Pubblicità

Le 3 cose più pericolose da dire in un rapporto.

Attenzione a quelle parole che possono danneggiare la vostra relazione!


conversazione coppiaQuasi ogni articolo, che tratti di relazioni, cita l’importanza della “grande C”: la comunicazione.


Ma cosa succede se le vostre parole fanno più male che bene?

La nostra lingua ha un grande potere, soprattutto ciò che viene detto d’impulso, perchè potrebbe comportare una grande quantità di danni all’altro.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667


Ecco le tre frasi più pericolose per la vostra relazione.


1.    “Tu sempre… Tu mai…”.


Di sicuro, non c’è niente che possa esasperare di più il vostro partner, che sentire questo tipo di generalizzazione assoluta.

Il problema con “Tu sempre…”, “Tu mai…”, è che sono frasi troppo facili da far scivolare nella foga del momento.
Ma ciò che il vostro partner sente è “Sei inutile. Mi deludi sempre”. Anche se si tratta di una cosa banale come lavare i piatti.


Potreste essere frustrati, e voler semplicemente fare il punto della situazione, ma ciò che l’altro sente è un attacco alla sua persona.
Ciò fa male ed il vostro partner si metterà automaticamente sulla difensiva, senza ascoltare nemmeno un’altra parola che pronuncerete.

Una critica esagerata, come questa, serve solo ad allontanare la persona amata e non vi aiuterà a vedere soddisfatte le vostre esigenze.


Cosa dire invece:


Mi sento X quando fai/non fai… Come possiamo risolvere la questione?”.


Ho veramente apprezzato quando hai fatto X”.

Come si vede, partire da “io”, invece che da “tu”, è, spesso, un buon inizio perchè trasformate le vostre parole da un’accusa velata in un invito a parlare ed a giungere ad una risoluzione.


2.    “Non mi interessa”.


Il vostro rapporto si basa sulla cura reciproca, quindi perché sabotarlo con questa frase?

Dire “Non mi interessa”, in qualsiasi contesto – “Non mi interessa quello che c’è per cena”, “Non mi interessa se i ragazzi stanno litigando”, “Non mi importa dove andremo”  –, implica automaticamente una mancanza di investimento emotivo sull’altra persona e nella vostra vita condivisa.

Uno dei fattori predittivi più importanti della durata di un rapporto è costituito proprio dagli atti di gentilezza che ci si scambia all’interno della coppia, come, ad esempio, mostrare interesse verso ciò che avete da dirvi l’un l’altro.

Se il vostro partner richiede la vostra attenzione e voi reagite con un “Non mi interessa” (sia esplicito, che implicito), ciò finirà per infliggere danni ad entrambi.


Cosa dire invece:


praticamente qualsiasi cosa, purchè esprimiate interesse e coinvolgimento in qualsiasi cosa il vostro partner voglia condividere con voi!


3.    “Non importa… Non importa”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

Naturalmente, ci sono momenti in cui si intende veramente questo.
Ma, molto spesso, usiamo queste parole in senso sprezzante, ad esempio “Non importa, mi limiterò a farlo io”, oppure “Lasciamo perdere!”.

Entrambe queste frasi implicano che si sta escludendo deliberatamente il proprio partner.

Questo stile può essere anche passivo-aggressivo: cercare di puntualizzare, in modo implicito, il comportamento, o l’atteggiamento, del vostro partner, piuttosto che avere un confronto franco ed anticipato con lui/lei.

Cosa dire invece:

Mi piacerebbe avere molto il tuo contributo su X…”.

Sono in difficoltà, per favore mi puoi dare una mano?”.

Non dimenticate di dire “Grazie!”. Una cosa così piccola, ma che fa la differenza!
Non sorprende che le coppie che si ringraziano con regolarità si sentono più sostenute ed apprezzate, poiché ciò le aiuta ad affrontare i periodi di tensione, quando si presentano.

 

Senza dubbio, tutti noi abbiamo dei momenti in cui i nostri partner ci fanno sentire frustrati e ci infastidiscono.

Chiedetevi: “Questo è un problema reale, o solo un fastidio di passaggio?”.

Se la risposta è la prima, provate ad utilizzare un linguaggio neutro, costruttivo, che si concentri più sulle azioni che sul carattere, ed evitate di dare spazio al senso di colpa.

Ciò non significa che dovete pesare ogni parola che dite e per tutto il tempo.
Ma una maggiore sensibilità nelle frasi che potrebbero risultare offensive vi porterà avanti.

E non dimenticate che cercare di rafforzare il vostro amore con frasi positive – “Grazie”, “Ti amo” – vale cento volte la pena.

E, quando il problema vi sembra troppo grande per entrambi, ricordatevi l’importanza di chiedere aiuto ad un professionista qualificato.

 

 

Fonte: Psych Central

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 3669 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Il disturbo da stress post-infedeltà

Secondo lo psicologo Dennis Ortman il disturbo da stress post-infedeltà può avere conseguenze fisiche così come emotive; lo stress legato all'aver scoperto l'infedeltà del partner può portare a ciò che è stato soprannominato “sindrome del cuore spezzato&r...

Psicologo del marketing e della comunicazione

Lo psicologo della comunicazione e marketing è un laureato in psicologia, abilitato dall'Esame di stato all'esercizio della professione, iscritto all’Albo degli psicologi nella sezione A. Deve essere capace di operare in completa autonomia professionale e di instaurare una collaborazione paritaria con a...

Che cos'è la psicoterapia?

La psicoterapia (letteralmente: trattamento dell’anima), è una forma di aiuto che cura attraverso il rapporto interpersonale. In questo approccio la parola è più di una parola, è un contatto profondo. Lo psicoterapeuta ed il paziente mettono in gioco le loro personalità nel setting terapeutico, un luo...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.