Pubblicità

Le convinzioni sbagliate che possono danneggiare realmente le relazioni!

Se anche voi la pensate così… fate attenzione!


coppia credenzeTutti abbiamo delle convinzioni distorte su come funzionano, e non, le relazioni.


Questi pensieri, però, possono facilmente compromettere la relazione e far sorgere l’insoddisfazione in entrambi i partner.

Essi, infatti, non riescono a farci vedere che un problema, apparentemente persistente, ha una soluzione, grazie alla quale potremo stare più vicini al/la nostro/a compagno/a e rafforzare la relazione con lui/lei.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950

Di seguito, vengono presentate alcune delle convinzioni sbagliate più frequenti.
Confrontatevi con voi stessi per capire se anche voi la pensate così, poiché i vostri pensieri influenzano le azioni che fate e le decisioni che prendete!


1.    Le coppie sane non hanno conflitti.


Il conflitto è una naturale conseguenza delle relazioni”, ha spiegato il Dott. David J. Dumais, psicoterapeuta di gruppo e di coppia, presso Brooklyn e Manhattan. “Non è raro che due persone vogliano cose diverse in momenti diversi”.

Il conflitto, in realtà, può essere una cosa buona per la vostra relazione, se lo affrontate, però, in modo costruttivo.

Secondo il Dott. Andrew Christensen ed il Dott. Neil S. Jacobson, in “Reconcilable Differences”, “Nonostante siano dolorosi, i conflitti offrono una finestra sulle emozioni di entrambi: delusioni, speranze, punti di forza e debolezze. Se riuscite a guardarvi non con l’obiettivo di biasimare e trovare il colpevole, ma di comprendere le forti emozioni che guidano ciascuno di voi, potete imparare di più su voi stessi e sul vostro compagno a livello individuale, così come nel modo in cui interagite. Questa comprensione vi permette di apprezzarvi l’un l’altro in modo più completo e più onesto e può ispirare compassione per la posizione l’uno dell’altro”.


2.    Condividere gli account sui social ci permette di mantenere la fiducia.


Alcune coppie sembrano credere che la ‘fiducia’ si mostra eliminando completamente la privacy”, ha affermato la Dott. essa Rosy Saenz-Sierzega, psicologa specializzata nel lavoro con le coppie.

Avere bisogno di condividere gli account sui social media, in realtà, “suggerisce insicurezza, sfiducia e codipendenza”.

Le coppie costruiscono la fiducia ed il rispetto non eliminando la privacy, ma la segretezza.

In più, “due persone che si fondono per avere un unico account eliminano l’interdipendenza della coppia, che è una necessità fondamentale per tutte le relazioni salutari”.


3.    Quando dico al/la mio/a compagno/a di fare qualcosa, ciò non ha così tanta importanza.


Pensiamo che i nostri partner debbano sapere automaticamente ciò di cui abbiamo bisogno e che desideriamo.

Quindi, doverglielo dire può sembrare deludente.

Al contrario, nelle relazioni salutari i partner comunicano regolarmente e chiaramente i loro bisogni.


4.    Se lui/lei mi amasse, non spenderebbe così tanto tempo con amici e famiglia.

    
Vale a dire, le persone comunemente pensano che i loro partner dovrebbero soddisfare tutti i loro bisogni.
Ma questo è impossibile.

Come ha spiegato il Dott. Dumais, “Nessuna persona può prendere il posto di un sistema di supporto ricco e vario”, che include amici e famiglia.

Inoltre, è importante, per ciascuno di noi, avere vie di sfogo per esaudire interessi e passioni.

“Ciascun membro della coppia dovrebbe avere la propria identità e questo può accadere solo se esiste anche un equilibrio salutare tra il tempo trascorso insieme e quello in cui si sta separati”, ha spiegato la Dott. essa Saenz-Sierzega.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

5.    Il/la mio/a compagno/a dovrebbe farmi sentire meglio.


Secondo il Dott. Dumais, “Ciascuno dovrebbe essere responsabile per la propria salute mentale. L’altro può aiutare, ma le persone devono fare per lo più da sole il proprio percorso”.

Per esempio, una moglie ha un nuovo lavoro, che adora. Suo marito è irritato perché lei non sta passando più così tanto tempo con lui. Nonostante lei cerchi di essere presente quando è a casa, lui si sente abbandonato – un sentimento con radici nella sua educazione.
In questo caso, non è il lavoro della prima a dover rendere felice il secondo, o a prendersi cura del suo benessere emotivo. “Lui deve capire perché è così infelice e cosa può fare. Lei può aiutarlo”. Ma, alla fine, tocca a lui risolvere il problema.


6.    Una coppia sana deve avere una certa quantità di sesso.


Non ci sono regole per cosa è ‘normale’ per la vostra vita sessuale”, ha spiegato la Dott. essa Saenz-Sierzega.

Certo, la nostra società ha diverse idee e standard.

Ma il sesso è qualcosa di cui discutete e che concordate voi come coppia.

Una comunicazione aperta su valori ed aspettative su questo argomento è uno dei modi migliori per assicurarvi una relazione sana e matura”, ha concluso la professionista.

 

Quando vi trovate a non essere pienamente soddisfatti della vostra relazione, prendetevi del tempo per esaminare i pensieri che sottostanno questi vostri sentimenti.

Come ha affermato la Dott. essa Osborn, “Quando vi sentite dire ‘dovrebbe’, consideratelo come un segnale d’allarme per osservare le credenze non reali, o distorte, che state costruendo sulla relazione”.    

 

 

Fonte: Psych Central

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2613 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe. Alcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e co...

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

La psicoterapia breve

Quanto dura un trattamento di psicoterapia? Intorno a questa domanda naufragano talvolta le buone intenzioni di chi medita di rivolgersi allo psicologo, ma paventa un’impresa troppo lunga o costosa. Nel nostro immaginario collettivo c’è anche lo spettro dell’analisi interminabile, o inutile: come non...

Il disturbo da stress post-infedeltà

Secondo lo psicologo Dennis Ortman il disturbo da stress post-infedeltà può avere conseguenze fisiche così come emotive; lo stress legato all'aver scoperto l'infedeltà del partner può portare a ciò che è stato soprannominato “sindrome del cuore spezzato&r...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.