Pubblicità

Le differenze fra la psicopatia e la sociopatia

La società, insieme ad Hollywood, ha introdotto due termini psicologici, apparentemente affascinanti, nella coscienza collettiva, ovvero psicopatico e sociopatico. 

sociopatia-psicopatia

Psicopatico e sociopatico sono termini di psicologia popolare, che indicano quello che la psichiatria definisce Disturbo Antisociale di Personalità. Ad oggi, questi due concetti non sono realmente ben definiti in letteratura. Ciò nonostante, ci sono alcune differenze generali tra questi due tipi di personalità, delle quali parleremo in questo articolo.

Entrambi i tipi di personalità hanno un modello pervasivo di indifferenza per la sicurezza ed i doveri degli altri: l’inganno e la manipolazione sono caratteristiche centrali di entrambi i tipi di personalità. Però, al contrario della credenza popolare, uno psicopatico o un sociopatico non è necessariamente violento.

Le caratteristiche comuni di uno psicopatico e di un sociopatico restano nella loro diagnosi comune – Disturbo Antisociale di Personalità. Il DSM-5 definisce la personalità antisociale come quella persona che ha 3 o più dei seguenti tratti:

  1. Regolarmente viola o ostacola la legge;
  2. Costantemente mente ed inganna gli altri; 
  3. È impulsivo e non pianifica in anticipo; 
  4. Può essere predisposto alla lotta ed all’aggressività; 
  5. Ha poco riguardo per la sicurezza degli altri; 
  6. Irresponsabile, non rispetta gli obblighi finanziari; 
  7. Non prova rimorso o colpa. 

I sintomi cominciano prima dei 15 anni, quindi questi soggetti sono predisposti a diventare uno psicopatico o un sociopatico in età adulta.

Tratti di uno psicopatico

La psicopatia potrebbe essere correlata a differenze fisiologiche nel cervello: la ricerca ha mostrato, infatti, che gli psicopatici hanno delle componenti cerebrali sottosviluppate, le quali sarebbero responsabili della regolazione dell’emozione e del controllo degli impulsi.
Gli psicopatici, in generale, hanno difficoltà ad instaurare legami d’attaccamento di tipo emotivo con gli altri, ma creano relazioni artificiali, superficiali, pensate affinché ci sia un beneficio per se stessi. Infatti, le persone sono viste come pedine da usare per raggiungere i propri obiettivi. Costoro, infine, raramente si sentono colpevoli per il loro comportamento e non importa loro quanto hanno ferito gli altri.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Sara Crudi
Via Norma Fratelli Parenti, 65/A - ROMA
Cell: 333 4514828
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

D’altro canto, spesso gli psicopatici possono essere visti dagli altri come affascinanti e fidati, come persone che hanno lavori costanti, normali. Alcuni hanno famiglie e relazioni d’amore con un compagno. Anche quando cercano di essere ben educati, possono aver individuato un grande guadagno per loro stessi.

Quando uno psicopatico assume un comportamento criminale, cerca di farlo in modo da minimizzare il rischio per loro stessi, pianificando accuratamente l’attività criminale per assicurarsi che non saranno presi, con piani di riserva pronti per ogni possibilità.

Esempi di psicopatici nella cultura popolare: Dexter, Anton Chigurh in No Country for Old Men, Henry in Henry: Portrait of a Serial Killer, Patrick Bateman in American Psycho

Tratti di un sociopatico

I ricercatori pensano che la sociopatia sia il risultato di fattori ambientali, come l’allevamento di un bambino o di un ragazzo in un contesto familiare negativo, caratterizzato da abusi fisici, emotivi o traumi durante l’infanzia.

I sociopatici, in generale, tendono ad essere più impulsivi ed imprevedibili nel loro comportamento. Anche se hanno difficoltà nel formare un attaccamento con gli altri, alcuni psicopatici possono essere capaci di instaurare un legame con un gruppo o persona della stessa opinione. Diversamente dagli psicopatici, molti sociopatici non hanno lavori a lungo termine o non presentano una vita familiare normale.

Pubblicità

Quando un sociopatico assume un comportamento criminale, lo fa in maniera impulsiva e largamente non pianificata, con poco riguardo per i rischi e le conseguenze delle loro azioni. Costoro, inoltre, possono facilmente diventare agitati ed arrabbiati, il che risulta, qualche volta, in scoppi violenti. Questi tipi di comportamento aumentano le possibilità che siano arrestati.

