendo i muscoli. Questa scossa può essere sana in piccole dosi, soprattutto quando è necessario un innalzamento di essa.

L’adrenalina può essere anche letta come antidoto per la noia e il senso di malessere; l’assumersi dei rischi o fare delle cose che spaventano in misura lieve rappresentano la chiave per massimizzare il potenziale umano.

Volendo concludere, non esiste un percorso univoco quando si tratta di creare un equilibrio neurochimico che correla ad un senso di felicità.

Si potrebbe però consultare questo elenco, intendendolo come una lista di controllo rudimentale atto a creare un inventario delle vostre abitudini quotidiane e per mantenere la vostra vita equilibrata.

Focalizzando l’attenzione sulle scelte di vita che secernono ciascuna di queste sostanze neurochimiche potrete aumentare le vostre probabilità di felicità su tutta la linea.

 

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 2501 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.