Pubblicità

L'anoressia rabbiosa

Articolo a cura di Luciano Peirone ed Elena Gerardi

anorexiaMalattia, disagio, e cos'altro? L'anoressia è una forma patologica con immediata prevalenza di tipo organico-fisiologico (eccessivo dimagrimento, talvolta con origine endrocrina, e vomiting behaviour), ma in effetti il più delle volte con componenti di ordine psicologico (distorsione percettiva e deformazione della propria immagine corporea; esasperazione del sintomo “rifiuto del cibo” in base a pensieri comportamenti di tipo ossessivo; disturbi della sfera emozionale-affettiva; conflitti interpersonali; disturbi della sessualità).

Considerata dal punto di vista psicologico, l'anoressia presenta non di rado la possibilità di venire inquadrata quale malattia/disagio (per lo più adolescenziale-giovanile) connessi a ribellione rivolta nei riguardi del mondo adulto (e familiare, in particolare), alla spasmodica ricerca di una identità di difficile e sofferta realizzazione.

La caratteristica tipica dell’anoressia nervosa/psicogena, secondo il criterio stabilito dal DSM-IV (revised edition), è “il rifiuto di mantenere il peso corporeo al di sopra del peso minimo normale”. I risultati visibili, per lo più somatici, sono una magrezza esasperata, la dismenorrea/amenorrea, l'abuso di purganti, l'eccessiva attività fisica, e soprattutto il vomito, per lo più intenzionale; mentre, sotto il profilo psichico, spicca l'alterata percezione della propria immagine corporea, in altre parole un distorto giudizio (svalutazione, rifiuto, negazione) sul proprio aspetto, e quindi una problematica dimensione estetica del Sé.
Sicuramente malattia, nel senso medico del termine. Sicuramente disagio, nel senso psicologico (comportamentale e relazionale-sociale) del termine. Ma in effetti, c'è dell'altro... ben oltre l'etichetta di ordine nosografico-psichiatrico, e quindi lungo un'ampliamento realizzato mediante l'ottica psicodinamica.

Cosa e come indagare, per capire e curare meglio

Le classiche esposizioni - all'incrocio fra medicina, psichiatria e psicologia (Palazzoli Selvini, 1963; Bruch, 1973 e 1977; Garner e Garfinkel, 1997; Brusset, 1998; Fairburn e Brownell, 2002) – vedono spesso una trattazione di ampio respiro e sistematica. Nel presente lavoro si vuole invece mettere l'accento su un aspetto particolare, focalizzando pertanto un elemento sì frammentario ma probabilmente di grande importanza (soprattutto in funzione delle difficoltà e dei fallimenti che si incontrano nel trattamento della anoressia).
E' importante tracciare alcune linee-guida lungo la “comprensione profonda” di questo devastante “star male”, distinguendo due modelli psicoanalitici: la “anoressia paranoide” (della quale poco si parla) e la “anoressia depressiva” (più diffusa e ben più abbordabile e curabile). Tale distinzione - di derivazione kleiniana, ovviamente riferentesi a “posizioni” e non necessariamente a “stadi precoci dello sviluppo” - risulta gravida di effetti in campo clinico-operativo, ed è ovviamente di taglio psicodinamico profondo. Resta tuttavia centrale la visione della anoressia intesa quale problema elaborato in termini relazionali-familiari, sia come approccio in termini di psicoterapia (Palazzoli Selvini, Cirillo, Selvini e Sorrentino, 1998) sia come approccio in termini di psicologia della salute (Peirone, 1998).

Rilievi teorico-metodologici

Mediante l'osservazione, la valutazione diagnostica e il trattamento (sia in ambito consultivo su dinamiche familiari, sia in gruppi di auto-mutuo aiuto, sia in contesti di psicoterapia intensiva), da parte di chi scrive si è applicata - nel corso di numerosi anni - una sistematica chiave di lettura. In quanto malattia psico-somatica, l'anoressia è stata indagata mediante un inquadramento prevalentemente psicoanalitico (con ampi riferimenti alla teoria delle relazioni oggettuali, alla dimensione interpersonale, alla prospettiva relazionale-sistemica di ordine familiare), sottolineando in particolare i pesanti vissuti in termini di aggressività e odio, lungo un trend di ordine psicopatico/caratteropatico, e quindi di disturbo della personalità.

