Pubblicità

L'Amore (im)perfetto - Intervista ad Annalisa Balestrieri

Parra-Interview-by-Defrag-0
Abbiamo incontrato Annalisa Balestrieri, autrice del libro L'Amore (im)perfetto. Sedute davanti ad una tazza di te, in una atmosfera rilassata e tranquilla, ha accettato di rispondere alle nostre domande per aiutarci a penetrare a fondo nel suo bel volume e per comprenderlo nella sua profonda essenza.

Annalisa Balestrieri si è laureata all'Università Statale di Milano in Lettere Moderne ad indirizzo pedagogico. Si interessa di psicologia sociale e dinamiche relazioni e ha pubblicato alcuni approfondimenti di carattere sociologico.

 

Psiconline
Il tuo libro, pubblicato da pochi mesi, ha ricevuto un notevole riscontro da parte dei lettori. Oltre alla qualità del testo, a tuo giudizio, da che cosa è provocato quest'interesse ?

Dott.ssa Annalisa Balestrieri
L'amore è un argomento capace di catturare sempre molto interesse, ma questo libro si propone di far luce su un particolare tipo di amore che si basa su un rapporto di dipendenza. Ho avuto modo di riscontrare come la dipendenza sia una condizione molto diffusa ai giorni nostri, in cui il bisogno di poter contare su qualcun altro è avvertito con prepotenza, ma contemporaneamente si percepisce una sempre maggiore labilità nei rapporti interpersonali. Dalla famiglia, meno stabile di una volta, agli amici che si trovano e si perdono lungo la strada, è più facile creare ma anche rompere legami che un tempo erano fonti di certezze. Questa instabilità affettiva sfocia nell'idealizzazione di legami che si vogliono a tutti i costi considerare perfetti ma che, in realtà, nascondono molti punti deboli.

Il primo capitolo è dedicato alla "dipendenza affettiva" e leggendone le sue caratteristiche mi sono resa conto che forse siamo tutti dipendenti! È così?

In un certo senso si può dire che siamo tutti dipendenti, ma non da una persona specifica. Dipendiamo dalla necessità di avere vicino qualcuno con cui dividere la nostra vita, i nostri interessi. Qualcuno a cui dare qualcosa di noi e che sia in grado di valorizzarci e gratificarci dimostrandoci di ritenerci meritevoli delle sue attenzioni. Purtroppo non sempre, nella realtà, riusciamo a trovare questa persona così speciale. Allora succede che si vada alla ricerca di un "surrogato" capace di colmare il vuoto che avvertiamo.

Quindi il titolo "L'Amore (im)perfetto" a cosa si riferisce?

L'amore (im)perfetto si riferisce ad una amore che percepiamo come perfetto, in quanto frutto più dei nostri desideri, dei nostri sogni, della nostra fantasia che non della realtà. Una realtà che, invece, non manca prima o poi di palesarsi mettendo impietosamente in evidenza tutti i limiti e le contraddizioni di un rapporto che non si basa su di un confronto reale tra due persone, ma è filtrato dalle nostre aspettative che deformano la realtà fino a convincerci che non esista.

Come si delinea l'Amore Perfetto?

L'amore perfetto è uno scambio tra due persone che sono innanzi tutto capaci di amare sé stesse. Solo dalla consapevolezza del proprio valore nasce lapizap.com13027980527031
capacità di fare dono di sé ad un'altra persona e di ricevere da lei le medesime attenzioni. Nessuno può riuscire ad amarci se non siamo noi i primi ad essere capaci di farlo. L'amore è perfetto quando riesce ad assolvere il suo compito principale: farci stare bene. Un vero amore non deve essere fonte di angoscia e di sofferenza, non deve dare tormenti, ma deve essere gratificante e appagante.

Nel secondo capitolo introduci la figura del "Magic Helper", dell'"Idolo" e del "Leader". Potresti chiarirmi questi tre concetti?

