Pubblicità

Le equazioni sono arte all’interno del cervello di un matematico

 

equazione-diracQuando i matematici affermano che le equazioni sono belle non mentono. Le scansioni del cervello mostrano che le loro menti rispondo a equazioni "belle" allo stesso modo in cui le altre persone rispondono alla grande pittura o a musiche magistrali. La scoperta potrebbe portare i neuroscienziati un po' più vicino a capire le basi neurali della bellezza, un concetto che è sorprendentemente difficile da definire.

Nello studio, i ricercatori, guidati da Semir Zeki dello University College di Londra, hanno chiesto a 16 matematici di valutare 60 equazioni in una scala di giudizi da “brutta” a “bella”. Due settimane più tardi, i matematici hanno osservato di nuovo le stesse equazioni e le hanno valutate nuovamente mentre erano in uno scanner per la risonanza magnetica funzionale (fMRI). Gli scienziati hanno trovato che quanto più un'equazione veniva giudicata bella, tanto più intensa era l'attività del cervello in un'area chiamata campo A1 della corteccia orbito frontale mediale.  

La corteccia orbitofrontale è associata alle emozioni, e questa particolare regione ha dimostrato nei test precedenti che è correlata con le risposte emotive alla bellezza visiva e musicale. I ricercatori si sono chiesti se la tendenza non si estenderebbe anche per la bellezza matematica, che "ha origini intellettuali più profonde rispetto alla bellezza visiva o musicale, che sono più 'sensibili' e più basate sulla percezione”, come hanno scritto in un articolo che descrive i risultati pubblicato il 13 Febbraio su “Frontiers of Human Neuroscience”.

Lo studio della bellezza matematica ha permesso di testare il ruolo della cultura e dell'apprendimento nel gradimento estetico. Gli scienziati hanno ipotizzato che mentre anche le persone senza una preparazione musicale o artistica possono apprezzare i lavori di Beethoven o di Michelangelo, solo quelle che comprendono il significato che si cela dietro certe formule matematiche potrebbero trovarle belle.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275

Per verificare questa idea, i ricercatori hanno quindi presentato delle equazioni anche a un gruppo di non matematici, rilevando che i loro cervelli mostravano una risposta emotiva minore. “Abbiamo avuto una persona che non ha visto nulla in ogni tipo di equazione” dice Zeki. Lo studio però ha mostrato che anche senza capire tutte le equazioni, qualcuno dei partecipanti non esperti ne aveva comunque giudicato belle alcune; forse, ipotizzano gli autori dell'esperimento, a causa della loro forma, simmetria e altre qualità estetiche.

I matematici dicono di non essere sorpresi dai risultati. “Quando vedo una bellissima costruzione matematica, o un'argomentazione inattesa e magnificamente intricata con elementi logici che si incastrano in modo preciso in una dimostrazione, provo la stessa sensazione di quando osservo qualche forma di arte che mi colpisce”, spiega il matematico Colin Adams, del Williams College di Williamstown, nel Massachusetts.  Daina Taimina, matematica della Cornell University a Ithaca, nello Stato di New York, sostiene che i risultati matematici "suonano come una melodia. Per me le equazioni sono belle se hanno una soluzione elegante o portano a risultati inaspettati e sorprendenti”. Capire che cosa è la bellezza, per non parlare degli elementi che rendono bella una cosa non è certamente facile. La bellezza non è semplicemente qualcosa di piacevole che porta felicità. In fondo, anche le cose tristi possono essere belle. “Si può sperimentare la bellezza anche nel dolore”, spiega Zeki. Prendiamo la Pietà di Michelangelo, con la Vergine Maria che tiene Gesù Cristo morto tra le sua braccia. “Non è certo gioiosa, ma è molto bella”.

Alcuni scienziati si chiedono se la bellezza non sia troppo complicata per essere rilevata da una scansione fMRI. “Il concetto di bellezza è una distrazione di indagine neuroscientifica contemporanea”, spiega il neuroscienziato Bevil Conway, del Wellesley College di Wellesley, nel Massachussets. “L'uso disinvolto di questo termine negli studi di fMRI dimostra un'ignoranza riguardo alla grande storia della filosofia sulla bellezza, che ha lasciato pochi dubbi sulla impossibilità di rinchiudere il concetto in una scatola”.

frattaleConway dice che è un fan del lavoro di Zeki e ritiene che i risultati dello studio siano interessanti. Tuttavia le correlazioni tra ricompensa, processi decisionali e reazioni emotive, che costituiscono la risposta del cervello alla bellezza, rendono il termine troppo scivoloso per essere inquadrato. “Il fatto che dovrebbe esserci un meccanismo comune per il complesso insieme di processi che ci consentono di apprezzare la bellezza è un contributo notevole, ma dice poco, o forse nulla, su quello che costituisce la bellezza”.

Zeki e colleghi ammettono che la bellezza non è rigorosamente definita, ma affermano che i loro studi potrebbero portare verso una conoscenza più profonda di questa idea. "Il problema che affrontiamo riguarda i meccanismi neurali che ci permettono di sperimentare la bellezza”, spiega Zeki. “La questione centrale che emerge da questo lavoro per il futuro è: perché un'equazione è bella?”. Lo studio ha rivelato per esempio che la bellezza delle equazioni non è del tutto soggettiva. La maggior parte dei matematici ha concordato nel giudicare quali equazioni sono belle e quali sono brutte, come l'identità di Eulero, per esempio, (1+e elevato a iπ = 0) è stata valutata quasi all'unanimità come l'equazione più attraente di tutte. “In questa equazione compaiono tre numeri fondamentali, e, πe i, tutti definiti in modo indipendente e tutti di fondamentale importanza a modo loro”, dice Adams. “E improvvisamente compare questa relazione tra loro, espressa dall'equazione, che richiede complessivamente non più di sette simboli per essere scritta: è sbalorditivo”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275

In fondo alla classifica della bellezza, invece, spesso i matematici mettono le serie infinite di Srinivasa Ramanujan per 1/π:  “Non canta”, dice Adams. “Se la guardo, non imparo nulla di nuovo sul pi greco. E quei numeri, 26.390 e 9801? Per quanto mi riguarda, si potrebbe sostituirli con altri numeri e non coglierei la differenza”.

 

 

(La versione originale dell’articolo è su scientificamerican.com)

 

 

 

  |   Letto: 3161 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.