Pubblicità

La Paralisi del sonno: uno stato di coscienza terrificante

Avete mai provato l'angosciante sensazione di rimanere "paralizzati" nel sonno? I risultati di vari studi provenienti dal mondo anglosassone hanno individuato i potenziali fattori di rischio di quella che in termini tecnici viene definita "Paralisi del sonno".

paralisi del sonno“Sono sveglio nel letto… nell’angolo della stanza ci sono due uomini. Non li posso vedere, ma so che ci sono e come sono fatti. Li posso sentire parlare. Stanno parlando della morte. Non mi posso muovere. Uno degli uomini si avvicina e si mette direttamente su di me… Sputa ed il suo sputo finisce sull’orbita del mio occhio chiuso. Posso sentire l’impatto, il bagnato, la scia di bava.”

Questa potrebbe sembrare una scena tratta da “X-Files”, ma è, invece, il racconto di un’esperienza reale, raccolta durante un progetto sulla Paralisi del sonno, rara condizione per la quale ci si sveglia nella notte, incapaci di muoversi, accompagnata, spesso, da un’ampia gamma di allucinazioni bizzarre e spaventose.

Gli episodi di Paralisi del sonno avvengono, tipicamente, nelle prime ore della notte, quando ci si sta addormentando, oppure verso la fine, quando ci si sta svegliando.
Ci sono tre categorie di allucinazioni:

  •  “allucinazioni dell’intruso”: consistono nella sensazione di una presenza demoniaca nella stanza;
  •  “allucinazioni dell’incubo”: spesso accompagnano le prime e sono caratterizzate da sensazioni di pressione sul petto e di essere soffocati;
  •  “allucinazioni vestibolari- motorie”: tipicamente non si manifestano con le altre due e consistono in “esperienze di movimento illusorio”, come il galleggiare sul letto.

Questa condizione è più comune di quel che si possa pensare. In un recente studio effettuato in Gran Bretagna, circa il 30% dei partecipanti ha affermato di aver vissuto almeno un episodio di Paralisi del sonno nella loro vita, mentre una percentuale più bassa, circa l’8% degli 862 partecipanti, ha riferito episodi più frequenti. Una rassegna sistematica di più di 30 studi, condotti in diversi Stati ha riportato, invece, una stima più prudente, pari a circa il 10%.

La Paralisi del sonno rappresenta un sintomo comune della Narcolessia, un disturbo del sonno, che agisce sulla capacità del cervello di regolare un normale ciclo sonno- veglia. Inoltre, sembra essere più frequente in alcune condizioni psichiatriche, in particolare il Disturbo Post Traumatico da Stress, e nei pazienti con Disturbo di Panico, anche se diversi individui che ne soffrono non presentano alcuna condizione psichiatrica o neurologica.

Fattori di rischio

In uno studio recente, abbiamo cercato i potenziali fattori di rischio ed abbiamo trovato che eventi di vita stressanti, ansia e qualità del sonno avevano tutti una certa rilevanza. Ciò è confermato da altri studi, che mostrano che quelle persone che hanno un sonno interrotto o irregolare, come i lavoratori che fanno i turni, hanno un rischio più alto di essere affetti da Paralisi del sonno.
Abbiamo indagato, inoltre, se la genetica avesse un ruolo nell’eziologia di questo disturbo, confrontando la frequenza del disturbo nei gemelli monozigoti, che condividono quasi il 100% dei loro geni, con la frequenza nei gemelli dizigoti, che condividono, in media, circa il 50% dei loro geni. Abbiamo trovato che c’era, effettivamente, un collegamento genetico. La nostra ricerca afferma, in più, che una particolare variazione, in un gene coinvolto nella regolazione del nostro ciclo sonno-veglia, potrebbe essere associata con la Paralisi del sonno, ma sono necessari ulteriori studi per confermarlo.

Studi di laboratorio

Ogni notte, noi passiamo attraverso una serie di differenti stadi del sonno (guarda la figura sotto). Dopo esserci addormentati, passiamo dagli stadi 1 a 3, durante il quale si cade in un profondo livello di incoscienza, chiamato, comunemente, sonno non-REM. Dopo essere tornati allo stadio 1, entriamo nel periodo di sonno REM (Movimento Rapido degli Occhi), che è importante per una serie di ragioni.soremIl sonno REM è un periodo di attività cerebrale accresciuta, caratterizzato da sogni vividi, durante il quale i nostri muscoli sono completamente paralizzati (a parte gli occhi ed il sistema respiratorio). È stato scoperto che questo meccanismo di paralisi serve a non farci agire i nostri sogni, in base a quanto emerse in quei rari casi in cui questa veniva a mancare ed i pazienti agivano fisicamente il contenuto dei loro sogni.

