Pubblicità

La Sindrome di Samo

sindrome di samoLa Sindrome di Samo indica il comportamento di persone, spesso con storie di violenza subite nell'infanzia, deprivazione, abbandoni e con manifeste difficoltà nelle relazioni con le principali figure di attaccamento, che decidono di iniziare relazioni erotico-sentimentali, con un'altra persona, che si trova in una condizione di minore integrità fisica o psichica e/o sociale. Si escludono le persone che hanno già partner stabili da prima del contagio.

Il partner della persona con Sindrome di Samo, può essere portatore di una patologia infettiva e contagiosa come HIV, epatite C, sifilide eccetera e/o psichica invalidante, ad esempio è violento, schizofrenico, tossicodipendente, etilista, drogato o è caratterizzato da una condizione sociale grave, è disoccupato, socialmente emarginato, prigioniero ecc, o magari affetto da una patologia fisica grave, che può ostacolare la relazione affettiva o sessuale serena e libera con il partner "sano" con la Sindrome di Samo.

La persona con la sindrome di Samo è pienamente consapevole che la conseguenza di tale relazione è l'acquisizione, dal partner, di una malattia fisica contagiosa. Nel caso in cui esista semplicemente una minore integrità psichica e sociale nel partner, la persona con la sindrome di Samo è a conoscenza che tale relazione potrà mostrare molti ostacoli ed eventi stressanti a causa della scelta di iniziare un legame erotico-sentimentale con quel partner.

La sindrome compie quest'anno vent'anni dalla prima scoperta. Nasce dall'osservazione di coppie in cui una persona è HIV positiva all'infezione da virus Hiv con sintomi mentre l'altra è HIV negativa ed è consapevole della positività del proprio partner.

All'inizio dell'epidemia da virus HIV ci fu un caso famoso di una donna francese che si iniettò il sangue del suo ragazzo italiano ex tossicodipendente sieropositivo. Questo sollevò scalpore generale e invitò molti scienziati, a studiare il motivo di episodi simili che si ripetevano e gli assomigliavano.

Il nome, sindrome di Samo, deriva da un posto di Grecia nel 1800, era l'unico luogo, dove ai lebbrosi era permesso di stipulare matrimoni, con la popolazione locale. Così capitò che una ragazza di buona famiglia, di bell'aspetto e ricca, si innamorasse di un ragazzo malato di lebbra con bubboni altamente contagioso. Lei stessa non fece nulla per evitare il contagio.

Le persona con sindrome di Samo si sentono di solito sovente depresse, stanche di una vita che ritengono si sia mostrata vuota di affetti e sono alla ricerca di partner ideali. A volte c'è dietro una depressione o dei meccanismi borderline.

Esempi concreti ci sono forniti dalle donne, quasi sempre intelligenti, responsabili, con la loro fatale tendenza a convertire bevitori, giocatori criminali in modelli di virtù, fino all'ultimo impegnate a reagire con amore e dedizione verso il comportamento sempre uguale, dei loro mariti.

Ci sono donne che hanno scelto uomini problematici e deboli per potersi sacrificare nella vita. Con un uomo relativamente indipendente, il loro aiuto e quindi la loro presenza non trovano spazio sufficiente. Queste donne non sarebbero neppure necessarie. Quindi diventa amare troppo, quando il vostro partner non è quello giusto, non si occupa di voi, non è emotivamente disponibile e ciononostante non si riesce a lasciarlo anzi lo si desidera, lo si ama ancora di più.

Uno dei fattori decisivi è spesso un trauma infantile e quindi una mancanza di relazioni d'amore con le principali figure di attaccamento. Le persone che si ammalano d'amore, hanno talora sperimentato relazioni violente, caratterizzate da abusi psichici o sessuali soprattutto nell'infanzia.

La prima situazione di fiducia si manifesta, naturalmente tra il bambino e sua madre. La sopravvivenza del bambino dipende da questo, il suo atteggiamento verso la vita degli altri, dipende dal modo in cui tale compito viene assolto.

Ad esempio il Samo può legarsi ad una persona con handicap fisico psichico e sociale come risultato di relazioni familiari invischiate con genitori autoritari (siamo per esempio in un disturbo narcisistico di personalità). Oppure siamo in relazioni caotiche a causa di una depressione, o magari di un disturbo bipolare. Emerge una sorta di evento dissociativo nel momento in cui queste persone si trovano in un rapporto erotico sentimentale con il partner in condizioni di HIV oppure è violento.

sindromedisamoLa persona si trova in una condizione di intorpidimento emotivo e rivive i principali momenti dolorosi delle antiche relazioni con le figure di attaccamento. L'intorpidimento emotivo è una sorta di inibizione della capacità di difesa psichica e fisica del sé, nella persona con la sindrome di Samo. Ciò genera una condizione di ridotta autocritica, che impedisce al Samo di proteggersi da relazioni erotico sentimentali infelici mentre lo costringe ad una costante idealizzazione del proprio partner.

Ne consegue un errore nell'interpretazione emotiva della realtà interpersonali. Quando la persona con la sindrome di Samo è molto coinvolta nella relazione erotico sentimentale con il proprio partner essa può sentirsi come ipnotizzata e trascinata da memorie di flashback, post traumatiche. Poiché è in atto un processo di dissociazione emotiva, di mancanza di processi di mentalizzazione, la persona con sindrome di Samo forma costantemente relazioni patologiche, perché le ritiene logiche.

Nella persona con sindrome di Samo accade che la seduzione esercitata dalla possibilità di annullarsi nell'altro, condividendone le sorti e la malattia, è ben più forte di qualunque ragionamento logico-tecnico. Una sorta di velo psichico copre lo sguardo di entrambi i partner.

La persona con sindrome di Samo forse non conosce il vero valore della vita, e la persona malata, spaventata dall'abbandono e dalla solitudine cerca di tenere a sè il partner sano, per il resto della vita.

Se si hanno dei dubbi, ci si potrebbe chiedere: "tendo a innamorarmi o sono attratto da potenziali partner con problemi?". "Ho un partner sieropositivo o con altre malattie trasmissibili sessualmente e non adotto precauzioni?". "A volte rifiuto storie d'amore con partner cosiddetti normali, che confesso ho trovato un po' noiosi?". "Sebbene la mia relazione faccia acqua da tutte le parti, non me la sento di lasciare il mio partner?"

 

Articolo a cura della Dr.ssa Silvia Parisi

 

 

  |   Letto: 17102 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Madri borderline

  I bambini le cui madri hanno una diagnosi di disturbo borderline della personalità presentano difficoltà nell’attaccamento, ritiro sociale, disregolazione emotiva precoce e, in seguito, durante la crescita, tendono a manifestare difficoltà nei comportamenti sociali e distors...

Il disturbo da stress post-infedeltà

Secondo lo psicologo Dennis Ortman il disturbo da stress post-infedeltà può avere conseguenze fisiche così come emotive; lo stress legato all'aver scoperto l'infedeltà del partner può portare a ciò che è stato soprannominato “sindrome del cuore spezzato&r...

Psicoterapia di coppia

I coniugi vivono una condizione di ambivalenza fatta di qualche momento positivo e altri/molti momenti negativi con conseguenze sul proprio umore, sulla propria identità ed autostima sulla voglia di fare/non fare, sulla capacità di gestire la casa, la famiglia, il lavoro. Le difficoltà a vivere insieme ha...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.