anorexia3E' il caso di sottolineare quanto importante sia oggi un discorso sull'anoressia in grado di tener conto di punti-chiave che svariati autori hanno saputo individuare (pur se in contesti differenti dalla anoressia direttamente intesa), punti-chiave che si rivelano basilari nel collegamento a tale forma patologica: si è pertanto nella prospettiva di costruzione di un modello eclettico-integrato. Tale modello vuole essere non esaustivo, ma capace di colmare alcuni “vuoti” sia teorici sia applicativi. Lungo una linea interpretativa che parte da S. Freud (1915-1917), attento agli aspetti isterici delle nevrosi di conversione e all'importanza della oralità (cruciale zona-fase erogena per lo sviluppo della libido e l'organizzazione della sessualità), è possibile trovare (e utilizzare) un fil rouge in grado di cucire variegati (ma affini e convergenti) “pezzi della anoressia”.
Non si possono ignorare gli interfaccia tra il binomio attaccamento-perdita (Bowlby, 1969- 1980) e l'insieme costituito da simbiosi, dipendenza e separazione-individuazione (Mahler, 1968; Mahler, Pine e Bergman, 1975), come pure la capacità/incapacità di essere solo (Winnicott, 1958) per cui non è difficile incorrere nell'errore del Falso Sé (Winnicott, 1960), come pure il concetto di relazione oggettuale (Kernberg, 1976) con le sue implicazioni in fatto di mondo fantasmatico interno.

Rilievi diagnostici e prospettive di lavoro clinico

E' soprattutto a partire dalla teoria kleiniana (Klein e Rivière, 1937; Klein, 1957) - con i centrali concetti di amore, colpa, odio, riparazione, invidia, gratitudine - che si riesce a fornire soddisfacenti spiegazioni della anoressia paranoide, lungo la ricca produzione fantasmatico- inconscia, focalizzata in particolare sul concetto di “controllo sadico-onnipotente”. I parametri chiave risultano pertanto i seguenti.

Ribellione “muta”: parla il corpo e non la voce. E' una ribellione improduttiva (non riesce a cambiare alcunché, anzi peggiora le cose in senso autolesionistico-masochistico), incapace di rivoluzione, incapace di cambiare (tanto il mondo esterno quanto il mondo interno).
Rabbia inespressa, e per ciò stesso “coltivata” e incrementata lungo una escalation teoricamente infinita, spesso affiancata da invidia “divorante” (divorante il soggetto stesso).

Cattiveria: ovvero “cattività”. Prigioniero del corpo (smagrente e vomitante), prigioniero della mente (ossessiva, fredda e calcolatrice), prigioniero dell'anima (devastata da fantasmi “odianti e cattivi”): questo è l'anoressico “paranoide e non collaborativo”, ben chiuso nella sua “fortezza armata”, per l'appunto capace di “odiare in silenzio” e di “farla pagare a tutti, compreso se stesso”, anche a costo di perseguire un tendenziale “suicidio differito”, atteggiamento-comportamento accompagnato dall'inconscio desiderio di indurre nell'altro “sensi di colpa” (e non tanto “senso di pietà”, come nel caso della “leggera” anoressia di taglio depressivo).

Secondo i dettami dell'esasperato “controllo di tutti e di tutto”, il malato si muove con una “azione vendicativa”, con una sostanziale inautenticità e poderosi meccanismi di menzognamanipolazione, lungo la linea di un pesantemente danneggiato “Falso Sé” (querulomane, rancoroso, odiante, rabbioso, per l'appunto “cattivo”: prigioniero delle parti cattive). Non è un caso che nel vomiting lo svuotamento gastrico serva non solo a controllare-diminuire il proprio peso corporeo, ma anche a scaricare tensioni, in particolar modo aggressività e rabbia. La “cattiveria” che pervade una simile inautentica personalità in tal modo risalta (all'occhio attento...).
Questo Falso Sé è in grandissima parte inconscio nonché inespresso: pertanto, esso risulta sia di difficile auto-consapevolezza da parte dell'anoressico sia di difficile rilevazione da parte dello stesso terapeuta. Persino l'”esperto” rischia fortemente di venire “sviato” ed “invischiato” dalle modalità ingannatorie del paziente.
Di fronte a siffatti pazienti occorre assolutamente evitare sia il “pietismo” sia il “buonismo”: occorre invece, freddamente e lucidamente, saper cogliere i pericoli insiti in una relazione ampiamente falsata dalla malattia, “malattia disonesta” in quanto fortemente manipolante (sia il terapeuta sia il paziente stesso). Da parte del tecnico, da parte del professionista, occorre imparare a gestire un setting al tempo stesso pericoloso e delicato: in particolare, una interazione transferalecontrotransferale di notevole difficoltà.
Al di là della tecnica terapeutica va pertanto evidenziata l'importanza della valutazione diagnostica: ribellione muta, rabbia inespressa e cattiveria/odio/rancore designano un quadro nosografico abbastanza differente da quel che il più delle volte, anche ingenuamente, ci si attende da un malato di anoressia. Questo malato paranoide tende a restare “malato”, difficilmente diventa un “paziente” e, se proprio lo diventa, occorre fortemente diffidare della sua buona fede. In questo “paziente” c'è più forma che sostanza, c'è più apparenza che collaborazione.

