Pubblicità

L’amore è eterno finché dura

Articolo a cura della Dottoressa Patrizia Raminghi

coppia-divisaEcco un vecchio adagio usato per il titolo di un film di Carlo Verdone, dove si racconta la crisi di una coppia e la conseguente perdita del desiderio. Con ironia e drammaticità il film tocca un tema scottante, algico: la nascita e la fine di un amore. Uno dei misteri (forse il mistero) della vita.

Quando l’amore finisce, inizia la ricerca incessante dei perché, il continuo frugare, iniziano le sensazioni d’insoddisfazione e l’infelicità nella relazioni. Sono sempre più frequenti le coppie che si rivolgono a psicoterapeuti e sessuologi per comprendere come mai dopo anni d’amore si ritrovano privi di stimoli e d’interesse, angosciati da un’incomprensione reciproca, e naufraghi di loro stessi. Il venir meno dei ruoli tradizionali di moglie e marito o di partner in un rapporto, introduce nel percorso di coppia dosi sempre crescenti d’incertezza. Altre volte è la perdita della funzione del desiderio nei confronti del partner, o un disagio diffuso, di cui non si riesce a trovare una spiegazione, che solleva il dubbio se il rapporto possa avere un futuro oppure no. (Baldaro, 1992)

Sovente il primo sintomo portato in consultazione è la fine della propria vita sessuale. Tutto ciò non è affatto estraneo agli accadimenti della coppia, ma solo una logica conseguenza della crisi in atto. In queste occasioni i soggetti cercano spunti di riflessione per intravedere probabili vie d’uscita, usano cioè un pensiero concreto, pragmatico, pensano alle colpe proprie e a quelle dell’altro. Come in un giallo, a turno si improvvisano detective nella ricerca dei come e dei perché… Si aggirano intorno alle reciproche responsabilità, con un forte senso di delusione, ma il disagio continua, le tensioni non trovano soluzione e persiste un clima di irrisolvibile conflittualità.

Francescato D. e Moranti M. in una speciale ricerca, “Coppie separate a confronto: giochi di specchi”, hanno esplorato, le discrepanze che emergono tra i partner in via di separazione, rispetto alle storie narrate. Un terzo delle coppie intervistare, “tutte ex coppie”, (scelte da un campionamento causale) racconta una storia, tanto diversa da quella dell’altro, che un osservatore esterno non potrebbe mai riconoscere l’appartenenza effettiva dei soggetti alla medesima coppia. In questa ricerca vengono messe a confronto le versioni di lui e di lei, esplorate le motivazioni inconsce della scelta del partner, le varie forme d’intimità raggiunte o mancate, le percezioni reciproche delle ragioni della crisi e della separazione. I componenti la coppia vivono e rivivono episodi, comportamenti, atteggiamenti propri e del partner in maniera assolutamente diversa. Questo stesso ricordare divergente, queste contrastanti interpretazioni della passata vita in comune diventano, motivo di scontro, astio e rancore.

Paradossalmente sono proprio le differenti modalità con cui i partner reagiscono alla perdita dello star bene insieme: il modo in cui accettano di far finire una storia o la mantengono aggressivamente o supinamente in vita, che permetterà loro di conoscere quelle parti di sé, che solitamente non emergono nel fiorire della storia d’amore.

Con il passaggio del tempo, la routine fa il peggio, si assiste ad un graduale ritorno all’individualità, agli interessi personali, all’investimento di energia su elementi esterni: il lavoro, i figli, le relazioni sociali. L’allargamento d’interesse riduce il tempo e il vissuto della coppia, la crisi emerge quando l’evoluzione dei partners non avviene in contemporanea. Solitamente quando cambiano i bisogni, l’equilibrio salta. Può accadere che uno dei partner resti legato alla vecchia immagine della coppia e mantenga come riferimento quel rapporto ideale che non c’è più, o forse non c’è mai stato, mentre l’altro sente nuove e urgenti necessità.
I momenti di crisi, impongono la chiusura e riapertura di cicli di vita, sono passaggi delicati e difficili, ma di utile comprensione. I partner si interrogano su ciò che veramente è migliore per la coppia e per “sé stessi”: separarsi o rilanciare il rapporto. Ripartire con nuove motivazioni, confrontarsi sui propri limiti e su quelli dell’altro, elaborare le difficoltà e marciare verso il cambiamento.
Può persino accadere che le strade dei due partner divergano irrimediabilmente e rendano impossibile l’individuazione di un terreno comune ove le energie creative e la progettualità tornino a convergere.

