Pubblicità

Le dimensioni del Benessere Organizzativo. Le aziende non sono tutte uguali! L’importanza del leader

leader organizzativoSul significato del termine «salute» si possono rintracciare almeno quattro diverse interpretazioni:

  1. Quella «medica», dove salute equivale ad assenza di malattia;
  2. Quella «sociale» per cui la salute costituisce la capacità di ricoprire un qualsiasi ruolo sociale;
  3. Quella «idealistica» che la interpreta come benessere fisico, psichico e sociale completo;
  4. Quella «umanistica», intesa come la capacità di adattarsi positivamente alle situazioni problematiche dell’esistenza

L’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1986 (Carta di Ottawa) definisce la salute come «un concetto positivo che amplifica le risorse sociali e personali, così come le capacità fisiche».

All’inizio del nostro secolo l’organizzazione lavorativa era concepita in funzione del conseguimento del miglior risultato per l’impresa non tenendo in considerazione né l’ambiente di lavoro né lo stato di salute del lavoratore.

L’individuo al lavoro era considerato come un essere passivo che rispondeva a stimoli economici e al quale era richiesto un mero adattamento al sistema tecnologico e organizzativo.

Da allora molto tempo è trascorso e può essere utile ricostruire lo sviluppo dell’interesse alla salute del lavoro, prima ristretto al concetto di sicurezza e, poi, gradualmente ampliato fino ad abbracciare una molteplicità di altri aspetti, anche in chiave di prevenzione.

Il miglioramento delle performance di un’organizzazione, sia essa profit o di natura pubblica non può prescindere da una attenta gestione e motivazione del suo personale.

Il clima viene inteso come insieme di percezioni, credenze e sentimenti che i lavoratori elaborano rispetto alla loro organizzazione e rappresentano lo sfondo sul quale si delineano le valutazioni specifiche sul proprio lavoro che determinano la vera e propria soddisfazione lavorativa.

Le organizzazioni sembrano acquisire una crescente consapevolezza del fatto che un buon clima aziendale è uno degli elementi/fattori che contribuiscono a migliorare e favorire la qualità complessiva degli ambienti di lavoro e pertanto ad aumentare il commitment dei propri dipendenti.

Un buon clima organizzativo contribuisce positivamente al conseguimento da parte delle organizzazioni dei propri obiettivi strategici e come affermano Friedlander e Margulis “la capacità tecnica è un aspetto essenziale per il successo di un’organizzazione, ma la realizzazione e l’indirizzamento della capacità verso attività produttive dipende dal clima”. Inoltre, il clima costituisce una variabile essenziale non solo per la qualità della vita lavorativa, con la sua dimostrata influenza su motivazione, impegno ed efficienza, ma anche per le relazioni interpersonali e la fiducia verso l’organizzazione.

leader benessereAlla luce di tutto ciò è facile capire quanto sia complicato ottenere nel luogo di lavoro un clima accogliente e piacevole. In alcuni casi le aziende comprendono l’importanza del clima e intervengono, organizzando eventi per aumentare la coesione dei dipendenti, in altri casi invece non c’è l’interesse di lavorare sul clima, questo non genera lavoratori motivati e soddisfatti del proprio lavoro, ma solo una serie di soggetti isolati. Il risultato sarà che ognuno svolgerà il proprio lavoro nei suoi spazi, i rapporti fra colleghi saranno probabilmente tesi.

La prima vittima di questo è l’azienda.

Un pessimo clima favorisce una serie di fenomeni lavorativi che sono decisamente tossici per l’ azienda, scarsa redditività, malattie, assenteismo, ecc.

L’ azienda deve proporre la “motivazione al lavoro”.

Il termine “motivazione” indica il complesso insieme di variabili che attivano, dirigono sostengono nel tempo il comportamento, conducendo l’individuo ad applicarsi con impegno nel lavoro.

Si tratta di bisogni, desideri, valori, aspettative e progetti di vita personali, ma anche di forze che derivano da compiti, obiettivi, relazioni sociali, struttura e cultura organizzativa.

La motivazione ha una natura ciclica e non può essere identificata né con il comportamento in sé, né con la performance poiché riguarda l’azione delle forze interne ed esterne che portano una persona ad agire.

