Pubblicità

La salute mentale nella popolazione LGBT

Un nuovo studio pubblicato sull'America Journal of Public Health ha evidenziato che giovani gay, lesbiche, bisessuali e transgender (LGBT) hanno maggiori probabilità di presentare problemi di salute mentale, nonchè comportamenti suicidari.

Salute mentale LGBTIl 6% di giovani lesbiche gay, bisessuali e transgender (LGBT), ha tentato il suicidio nell'ultimo anno! Questo dato si prefigura come allarmante se paragonato ad altri giovani eterosessuali o appartenenti ad altre minoranze gruppali.

Questo è uno dei risultati di uno studio che è stato pubblicato sull'American Journal of Public Health; già studi precedenti avevano evidenziato che sia giovani che adulti appartenenti alla popolazione LGBT hanno maggiori probabilità di presentare problemi di salute mentale rispetto agli eterosessuali.

Questi studi hanno svolto un ruolo chiave nel richiamare l'attenzione sulle esigenze della salute mentale in popolazioni di questo tipo; ci si chiede pertanto, come poter spiegare questi risultati? Come mai soggetti LGBT possono avere maggiori probabilità di sviluppare delle psicopatologie?

La teoria dominante tra i ricercatori è che le manifestazioni interne ed esterne del pregiudizio, della vittimizzazione e dello stigma sociale denotano le differenze.

Sappiamo che le persone LGBT possono sperimentare diverse forme di discriminazione, oppressione e vittimizzazioni aperte o silenti, e sappiamo che tali esperienze rappresentano un grande fattore di stress che a sua volta influenza la salute mentale.

Questo è ciò che in letteratura prende il nome di “minority stress”. Il presente studio ha cercato quindi di valutare tale aspetto più a fondo, mediante l'utilizzo e la somministrazione di interviste diagnostiche strutturate ad un campione di 246 giovani appartenenti alla popolazione LGBT.

I partecipanti allo studio erano diversi tra loro in termini di etnia, con un'età compresa tra i 16 ed i 20 anni.

I ricercatori hanno scoperto che quasi il 10% dei soggetti soddisfava i criteri per il Disturbo da Stress Post-Traumatico, e che circa il 15% soddisfava i criteri per la depressione maggiore. Il restante 70% dei giovani LGBT non soddisfava nessun criterio per i diversi disturbi mentali.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568

Uno dei risultati più importanti di questo studio è che la maggior parte di questi soggetti non presentava quindi un disturbo mentale, suscitando pertanto il dubbio se la prevalenza della malattia mentale sia realmente elevata in questo gruppo.

La risposta a questa domanda dipende dalle tipologie di confronto che vengono effettuate con i campioni dei diversi studi, e le conclusioni devono ovviamente sempre procedere con cautela a causa delle differenze nelle metodologie di studio.

Nel complesso, e nei sottogruppi demografici, i tassi di depressione maggiore, disturbo della condotta e disturbo da stress post-traumatico erano molto simili, ad eccezione della depressione maggiore che si presentava più alta nei maschi del nostro campione.

Tuttavia, rispetto ai dati nazionali sui giovani adulti (18-29), i nostri tassi sono molto più alti; ciò suggerisce quindi che le differenze campionarie e demografiche sono molto importanti da considerare.

Il presente studio ha anche evidenziato, all'interno del campione, che circa il 6% dei soggetti partecipanti aveva tentato il suicidio almeno una volta nell'ultimo anno. I ricercatori si sono chiesti se questa prevalenza era quindi maggiore rispetto ad altri gruppi.

I dati rappresentativi del CDC Youth Risk Behavior Surveillance ha indicato che, tra gli studenti di scuole superiori, circa il 10% aveva tentato il suicidio nell'ultimo anno.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974

Tuttavia, tali dati sono il risultato di indagini anonime, contrariamente al presente studio in cui le domande sono state poste mediante un'intervista vis-à-vis.

Gli studi anonimi tendono spesso a trovare un tasso più elevato di tentativi di suicidio segnalati, quindi ci sono parecchie difficoltà a fare questi confronti.

Mentre le frequenze dei disturbi mentali e comportamenti suicidari nel campione LGBT potrebbero essere paragonabili ad altri studi rappresentativi di giovani eterosessuali, i ricercatori sottolineano che la prevalenza dei disturbi mentali e dei comportamenti suicidari è sufficientemente elevata per garantire un'attenzione particolare ai bisogni dei giovani LGBT.

Ovviamente, c'è ancora molto da approfondire rispetto alle variazioni nei punteggi di salute mentale nei giovani LGBT.

È bene quindi inserire la valutazione dell'orientamento sessuale nelle ricerche future, per comprendere in moto più completo le disparità di salute mentale sperimentate da questo gruppo.

Sarebbe infine auspicabile sviluppare e sperimentare nuovi programmi che aiutino a prevenire i sentimenti negativi e i tentativi di suicidio nei giovani LGBT; questi potrebbero variare da programmi che riducono il bullismo a quelli che insegnano ai giovani come affrontare i momenti difficili.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1331 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Modello HiTOP: un nuovo modo di guardare il disturbo mentale

Il Modello della Tassonomia Gerarchica della Psicopatologia (HiTOP) ci invita a considerare le questioni di salute mentale attraverso una valutazione di diverse aree e arrivando ad una formulazione diagnostica mediante un approccio basato su prove scientifiche, piuttosto che opinioni o aneddoti. La Tassonomi...

L’ipnosi: una tecnica sottostimata

Nonostante non sia ancora una tecnica la cui efficacia è supportata da prove scientifiche, essa si rivela utile nel trattamento e gestione di diverse problematiche psicologiche. Il Dottor Robert Landon, psichiatra e psicologo da oltre trent’anni ritiene che l’ipnosi sia una tecnica ad oggi...

Controtransfert e mentalizzazione con i “pazienti difficili”

Le teorie basate sulla mentalizzazione e quelle fondate sull’intersoggettività hanno implicazioni dirette per la pratica clinica, e si rendono particolarmente utili per comprendere cosa succede all’interno del rapporto tra medico e paziente. All’interno del presente articolo, ci si ...

Promozione del benessere e psicoterapia

Mentre l'obiettivo tradizionale della psicoterapia per i disturbi di personalità è quello di alleviare la psicopatologia ed i sintomi negativi, la promozione del benessere sta acquisendo sempre maggiore attenzione nella pratica psicoterapeutica. Gli individui con disturbi di personalità ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.