Pubblicità

Le arti marziali e la psicosomatica

Articolo a cura della Dottoressa Maria Cristina Martini

artimarziali“Psicosomatica [psi - co -so - mà-ti -ca], un ramo della medicina che si occupa delle ripercussioni dei fenomeni psichici sull’organismo. (Dizionario Gabrielli)

L’etimologia di psicosomatico deriva dal greco psiche [ψυχή] “anima” e soma [Σώμα] “corpo”. I disturbi psicosomatici sono quindi dei malesseri della psiche che si riflettono sul “soma”, ovvero sul corpo.

Il pensiero orientale da sempre si fonda sul concetto dell’interazione (unicità, inscindibilità) mente-corpo e questa visione è la radice comune a tutte le arti marziali che uniscono l’attività fisica alla meditazione (concentrarsi con la mente, riflettere) scopo delle quali non è solo la difesa personale ma, principalmente l’autocoscienza, la consapevolezza di sé, dei propri limiti e abilità, la consapevolezza corporea, il riconoscimento della propria emotività, delle proprie modalità di azione e reazione, al fine di esercitare l’autocontrollo necessario a produrre risposte comportamentali adeguate alle situazioni.

E’ questo che differenzia l’arte marziale dallo sport. Gli sport occidentali pongono l’enfasi sulla competizione (azione), le arti marziali, di derivazione orientale, pongono l’enfasi sull’autoconoscenza (osservazione). L’arte marziale, infatti, nasce come esperienza di crescita e formazione per l’individuo.

Postura, movimento, respiro, timing, Distanza, sono principi chiave che accomunano le arti marziali alla psicosomatica.

1) La postura è il nostro biglietto da visita: osservando il corpo dell’altro intuiamo la sua forza e la sua debolezza, il grado di vitalità, le sue emozioni. La postura e il modo di muoversi di una persona depressa, sono notevolmente differenti dalla postura e dal movimento corporeo di chi è sereno e sicuro di sé. W. Reich, psicanalista allievo di Freud sostenne l’esistenza di una “corazza muscolare” alla quale corrisponde una “corazza caratteriale”. Ogni distretto muscolare è deputato all’espressione di un’emozione, se per qualunque motivo l’emozione non viene espressa, perché negata, rifiutata o culturalmente vietata, si “cristallizza” nel corpo, creando una tensione a livello del muscolo deputato alla sua manifestazione e, il comportamento connesso a quell’emozione risulta bloccato (es: il pianto, la rabbia).

Arti-marziali-mente-e-corpoCosì il corpo diventa la chiave per capire il carattere.
- La posizione di guardia (stabilità) tipica delle discipline marziali, e definita grounding (sentirsi bene a contatto con il terreno) dall’analisi bioenergetica (tecnica psicoterapeutica fondata da Lowen) ha lo scopo di favorire un maggior senso di sicurezza quindi, stabilità del corpo e della mente: Il peso del corpo è scaricato sul terreno, controllo del respiro, adeguato appoggio dei piedi.

2) Il respiro: prima espressione di “essere nel mondo”, spesso trascurato, a volte bloccato come in situazioni di ansia o paura. Nelle arti marziali è invece portato alla consapevolezza in quanto accompagna e dà energia al movimento insieme alla voce, principale espressione del respiro stesso.

3) Il timing: capire quando è il momento adatto per eseguire un colpo. E’ necessario l’intervento di mente e corpo perché significa studiare l’avversario, osservare e agire al momento opportuno. - Agire piuttosto che reagire . La mente deve imparare ad agire adeguatamente all’azione dell’altro, non subire . Il corpo dopo un appropriato e costante allenamento, deve imparare ad usare le tecniche spontaneamente. In situazioni di stress, come di fronte ad un attacco fisico o..morale, non sempre c’è il tempo per pensare, un adeguato allenamento di corpo e mente fornisce strumenti necessari ad un’azione corretta e tempestiva in situazioni di pericolo.

4) La distanza: è lo spazio nel quale ci si muove, lo spazio che intercorre tra noi e un’altra persona. Ogni distanza implica specifici e diversi vissuti emotivi. Esistono per ognuno di noi, spazi definiti “bolle prossemiche” all’interno delle quali ci muoviamo e ci sentiamo sicuri, questi spazi o “bolle” aumentano o diminuiscono a seconda della familiarità o legame affettivo che abbiamo con la persona che ci sta accanto. Sono i nostri confini. Le distanze considerate accettabili da una persona, non solo variano in funzione del legame affettivo con l’altro ma sono dettate anche da fattori culturali e, per ogni singola persona, dalla qualità delle prime esperienze di relazione o di contatto.

Anche la percezione che ognuno ha dei propri confini corporei varia da persona a persona, una persona obesa avrà una percezione diversa da una persona magra, “Quante donne allargano il loro giro vita per costruire un’inconsapevole barriera nei confronti di parentele troppo invadenti”, questa considerazione di Raffaele Morelli, psicoterapeuta che utilizza l’approccio psicosomatico, conferma l’influenza dei vissuti emotivi sulla percezione e gestione delle distanze interpersonali e di come manifestiamo tali vissuti attraverso il corpo, in questo caso “grasso come difesa dall’invadenza”.

- Il contatto e la vicinanza con l’avversario che si realizza nelle arti marziali favorisce la consapevolezza dei propri vissuti emotivi e delle modalità comportamentali messe in atto nel momento del confronto, nelle relazioni interpersonali, e permette l’acquisizione di schemi di comportamento più adeguati. Nel contatto con l’avversario è inevitabile affrontare la modalità di gestione dello spazio circostante, la scelta del tempo e, un altro aspetto molto importante, sfondare i muri protettivi che spesso usiamo per tenerci a distanza dall’altro.

arti marziali-300x228Per concludere, fondamento delle arti marziali è la relazione mente e corpo. L’acquisizione di tecniche è accompagnata da un lavoro sui vissuti emotivi che si riflettono nel corpo, atto a rendere più funzionale quanto la formazione marziale ha già fatto: se ho paura pur conoscendo le migliori tecniche di autodifesa, di fronte a un pericolo, mi blocco.
Lo scopo è la formazione di un uomo che possiede tecniche e una forza dell’io che gli permetta di utilizzare al meglio le sue risorse psicofisiche anche in situazioni di stress.

BIBLIOGRAFIA

  • “Psiche marziale. Arti del combattimento per la crescita personale”, R.M. Distefano, ed mediterranee, 2005
  • “Dimagrire senza dieta. Il metodo psicosomatico”, R.Morelli, ed Mondadori, 2013
  • “Le arti marziali e la psicologia del confronto”, a cura del dottor Antonio Romano

 

 Dottoressa Maria Cristina Martini - Psicologa

 

  |   Letto: 7437 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.