La motivazione è in grado di influire anche sul clima organizzativo percepito dai lavoratori ed il management dovrebbe essere costantemente teso a favorire il progressivo avvicinamento fra il progetto aziendale e il progetto di vita di ogni individuo, liberando così le potenzialità esistenti all’interno del sistema organizzativo, così come all’interno del sistema individuale.

Si evince che un lavoratore motivato determinerà per l’azienda un ritorno economico favorendo a determinare una maggiore efficacia ed efficienza, minore assenteismo, una diminuzione delle patologie organizzative ( scioperi, mobbing, burn-out), diminuzione delle patologie sociali (minori conflitti).

I fattori che compongono il clima organizzativo sono diversi, solo conoscendoli si può arrivare a capire quali sono quelli compromessi in azienda e prendere coscienza di ciò che si può migliorare.

Uno degli elementi basilari è lo stile di leadership.

Paul Hersey e Ken Blanchard svilupparono per primi la ‘Teoria del ciclo di vita della leadership’ nel 1969.

La teoria descrive quattro differenti stili di leadership e quattro livelli di maturità o di preparazione, individuale o di squadra. Essa poi combina questi fattori per suggerire quale stile di leadership sia più adatto per il livello di maturità. (Orientamento al compito vs orientamento alla relazione).


Gli stili di leadership sono:

1. Telling (Direttivo)

Questo stile è caratterizzato da una comunicazione a senso unico in cui il manager definisce i ruoli ed è molto direttivo in merito a come si andrà ad operare. Questa modalità è orientata quasi esclusivamente al compito e trascura la dimensione relazionale. La figura tipica è il capo che non rispecchia i propri subordinati e non si fa scrupolo di umiliarli per raggiungere lo scopo.

2. Selling può essere definito Persuasivo

In questo caso è sempre il manager che prende le decisioni, ma soltanto dopo aver ascoltato i collaboratori. Le comunicazioni sono del tipo a due vie. II manager che adotta questo stile sostiene e incoraggia i collaboratori, stabilendo frequenti occasioni per i contatti umani. II lavoro, tuttavia, anche in questo caso, è abbastanza strutturato

3. Partecipating (Partecipare)

Il manager e il team (o l’individuo) condividono il processo decisionale rispetto ad alcuni aspetti di come sarà eseguito il lavoro. Il manager si concentra meno sul comportamento impositivo e di più su un comportamento di supporto. In questa tipologia il leader è orientato alla relazione ma lascia indietro il compito. Le persone si sentiranno protette dal capo ma perderanno di vista il loro compito. I lavoratori saranno meno motivati a portare avanti gli incarichi loro assegnati.

4. Delegating (Delegare)

Seppur ancora coinvolto nelle decisioni, il manager ha delegato alla squadra o all’individuo gran parte della responsabilità per l’esecuzione del lavoro, ma mantiene la responsabilità di monitorare il progresso. Quindi troveremo sia un basso orientamento al compito sia alla relazione.
Si descrive in altre parole, un capo che non dà sostegno ai suoi subordinati. ”Capo assente”.

leadership e cooperazioneSi può affermare che prevalentemente un buon coordinatore è colui che sa adattarsi alle varie situazioni, ad esempio in certe situazioni la dimensione relazionale dovrà prevalere su quello dello scopo , in alcuni momenti critici il sostegno ai propri dipendenti deve passare al primo piano.

Nessuno di questi quattro stili può essere definito migliore di un altro, in assoluto: si può solo definire lo stile più efficace in quanto più adatto a guidare una persona in una determinata situazione.

Modello di riferimento per il leader ideale

Il leader ideale è colui che ha una visione chiara degli obiettivi dell’ente di cui è responsabile. Dà senso al lavoro del collaboratore. Sa ottenere collaborazione attiva, ascolta i collaboratori, coinvolgendoli e responsabilizzandoli. Cura il rapporto personale diretto. Porta avanti le idee valide del collaboratore, dando a questo la giusta valorizzazione.

Comunica con chiarezza quello che l’azienda si aspetta dal collaboratore e come lo valuta (è trasparente, coerente, affidabile, diretto). Si responsabilizza e sa dare priorità; mantiene gli impegni; comunica sistematicamente la valutazione del lavoro svolto.