A questo punto, inevitabilmente, nella anoressia paranoide - fortemente inautentica – pullulano rigogliose “piante mortifere”: l'adolescenziale giardino (in fondo, l'anoressico, quale che sia la sua età anagrafica, resta un “adolescente”, spesso “incazzato”) è sì “segreto” ma anche “avvelenato” (Peirone e Gerardi, 2009).

Quali sono le linee-guida per far fronte ad un simile disturbo portato all'eccesso? Come gestire un simile tipo di anoressia? Che fare di una affettività piena soltanto di negatività? L'anoressia paranoide-rabbiosa è una forma patologica (somatica e mentale, affettiva e relazionale) caratterizzata da comportamenti irregolari, e soprattutto estremi nei confronti del cibo, e di tutto ciò che vi risulta correlato.
Nella psicoterapia si richiede pertanto un intervento in grado non solo di restituire al cibo il suo corretto ed equilibrato valore quale nutrizione, quale stile di vita, quale momento edonistico, ma anche di ricostruire un tessuto relazionale esterno (ed interno) incentrato su oggetti buoni, e quindi da non odiare.

anorexia2Aggressività, risentimento, odio, gelosia, invidia, cattiveria, rabbia: tutto ciò conduce ad una insufficiente (in effetti, vista l'estremizzazione, ad una mancata) elaborazione del senso di colpa. A fronte di tale spiegamento di “affettività negativa”, vengono di conseguenza compromesse le capacità di ricevere-dare affetto buono.

In particolare, sono l'amore e la gratitudine a venire danneggiati. L'anoressico rabbioso è pressoché incapace di provare il sentimento dell'”esser grato a qualcuno”: ritiene, per lo più inconsciamente, di non aver ricevuto abbastanza, per cui non sa dire “Grazie!”, e non sa dirlo perché non lo sente dentro, oppure lo dice ma mentendo (all'Altro e a se stesso). L'assenza di gratitudine deriva dal non aver saputo “dar vita” (sic! infatti si è pieni di oggetti cattivi, inerti e morti) al processo di riparazione. Se non si sa amare, non si sa neppure esser grati.
Sulla persona portatrice della sindrome anoressica rabbioso-paranoide, il progetto curativo a matrice psicologica va focalizzato sia sull'“aiutare” sia sullo “scavare” sia sul “normare” (anche duramente: trattandosi di una dipendenza). Sopra ogni cosa, vanno chiariti i significati (quasi sempre massicciamente inconsci) ruotanti intorno ad un corpo che si ribella in maniera silenziosa, intorno ad una mente che “pensa troppo e male”, intorno ad un'anima colma di livore che non sa chiedere affetto ed aiuto, se non in questi modi inefficaci e disperati.
Lo scioglimento della tensione rabbiosa deve necessariamente passare attraverso una massiccia e difficile e sofferta elaborazione depressivo-riparativa, in grado di “pacificare” il malato con il terapeuta, con i vissuti transferali, con gli oggetti interni, con gli oggetti esterni, con il cibo, con se stesso: insomma, con la vita stessa.