Questi tre concetti rivestono un'importanza fondamentale in momenti in cui avvertiamo il bisogno di un modello di riferimento capace di sostenerci e al quale ispirarci.
Il magic helper è una figura che viene in nostro aiuto quando ci sentiamo soli o non sufficientemente forti per affrontare la vita con le nostre sole forze. Spesso non è una figura concreta ma la proiezione delle nostre necessità che assume le sembianze di una data persona, capace di soccorrerci nel momento del bisogno non facendoci sentire soli.
L'idolo è una figura a cui attribuiamo doti e poteri superiori alla media, quasi soprannaturali. Anche qui le nostre necessità giocano un ruolo fondamentale rivestendo questa figura di quelle caratteristiche che vorremmo trovare in una persona reale e che, non necessariamente, le sono del tutto proprie. Avere un idolo può assumere un significato molto positivo quando il desiderio di emulazione diventa uno stimolo a migliorarci. Entrambe queste figure hanno il compito di rassicurarci, rispondono alle specifiche esigenze di un determinato periodo della nostra vita. Per questo motivo sono spesso figure destinate a sparire con il tempo, quando le nostre necessità cambiano, anche loro devono sparire per lasciare spazio a nuovi idoli e nuovi magic helper.
Il leader, infine, è una figura carismatica che, per questo motivo si presta a diventare un idolo. Ha la capacità di guidare altre persone che finiscono con l'immedesimarsi in lui e far propri i suoi ideali. Attraverso lui e i suoi anche noi ci sentiamo a nostra volta innalzati e liberati da una quotidianità spesso insoddisfacente.

Come queste tre figure sono legate al concetto di amore?

Queste figure sono l'esempio più evidente di un amore imperfetto in quanto il nostro rapporto con loro, che il più delle volte non è un rapporto reale nel senso in cui questo viene comunemente inteso, si basa su di un'esaltazione delle loro caratteristiche, sul desiderio di condividere con loro qualcosa che viene percepito come l'aspetto più importante della nostra vita.
Ci si convince che tra noi e loro esista un legame profondo, ma va riconosciuto a queste figure anche un grande merito, cioè quello di riuscire spesso, e nonostante tutto, a darci quel senso di completezza e quell'appagamento che stiamo cercando.

"Il transfert è un concetto molto usato in psicanalisi per spiegare un tipo di rapporto che si può venire a creare tra analista e paziente". Inizia così il paragrafo dedicato al transfert, può essere riconducibile allo stesso tipo di rapporto che si crea tra uomo e donna?

In alcuni casi sicuramente si. Il transfert è una sorta di strategia di sopravvivenza che viene messa in atto quando si perde fiducia nella possibilità di ottenere ciò che si desidera nella vita reale. Quando ci convinciamo che la felicità non esiste, o che noi non siamo capaci di raggiungerla, allora decidiamo di sottometterci volontariamente a qualcun altro. Su di lui concentriamo tutte le nostre energie e riusciamo a sentirci noi stessi solo vicino a lui e in funzione di lui. E' una situazione pericolosa che ci allontana dalla possibilità di realizzarci concretamente.

Quanti Peter Pan abbiamo sicuramente incontrato nella nostra vita, persone che non vogliono legami stabili, che non sono soggette alle convenzioni sociali,..mi chiedo, forse il Peter Pan è l'unico essere umano che non è "affetto" da dipendenza affettiva?

Per quanto liberi possiamo sentirci, o vogliamo far credere di essere, tutti siamo soggetti a delle dipendenze affettive, tutti siamo condizionati da altre persone che sono per noi importanti. Il Peter Pan che esiste in molti di noi non vive una dipendenza finalizzata alla stabilità, non avverte il bisogno di uniformarsi a delle regole imposte dalle convenzioni, ma il suo rifiuto di assumere un ruolo preciso, con le responsabilità che questo comporta, lo porta a fuggire da ciò che gli appare come un vincolo alla sua libertà. Lo porta a vivere dei rapporti a metà, ma non ad evitarli. Dipende ugualmente da qualcun altro ma non lo vuole ammettere, la sua fuga è la reazione ad un modello di comportamento che non vuole condividere ma che lo condiziona e questo non si discosta molto da una dipendenza.

Tratto da "EdizioniPsiconline.it"

  |   Letto: 1329 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.