Pubblicità

La scienza può predire quali neonati svilupperanno l’Autismo.

Gli studiosi possono prevedere i bambini a rischio attraverso la Risonanza Magnetica.


neonati autismoIn uno studio, il primo del suo genere, è stata utilizzata la Risonanza Magnetica per riprodurre il cervello di neonati con fratelli maggiori affetti da Autismo.

I ricercatori, quindi, hanno utilizzato queste misurazioni ed un algoritmo per prevedere, con la massima precisione possibile, se essi avrebbero sviluppato questa patologia, prima che i suoi sintomi si fossero innescati.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879

Il nostro studio mostra che i primi biomarcatori dello sviluppo del cervello potrebbero essere molto utili per identificare i bambini con il maggior rischio di sviluppare l’Autismo, prima che emergano i sintomi comportamentali”, ha spiegato il Dott. Joseph Piven, Thomas E. Castelloe Distinguished Professor of Psychiatry presso la University of North Carolina-Chapel Hill. “In genere, la prima diagnosi del disturbo può essere fatta in un’età compresa tra due e tre anni. Ma, per quel che riguarda coloro che hanno fratelli autistici più grandi, il nostro approccio può aiutare a prevedere tale evenienza, nel corso del primo anno di vita”.


Cos’è l’Autismo e chi colpisce.


Ci sono circa 3 milioni di persone con Autismo negli Stati Uniti e decine di milioni in tutto il mondo.


Gli individui con Disturbo dello Spettro Autistico (ASD) hanno deficit sociali caratteristici e dimostrano una serie di comportamenti ritualistici, ripetitivi e stereotipati.

Negli Stati Uniti si stima che 1 bambino su 68 sviluppi l’Autismo.

Per chi ha un fratello più grande con questa patologia, il rischio può salire a 20 su 100.

Nonostante le numerose ricerche, non è stato possibile, fino ad ora, identificare quelle persone che avevano un rischio eccessivamente elevato prima dei 24 mesi, età che corrisponde al primo momento in cui le caratteristiche comportamentali tipiche dell’ASD possono essere osservate e la diagnosi confermata, per la maggior parte dei bambini.


La ricerca.


Per questo studio, pubblicato su “Nature”, il Dott. Piven, la Dott. essa Heather Hazlett ed i ricercatori di tutto il paese hanno sottoposto a Risonanza Magnetica i neonati a 6, 12 e 24 mesi d’età.

Essi hanno scoperto che nei bambini, che hanno successivamente sviluppato l’Autismo, si è verificata un’espansione maggiore del cervello dai 6 ai 12 mesi, rispetto ai coetanei che non sviluppavano la condizione a 24 mesi d’età.

L’aumento del tasso di crescita, nel primo anno di vita, era legato ad un aumento del volume generale del cervello, nel secondo anno di vita: in altre parole, è stato scoperto che uno sviluppo cerebrale eccessivo era correlato alla comparsa dei deficit sociali tipici dell’Autismo, nel secondo anno di vita.

Successivamente, i ricercatori hanno inserito questi dati – risonanza magnetica di volume, superficie e spessore corticale del cervello a 6 e 12 mesi d’età ed il sesso dei bambini – in un programma sul computer ed hanno applicato l’algoritmo ricavato ad un insieme separato dei partecipanti allo studio, al fine di identificare un modo per classificare coloro che hanno maggiori probabilità di sviluppare i sintomi dell’Autismo a 24 mesi d’età.

Gli studiosi hanno scoperto, così, che le differenze cerebrali a 6 e 12 mesi d’età nei bambini con fratelli maggiori con il disturbo hanno predetto correttamente che 8 su 10 avrebbero soddisfatto i suoi criteri a partire dai due anni.

Questo significa che siamo potenzialmente in grado di identificare quei neonati che in seguito svilupperanno il disturbo, prima che i sintomi inizino a consolidarsi in una vera e propria diagnosi”, ha concluso il Dott. Piven.

Se i genitori di un bambino con Autismo hanno un secondo figlio, un tale test potrebbe essere clinicamente utile per identificare i neonati con un rischio più alto di sviluppare questa condizione.

La ricerca potrebbe, quindi, iniziare ad esaminare l’effetto degli interventi sui bambini nel corso di un periodo precedente alla presenza della sindrome e quando il cervello è più malleabile, di modo che essi possano avere risultati migliori, rispetto a quei trattamenti avviati dopo la diagnosi.

Mettendo questo nel più ampio contesto della ricerca e del trattamento delle neuroscienze, non esiste attualmente un grande slancio nel campo delle malattie neurodegenerative, che sia in grado di rilevare i biomarcatori di queste condizioni prima che i pazienti ricevano la diagnosi, in quanto momento ideale per poter effettuare le attività di prevenzione”, ha spiegato il Dott. Piven. “Nella Malattia di Parkinson, per esempio, sappiamo che, una volta che una persona riceve la diagnosi, ha già perso una parte sostanziale dei recettori della dopamina nel cervello, il che rende il trattamento meno efficace”.

Il concetto, come ha precisato lo studioso, è simile per l’Autismo: una volta che viene individuato, all’età di due-tre anni, il cervello ha già iniziato a cambiare in modo sostanziale.

Non abbiamo avuto modo di rilevare, finora, i biomarcatori dell’Autismo prima che la condizione si sviluppi ed i sintomi si manifestino”, ha concluso lo studioso. “Ora abbiamo indizi molto promettenti che suggeriscono che questo potrebbe essere realmente possibile”.    

 

 

Fonte: University of North Carolina Health Care

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 12303 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Nuovi trattamenti per il Disturbo Post-Traumatico da Stress

Dai farmaci al mondo digitale: approcci innovativi per la gestione del Disturbo Post-Traumatico da Stress In un’era in cui si assiste sempre più a disastri, incidenti, abusi e guerra, i sopravvissuti al trauma non sono sempre in grado di affrontare una serie di problemi emotivi come i ricordi intrusivi, i...

Il suicidio infantile: cosa i genitori dovrebbero conoscere

I bambini e gli adolescenti cosa sanno rispetto alla morte e il suicidio? Hanno familiarità con questi argomenti? La risposta è si, e lo scoprono anche ad un'età sorprendentemente giovane. La morte di un bambino genera sempre una sensazione orribile, il cuore sembra sgretolarsi e non si ...

Il trattamento della disforia di genere in bambini e adolescenti

Secondo la letteratura scientifica esistono tre approcci per il trattamento della disforia di genere in bambini e adolescenti: correttivo, supportivo e affermativo. Vediamo come utilizzarli rispetto ad una situazione clinica così complessa. Nel panorama scientifico psicologico attuale viene focalizzat...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.