 

Bibliografia

  • Bowlby J. (1969-1980). Attachment and loss. 3 Vol. London: Hogarth (trad. it. Attaccamento e perdita. 3 Voll. Torino: Boringhieri, 1976-1983).
  • Bruch H. (1973). Eating disorders: obesity, anorexia nervosa and the person within. New York: Basic Books (trad. it. Patologia del comportamento alimentare: obesità, anoressia mentale e personalità. Milano: Feltrinelli, 1977).
  • Bruch H. (1977). The golden cage: the enigma of anorexia nervosa. Cambridge: Harvard University Press (trad. it. La gabbia d'oro. L'enigma dell'anoressia nervosa. Milano: Feltrinelli, 2003).
  • Brusset B. (1998). Psychopathologie de l'anorexie mentale. Paris: Dunod (trad. it. Psicopatologia dell'anoressia mentale. Roma: Borla, 2002).
  • Fairburn C.G., & Brownell K.D. (2002). Eating disorders and obesity. A comprehensive handbook. New York: Guilford.
  • Freud S. (1915-1917). Vorlesungen zur Einführung in die Psychoanalyse. Wien: Heller (trad. it. Introduzione alla psicoanalisi. In Freud S. Opere. 12 Voll. Torino: Boringhieri, 1976, Vol. VIII, 189-611).
  • Garner D.M., & Garfinkel P.E. (1997). Handbook of treatment for eating disorders. New York: Guilford.
  • Kernberg O.F. (1976). Object relations theory and clinical psychoanalysis. New York: Aronson (trad. it. Teoria della relazione oggettuale e clinica psicoanalitica. Torino: Boringhieri, 1980).
  • Klein M. (1957). Envy and gratitude. A study of unconscious sources. London: Tavistock (trad. it. Invidia e gratitudine. Firenze: Martinelli, 1969).
  • Klein M., & Rivière J. (1937). Love, hate and reparation. London: Hogarth (trad. it. Amore, odio e riparazione. Roma:Astrolabio, 1969).
  • Mahler M.S. (1968). On human symbiosis and the vicissitudes of individuation. Infantile psychosis. New York: International Universities Press (trad. it. Le psicosi infantili. Torino: Boringhieri, 1972).
  • Mahler M.S., Pine F., & Bergman A. (1975). The psychological birth of the human infant: symbiosis and individuation. New York: Basic Books (trad. it. La nascita psicologica del bambino. Torino: Bollati Boringhieri, 1978).
  • Palazzoli Selvini M. (1963). L'anoressia mentale. Milano: Feltrinelli.
  • Palazzoli Selvini M., Cirillo S., Selvini M., & Sorrentino A. (1998). Ragazze anoressiche e bulimiche: la terapia familiare. Milano: Cortina.
  • Peirone L. (1998). Family and anorexia: policies of information, awakening, prevention and support. Paper submitted to “The Challenge for Applied Psychology: Bridging the Millennia”. 24th International Congress of Applied Psychology, San Francisco, USA, August 9-14, 1998. Published in www.anthropos-web.it 2007.
  • Peirone L., & Gerardi E. (2009). Anoressia: ribellione muta e rabbia inespressa. In Ordine degli Psicologi del Piemonte (ed.) Il giardino segreto. La salute psicologica in adolescenza. Torino: Ordine degli Psicologi del Piemonte, 133-135.
  • Winnicott D.W. (1958). The capacity to be alone. International Journal of Psycho-Analysis, XXXIX, 416-420. In Winnicott D.W. The maturational processes and the facilitating environment. Studies in the theory of emotional development. London: Hogarth, 1965 (trad. it. La capacità di essere solo. In Winnicott D.W. Sviluppo affettivo e ambiente. Studi sulla teoria dello sviluppo affettivo. Roma: Armando, 2nda ed. 1974, 29-39).
  • Winnicott D.W. (1960). Ego distortion in terms of True and False Self. In Winnicott D.W. The maturational processes and the facilitating environment. Studies in the theory of emotional development. London: Hogarth, 1965 (trad. it. La distorsione dell'Io in rapporto al Vero ed al Falso Sé. In Winnicott D.W. Sviluppo affettivo e ambiente. Studi sulla teoria dello sviluppo affettivo. Roma: Armando, 2nda ed. 1974, 177-193).

 

 

Professor Luciano Peirone e Dottoressa Elena Gerardi, psicologi psicoterapeuti

 

 

 

  |   Letto: 6099 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.