Pubblicità

La prima impressione è quella che conta?

Perchè ci preoccupiamo di fare una buona impressione agli altri? È governata da meccanismi evolutivi e innati? Quali sono gli indicatori “facciali” a cui prestiamo attenzione nella formazione del giudizio dell'altro?

psicologia prima impressioneSappiamo tutti quanto sia importante fare una buona prima impressione.

Allo stesso tempo, sappiamo che non dobbiamo giudicare un libro dalla sua copertina, perchè potrebbe ingannarci.

Pertanto, come assegnare un senso a questi due “stati” contraddittori?

Ecco lo smarrimento da dove proviene: sappiamo che altre persone emetteranno giudizi su di noi, ma noi diciamo che non dobbiamo giudicare gli altri.

Quel “non dobbiamo” diviene quindi fondamentale, dal momento che le ingiunzioni morali ci dissuadono sempre dal seguire le nostre inclinazioni naturali.

Lo psicologo Leslie Zebrowitz dell'Università di Brandesi, si occupa delle modalità con cui utilizziamo le informazioni facciali per giudicare altre persone.

Anche se le prime impressioni sono notevolmente inclini all'errore non riusciamo a fermarci, tanto che occorre solo un decimo di secondo per formare un giudizio sul carattere di un'altra persona, anche osservandola in foto.

Siamo anche molto coerenti nei giudizi che facciamo sugli altri; quando i ricercatori chiedono ai partecipanti di valutare le facce raffigurate rispetto a tratti di personalità come dominanza e calore, la maggior parte delle persone giudica le immagini allo stesso modo, e tali risultati si riscontrano in culture differente, suggerendo che i processi che utilizziamo per creare le prime impressioni siano innati.

Ci sono anche prove rispetto al fatto che, sia i neonati che i bambini più piccoli, giudicano i volti allo stesso modo degli adulti, rafforzando l'ipotesi di un meccanismo evolutivo sottostante.

Ma se abbiamo un meccanismo innato per emettere giudizi sul carattere a partire dal volto delle persone, quanto è preciso?

Dopo tutto, la selezione naturale doveva aver eliminato questo comportamento se non fosse stato utile.

Quando confrontiamo i giudizi delle persone attraverso forme di misurazione oggettive, come i test di personalità, troviamo che l'esattezza delle nostre prime impressioni è migliore della possibilità.

In altre parole, spesso giudichiamo correttamente, ma ci sono altri momenti in cui lo facciamo in modo completamente sbagliato.

Come indica Zebrowitz, le prime impressioni erronee possono avere conseguenze sociali significative.

Le persone con il “giusto” tipo di volto sono giudicate più gradevoli, ben informate e capaci.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

Al contrario, coloro che hanno la faccia “sbagliata” sono considerati inaccessibili, incompetenti e non affidabili.

Quindi il volto può avere un grande impatto sulla vita sociale, il successo, la carriera e anche le decisioni legali.

Nella sua ricerca, Zebrowitz ha identificato quattro segni facciali che la gente usa per giudicare le caratteristiche di altre persone.

La prima indicazione facciale è il “babyfaceness”, ossia avere un volto simile a quello di un bambino.

Diverse ricerche dimostrano che esiste una tendenza innata nel trovare i volti del bambino come attraenti.

Dal punto di vista evolutivo la predilezione per visi più infantili potrebbe essere connessa al senso di cura e protezione.

La ricerca ha mostrato che gli uomini tendono a preferire le donne con qualità di Baby-face come partner sessuali, presumibilmente perchè queste caratteristiche segnano la giovinezza e la fertilità.

Tendiamo inoltre a trattare con gentilezza gli adulti con tratti da bambini, ma pensiamo anche che siano “deboli” e che necessitino di cure.

Pubblicità

Ad esempio, gli anziani spesso assumono un aspetto del viso simile a quello dei bambini, e per questo, probabilmente, tendiamo a trattarli come neonati, soprattutto se necessitano di una cura particolare.

In breve, se si ha un volto simile a quello di un bambino, le persone tendono a trattarlo gentilmente, ma potrebbero anche pensare che non sia all'altezza del compito.

La seconda indicazione facciale è la familiarità; teniamo a giudicare le persone sulla base della loro somiglianza facciale con altre persone che conosciamo.

Quindo, se incontrate qualcuno che assomiglia al simpatico Zio John, per esempio, penseremo che sia anche una persona amichevole.

In parte, ciò deriva dal fatto che i nostri meccanismi innati di processamento facciale ci portano a credere che esista una correlazione tra caratteristiche del viso e caratteristiche della personalità.

Tuttavia, la maggior parte delle persone che giudichiamo familiari non ci ricorda nessuno in particolare.

Piuttosto, è solo un senso vago che assomigliano alle altre persone di cui siamo circondati, come ad esempio i membri della stessa famiglia, razza, etnia e così via.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667

In sintesi, ci piace quello che richiama un senso di familiarità, di già conosciuto.

Il terso indicatore è il fitness; vi è un accordo generale su ciò che rende un volto attraente.

L'attrattività facciale riguarda tutte quelle caratteristiche che sono disposte in simmetria e proporzione adeguata tale per cui riescono a catturare lo sguardo.

Più le facce si discostano da tali proporzioni simmetriche e corrette, tanto più si viene giudicati poco attraenti.

Le persone con tali caratteristiche sembrano molto attraenti; inoltre, supponiamo che siano anche simpatiche, intelligenti e capaci. Questo ci spinge ulteriormente a confermare la buona prima impressione che si è avuta di loro.

Le persone che invece vivono una condizione di scarsa salute appaiono come poco attraenti e richiamano un senso di cautela e protezione.

Qualunque malattia abbia, la tendenza maggiormente espressa è quella di allontanarsene. Questa è la logica evolutiva che guida le intuizioni primarie nei confronti di altre persone.

L'aspetto finale riguarda la somiglianza emotiva. Siamo molto bravi a leggere le espressioni emozionali di altre persone.

Tuttavia, alcune persone hanno caratteristiche facciali che assomigliano alle espressioni emotive. Ad esempio, le persone con sopracciglia molto basse possono apparire come arrabbiate, anche quando non lo sono.

Allo stesso modo, coloro le cui labbra agli angoli sembrano rivolgersi verso l'alto sembrano essere felici a prescindere da come si sentono.

Le intuizioni che guidano le nostre intenzioni sociali sembrerebbero pertanto essere in gran parte innate, ma ciò non significa che non siamo in grado di superarle.

Se capiamo come funzionano le nostre intuizioni, possiamo evitare delle insidie e guidarle a nostro vantaggio.

Ciò significa che possiamo essere in grado di manipolare abilmente i nostri tratti facciali per fare una buona prima impressione agli altri, proteggendoci, allo stesso modo, dai giudizi intuitivi che possono farci commettere un errore.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1439 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.