Un gruppo di ricercatori giapponesi, di recente, è riuscito ad indurre degli episodi di Paralisi del sonno, deprivando i partecipanti del sonno REM. Essi hanno rilevato che, se interrompevano a sufficienza i periodi REM, i soggetti sarebbero entrati, alla fine, nel cosiddetto “Sudden Onset REM” (SOREM), ovvero il passaggio diretto dalla veglia al sonno REM, bypassando gli altri stadi (linea tratteggiata nella figura). È stato trovato che, come conseguenza di questi periodi SOREM, i partecipanti avevano più possibilità di vivere un episodio di Paralisi del sonno, confermando, così, i precedenti studi, i quali avevano concluso che un sonno disturbato ne aumentava il rischio. Essi ci dicono, quindi, che la Paralisi del sonno è strettamente legata al sonno REM, per cui ciò che accade effettivamente è che ci si sveglia e si è consapevoli di ciò che si ha intorno a sé, ma, allo stesso tempo, si rimane in questo stadio, il che comporta che i muscoli sono paralizzati. In altre parole, la mente si sveglia, ma il corpo no.

Pubblicità

Sfortunatamente, finora non sono stati individuati possibili trattamenti medici per la Paralisi del sonno, anche se gli antidepressivi possono essere prescritti nei casi più gravi. Comunque, la ricerca suggerisce che cercare di mantenere abitudini salutari e regolari riguardo il sonno potrebbe essere un buon rimedio per poter ridurre la frequenza di tali episodi.

Altri dati elencano anche una serie di possibili strategie di prevenzione, come cambiare la posizione in cui si dorme, migliorare le abitudini e curare la dieta e l’esercizio fisico. In uno studio in cui si chiedeva alle persone, che si servivano di una di queste, quanto essa fosse efficace, il 79% degli intervistati riteneva che funzionasse.
Un altro approccio possibile consisterebbe nel provare ad interrompere gli episodi, piuttosto che prevenirli, provando a muovere delle parti del corpo (ad esempio un dito), o nel cercare di rilassarsi. Il 54% delle persone che usavano quest’ultimo metodo ha ritenuto che esso fosse vantaggioso.

Anche se la Paralisi del sonno può essere un evento terrificante da vivere, i soggetti che la esperiscono dovrebbero provare a ricordare che esso è temporaneo ed innocuo. In più, si è vicini al trovare una soluzione: visto che i ricercatori stanno gradualmente imparando di più su cosa causi questo disturbo, ci sono concrete possibilità che un giorno sarà individuato un trattamento efficace.

Tratto da: psypost.org - Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella

 

 

  |   Letto: 20178 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Incubi e disturbi nel sonno nella psicosi

Le persone affette da psicosi esperiscono frequenti disturbi del sonno e incubi che, conseguentemente, determinano un'efficienza del sonno più povera, nonché una maggiore presenza di deliri, depressione, ansia, stress e scarsa memoria di lavoro. Negli ultimi cinque anni la ricerca ha focalizza...

Col tempo… Si cambia!

Una ricerca ha dimostrato che, invecchiando, la nostra personalità cambia. È opinione comune che la vita, con le sue gioie ed i suoi dolori, ci porti a cambiare! Che sia in meglio, o in peggio, negli anni non resteremo mai la stessa persona! ...

Attaccamento materno insicuro e ansia per la matematica

Il successo in matematica, secondo i risultati della studio effettuato da Guy Bosmans e Bert De Smedt, può essere predetto dalla tipologia di attaccamento madre-bambino e da quanta ansia, o meno, questo produce. La relazione tra attaccamento insicuro e rendimento in quest’ambito, già osse...

I disturbi percettivi non sono predittori della schizofrenia

Un nuovo studio ha trovato che i disturbi percettivi, una forma più leggera rispetto alle allucinazioni vere e proprie, che comprendono il vedere le ombre o il sentire dei rumori con la sensazione che queste esperienze siano "irreali", non sono necessariamente sintomi predittivi della schizofrenia. Second...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.