Dà supporto e si adopera per assicurare al collaboratore i mezzi adeguati per svolgere il proprio lavoro. Lo aiuta nell’affrontare le difficoltà. Dà sostegno e fiducia, non prende le distanze di fronte alle obiezioni di altri.

Mette a disposizione la propria competenza e le proprie informazioni: le trasferisce direttamente e favorisce le possibilità di apprendimento.

Un buon leader è colui che crea spirito di gruppo, trasmette orgoglio aziendale, attiva i rapporti interfunzionali. Rispetta il ruolo e valorizza la professionalità del collaboratore:

  • non lo soffoca quando ha una competenza specifica maggiore della sua, ma anzi incoraggia a metterla a disposizione di tutto l’ente.
  • Rispetta la persona (il tempo, la dignità, le motivazioni); distingue fra comportamento e persona al momento del premio/punizione (Persegue criteri di equità).
  • Si fa trovare/dà tempo al collaboratore. È accessibile/disponibile quando il collaboratore ha problemi da verificare con lui.
  • Non gestisce in termini di potere: non strumentalizza il collaboratore, non lo usa contro i propri nemici aziendali; non lo smentisce di fronte agli altri, togliendogli credibilità.

Quindi lo stile di un leader vincente avrà le seguenti caratteristiche:

  • Situazionale
  • Pragmatico e realistico
  • Orientato alle relazioni
  • Orientato al compito
  • Flessibile
  • Trasparente
  • Trasformazionale

Con queste condizioni il leader raggiungerà gli obiettivi insieme ai collaboratori.


Per Approfondimento

  • F. Avallone, M. Bonaretti (2003) Benessere organizzativo. Per migliorare la qualità del lavoro nelle amministrazioni pubbliche, Rubbettino, Soveria Mannelli
  • F. Avallone (a cura di) (1999) Conoscere le organizzazioni, Guerini, Milano
  • F. Friedlander, N. Margulis (1969), “Multiple impacts of organizational climat and individual value system upon satisfaction”, in Personal Psychology, n. 22, p. 173.
  • Guglielmo Valpreda, Cristiano Silenzi, Alessio Vaccarezza. Cambiamento, Leadership e flessibilità. Riflessioni organizzative, sociali, psicologiche
  • G. Sarchielli (2003) Psicologia del lavoro, Il Molino, Bologna, p. 290.
  • Hersey P., Blanchard K., 1984, Leadership situazionale, Sperling & Kupfer, New York.
  • GABASSI P. G., Psicologia del lavoro nelle organizzazioni, Franco Angeli, Milano, 2003; p. 167
  • Matteo Marini, 'Fucking monday': corso di sopravvivenza in ufficio.

 

(A cura della dottoressa Angela Chiara Leonino)

 

 

  |   Letto: 3881 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Un consulente per l'azienda e il lavoratore: il coach

Negli ultimi anni anche in Italia si è diffusa una nuova figura professionale: il coach, che opera sia in azienda che come consulente per le persone private. Dal punto di vista etimologico, il termine coach deriva dal nome Kocks, che era un piccolo villaggio ungherese che nel quindicesimo secolo era noto pe...

Il disturbo da stress post-infedeltà

Secondo lo psicologo Dennis Ortman il disturbo da stress post-infedeltà può avere conseguenze fisiche così come emotive; lo stress legato all'aver scoperto l'infedeltà del partner può portare a ciò che è stato soprannominato “sindrome del cuore spezzato&r...

Psicologo del marketing e della comunicazione

Lo psicologo della comunicazione e marketing è un laureato in psicologia, abilitato dall'Esame di stato all'esercizio della professione, iscritto all’Albo degli psicologi nella sezione A. Deve essere capace di operare in completa autonomia professionale e di instaurare una collaborazione paritaria con a...

Nuovi trattamenti per il Disturbo Post-Traumatico da Stress

Dai farmaci al mondo digitale: approcci innovativi per la gestione del Disturbo Post-Traumatico da Stress In un’era in cui si assiste sempre più a disastri, incidenti, abusi e guerra, i sopravvissuti al trauma non sono sempre in grado di affrontare una serie di problemi emotivi come i ricordi intrusivi, i...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.