Esempi di sociopatici nella cultura popolare: The Joker in The Dark Knight, JD in Heathers, Alex Delarge in A Clockwork Orange.

Chi è più pericoloso?

Sia gli psicopatici che i sociopatici presentano rischi per la società, perché loro spesso cercheranno e vivranno una vita normale, invece che affrontare il loro disturbo. Ma la psicopatia è probabilmente il disturbo più dannoso, perché loro esperiscono, in misura nettamente minore, il senso di colpa per le loro azioni. Uno psicopatico ha anche un’abilità maggiore di dissociarsi dalle sue azioni: senza un coinvolgimento emotivo, il dolore che soffrono gli altri non ha significato. Si noti come molti famosi serial killer erano psicopatici.

Però, non tutte le persone che abbiamo definito come uno psicopatico o un sociopatico sono violente: la violenza non è un ingrediente necessario, ma è spesso presente.

Indizi di uno psicopatia o di una sociopatia nell’infanzia

Indizi di una futura psicopatia o sociopatia sono, di solito, rilevabili durante l’infanzia. Molte persone, che possono essere diagnosticate come psicopatiche o sociopatiche in età adulta, hanno manifestato un modello di comportamento per cui violavano i diritti basilari o la sicurezza degli altri, infrangevano le regole (o anche la legge) e le norme sociali già in epoca precoce. Gli psicologi definiscono questi tipi di comportamenti Disturbo della Condotta. Quest’ultimo comprende quattro categorie di comportamento problematico:

  • Aggressione a persone ed animali;
  • Distruzione di proprietà;
  • Inganno o furto;
  • Serie violazioni delle regole. 

Se si presentano questi sintomi (ed i sintomi specifici del Disturbo della Condotta) in un bambino o in un giovane, egli ha un rischio maggiore di sviluppare successivamente un Disturbo Antisociale di Personalità.

Riassunto

Psicopatia e sociopatia sono differenti etichette culturali applicate al Disturbo Antisociale di Personalità. Fino al 3% della popolazione può presentare questa diagnosi. Il disturbo è più comune tra gli uomini ed in quelle persone che hanno problemi di abuso di alcol o di sostanze o negli ambienti forensi, come le prigioni. 

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Lisa Chiara Parmiani
Via Soperga, 41 - MILANO
Cell: 349 0919983

Gli psicopatici tendono ad essere più manipolativi, possono essere visti dagli altri come affascinanti, sembrano condurre una vita normale e minimizzano il rischio nelle attività criminali. I sociopatici, invece, sono più imprevedibili, inclini alla rabbia ed incapaci di condurre una vita normale. Quando essi mettono in atto un’attività criminale, tendono a farlo in maniera avventata, senza riguardo per le conseguenze.

 

Tratto da: psychcentral.com

 

(Traduzione e riassunto a cura della dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 29003 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Col tempo… Si cambia!

Una ricerca ha dimostrato che, invecchiando, la nostra personalità cambia. È opinione comune che la vita, con le sue gioie ed i suoi dolori, ci porti a cambiare! Che sia in meglio, o in peggio, negli anni non resteremo mai la stessa persona! ...

Attaccamento materno insicuro e ansia per la matematica

Il successo in matematica, secondo i risultati della studio effettuato da Guy Bosmans e Bert De Smedt, può essere predetto dalla tipologia di attaccamento madre-bambino e da quanta ansia, o meno, questo produce. La relazione tra attaccamento insicuro e rendimento in quest’ambito, già osse...

I disturbi percettivi non sono predittori della schizofrenia

Un nuovo studio ha trovato che i disturbi percettivi, una forma più leggera rispetto alle allucinazioni vere e proprie, che comprendono il vedere le ombre o il sentire dei rumori con la sensazione che queste esperienze siano "irreali", non sono necessariamente sintomi predittivi della schizofrenia. Second...

L'ansia nei bambini: 10 segni per riconoscerla (1)

Esiste davvero, nei bambini , una patologia come l’Ansia? In fondo, di cosa devono preoccuparsi? Ne parliamo in questo articolo (diviso in 3 parti). I Bambini non hanno responsabilità. Hanno tutto il necessario. Ma l’ansia non riguarda sempre cosa sta succedendo nella tua vita. A volte, può a...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.