Pubblicità

La Sindrome del tramonto

La Sindrome del Tramonto si presenta in pazienti affetti da morbo di Alzheimer o altre forme di demenza, e consiste in cambiamenti comportamentali che si verificano in prima serata caratterizzati da improvvisi sbalzi di umore, ansia, tristezza, irrequietezza, confusione, allucinazioni o deliri.

sindrome del tramontoDurante le fasi più avanzate dell'Alzheimer, la persona può sviluppare la Sindrome di Sundowner o anche conosciuta come Sindrome del tramonto.

Quando il sole tramonta e inizia a scendere la notte, la persona affetta da Alzheimer sperimenta sensazioni di paura, confusione, agitazione ed estraneità rispetto a ciò che lo circonda.

Questa specifica ora del giorno può innescare improvvisi sbalzi di umore, ansia, tristezza, irrequietezza e picchi di energia, maggiore confusione, allucinazioni o deliri.

La presenza di tali condizioni può portare i pazienti a stimolarsi, dondolarsi, urlare, piangere, avvertire disorientamento, opporre resistenza, esplosioni di rabbia, aggressività o persino violenza.

Questa situazione stimola una risposta primaria di “lotta o fuga” anche se non ci sono nuovi ambienti o circostanze per giustificare questa reazione.

I pazienti possono diventare intensamente agitati al punto di reagire con estrema rabbia sul bersaglio a loro più vicino, solitamente chi si prende cura di lui/lei.

In altri casi, cercano letteralmente di scappare, diventando abili maestri della fuga.

Questa fase prende anche il nome di “Elopement” che letteralmente significa “fuga con l'amante”.

Cercare di gestire questo stato è molto difficile; in nessun modo, il comportamento del paziente è una caratteristica di chi egli è, bensì un cambiamento di personalità generato a partire dal deterioramento cerebrale.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506

Ciò che rimane è un'ombra del loro sé precedente. Nel presente articolo verranno forniti alcuni suggerimenti per far sì che coloro che si prendono cura di familiari con demenza di Alzheimer siano pronti e capaci di affrontare la Sindrome del tramonto.

 

Non ragionare: mentre il paziente può sembrare lucido al momento, la sua capacità di ragionare logicamente è persa. Questa è una risposta puramente istintiva ed emotiva e deve essere risolta in quanto tale.

Semplici dichiarazioni per abbassare la soglia di paura possono rivelarsi estremamente efficaci; frasi del tipo “sei al sicuro”, “sono confuso quanto te” o “Sono arrabbiato anche io”, facilitano la situazione.

Restare calmi: l'ultima cosa necessaria durante il Sundown è reagire fisicamente o emotivamente alla situazione. È difficile disconnettersi e staccarsi da una persona cara in quel momento, ma è necessario.

È bene ricordare che a parlare è il disturbo e non la persona!

Non personalizzare: anche se i commenti che fa il paziente sono offensivi, interiorizzarli come fossero reali non è utile. Di solito, in questa fase, il funzionamento esecutivo del cervello non funziona a pieno regime, quindi non sono consapevoli di come le loro parole o azioni abbiano un impatto sugli altri.

Chiedere aiuto: una volta che lo schema della Sindrome del tramonto è iniziato, non si può invertire. Questo è un buon momento per valutare la possibilità di assumere qualcuno con determinate qualità di assistenza perchè è molto difficile da gestire.

Quando il paziente diventa una minaccia per sé stesso o gli altri, allora potrebbe essere necessaria una struttura specializzata.

Rimuovere il senso di colpa: sganciarsi dalla colpa è una tattica comune del paziente. Man mano che la malattia progredisce, diventano più infantili.

Pensiamo, ad esempio, ad un bambino di due anni in un corpo adulto che assume comportamenti rabbiosi se non ottiene ciò che vuole. Il paziente usa spesso il senso di colpa come un modo per ottenere quello che vuole.

È importante non farsi coinvolgere in questo circolo, addossandosi le colpe o cedendo sempre e comunque, perchè questo è solo il risultato del deterioramento cerebrale.

Non ripetere: è difficile ascoltare commenti offensivi, minacciosi e irascibili fatti da una persona cara.

In questi casi è importante contrastare le false affermazioni con la verità.

Perdona spesso: il paziente è così inconsapevole di quanto si sta danneggiando che aspettarsi una qualsiasi forma di scusa è assolutamente irrealistica.

Il perdono non è sbagliato, perchè rilasciando il dolore si ripristina l'energia mantenendo le cose nella giusta prospettiva.

Pubblicità

Ricorda, non è la persona che parla, è il disturbo.

Non allarmarsi per il delirio: parte della Sindrome del tramonto è delirante, tale per cui il paziente può anche credere di essere fisicamente altrove.

Ad esempio, se stanno guardando un programma televisivo sulla natura selvaggia, possono credere di essere effettivamente lì nel momento.

É importante cercare di non contrastare il delirio, piuttosto è preferibile entrare nel loro mondo e concordare con la loro percezione.

Questo aiuta a minimizzare la confusione e la rabbia ripristinando la realtà precedente.

Impostare confini: ognuno ha i propri limiti personali. Il paziente ha un modo di spingersi ben oltre i confini, e questo sottolinea la sua incapacità di comprenderne la funzionalità ed il significato.

È per questo motivo che il caretaker non deve avere paura di fissare dei confini, perchè anche se il paziente è ancora in grado di comunicare, tuttavia, ciò che dice e fa può essere estremamente dannoso.

Questo, infine, è il momento migliore per cercare un gruppo di supporto di persone con la stessa esperienza di vita.

La presenza di un sostegno, ma anche di confrontarsi con persone che condividono le stesse paure, preoccupazioni ed emozioni, aiuta il caretaker a sentirsi meno solo.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 3924 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.