coppia-perfettaLe “crisi della coppia” in genere costituiscono di per sé un momento creativo ed evolutivo per i “protagonisti degli anni d’amore vissuti insieme”. Capire le crisi in quest’ottica significa esplorare quella zona intermedia in cui i vissuti intrapsichici individuali diventano “mondo relazionale”, vuol dire addentrarsi nei meandri della soggettività individuale e di coppia allo stesso tempo.
E’ evidente che i conflitti non sono risolvibili adottando un atteggiamento razionale e concreto o cercando colpe o spiegazioni, poiché il problema si colloca a livello inconscio, e necessita di un linguaggio diverso e di differenti comprensioni.

Quando, nella stanza di consultazione arrivano in due, entrambi portano la propria versione dei fatti, e lo fanno utilizzando lingue diverse, come se avessero perduto un loro linguaggio. Nella stanza si respira un senso di sfinimento e si percepisce l’impossibilità per la coppia, di depositare reciprocamente i propri vissuti. L’atmosfera pesante si estende a macchia d’olio, diventando irrespirabile la coppia sembra avvolgersi, girare a vuoto su sé stessa, e i partners non riescono più effettivamente a toccarsi.

Quando si diventa consulenti di una coppia si ripercorre il loro brano di vita, la storiografia, quello che è stato il loro divenire, che cosa li ha avvicinati l’uno l’altro. La spinta iniziale viene sempre da Eros, l’impulso alla sessualità, una specie di corrente irrefrenabile che avvicina due persone sconosciute. E’ proprio nel passaggio da un livello di relazione empatico, che per quanto emotivamente intenso, è in realtà di superficie, legato alle proiezioni, identificazioni, idealizzazioni. Ad un altro livello, che potremmo definire - di relazione più intima - il conoscersi tende a spostarsi dai tratti esterni, l’estetica, il comportamento, a quelli più interni, profondi, “psichici”, trasformandosi dall’incontro/scontro di “nuclei fantasmatici”, ad una comunicazione tra “due inconsci”.

Per comprendere la vera natura del malessere nella coppia occorre passare dal pensiero concreto al pensiero simbolico, usare il linguaggio del mondo interno, non logico, ma analogico, meta-comunicare sui vissuti, sulle aspettative, sui sogni, dare spazio alle immagini, alle sensazione, alle associazioni, farle esprimere ed “incontrare” fra loro.

 

Dottoressa Patrizia Raminghi - Psicologa, Psicoterapeuta, Esperta in Sessuologia Clinica

 

 

 

  |   Letto: 6390 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

La psicoterapia di gruppo

La psicoterapia di gruppo è una forma di psicoterapia in cui l'intervento clinico viene effettuato in un setting gruppale, può fare riferimento a vari tipi di orientamenti teorici e consiste solitamente in una terapia verbale (gruppi di parola). Se in un primo momento la psicoterapia di gruppo è nata con ...

La teoria del campo psicoanalitico: i contributi di Sandor Ferenczi

Nel presente articolo si andranno a delineare le tre aree principali in cui il pensiero di Ferenczi è essenziale per qualsiasi teoria del campo psicoanalitica. Sándor Ferenczi era il più brillante discepolo e amico di Sigmund Freud. Quando morì, nel 1933, Freud scrisse nel suo ne...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.